Doping: parte petizione ‘We want Schwazer at Rio’

(ANSA) – BOLOGNA, 4 LUG – “We want Alex Schwazer at the Olympics in Rio!”, noi vogliamo Alex Schwazer alle Olimpiadi di Rio!: è la petizione lanciata su www.change.org a sostegno della partecipazione ai giochi del marciatore altoatesiono, dopo la vicenda della positività agli steroidi anabolizzanti. Positività contestata dallo stesso Schwazer e dal suo preparatore, il prof.Sandro Donati, una delle bandiere dell’antidoping a livello mondiale. Oggi la Procura di Bolzano ha aperto un fascicolo in cui l’atleta è presunta parte lesa, dopo la denuncia contro ignoti dell’altoatesino. In poco tempo la petizione ha ottenuto una settantina di firme virtuali. Tra i commenti quello di Sandro Donati: “Sono il suo allenatore, ho trascorso la mia vita lottando il doping, per questo sono stato emarginato per anni dalle Istituzioni sportive, posso garantire l’assoluta pulizia di Alex e l’incredibile contrasto tra lo ‘strano’ controllo dell’ 1 gennaio e i risultati di altri 14 controlli antidoping della Iaaf e di 35 test ematici a sorpresa”.

Condividi: