Suicida risparmiatore BpVi, era malato

(ANSA) – VICENZA, 16 GIU – Un ex operaio, di 69 anni, piccolo risparmiatore della Banca popolare di Vicenza, si è suicidato ieri sera nella sua abitazione a Montebello Vicentino, sparandosi un colpo d’arma da fuoco. In un biglietto l’uomo ha scritto ‘non ce la faccio più’, dando poi indicazioni sul suo funerale. Pare che l’uomo fosse molto malato. L’avv. Renato Bertelle, che difende azionisti della Banca popolare di Vicenza, ha riferito che l’ex operaio, assieme al fratello, si era rivolto al suo studio per una consulenza proprio per i risparmi investiti nella banca berica. “E’ solo il primo – ha detto – speriamo che non ce ne siano altri”. L’ipotesi che il suicidio sia legato alla perdita di parte dei risparmi sarebbe stata fatta, secondo quanto si è appreso, anche da un familiare nei momenti successivi alla scoperta della morte del congiunto. La notizia del suicidio è stata comunicata alla procura della repubblica di Vicenza. L’uomo si è sparato con una pistola revolver regolarmente detenuta.

Condividi: