Giochi: si oppone a installazione slot, sindaco indagato

(ANSA) – TIRANO (SONDRIO), 25 GIU – Si erano opposti all’installazione di 35 slot-machine nel bocciodromo e l’allora sindaco di Tirano, Pietro Del Simone, con gli assessori Martino Della Vedova, Bruno Ciapponi Landi, Sergio Mascioni, Francesco Saligari col funzionario comunale Rosaria Lazzarini sono finiti sotto inchiesta dalla Procura di Sondrio per l’ipotesi di abuso d’ufficio. La società che si era aggiudicata il bando per la gestione del bocciodromo si era vista revocare l’assegnazione quando il Comune di centrosinistra aveva saputo dell’intenzione di installare le macchinette mangia-soldi. A quel punto gli imprenditori avevano presentato denuncia. Ora, dopo circa 3 anni dall’esposto a Palazzo di giustizia, gli avvisi di garanzia a carico dell’ex amministrazione pubblica. “I miei assistiti – dichiara l’avvocato Guido Della Frattina – si riservano di rendere interrogatorio nei prossimi giorni. Ma sin d’ora possiamo dire che l’imputazione di abuso d’ufficio appare come una forzatura”.

Condividi: