Pantani, anche la Dda di Bologna archivia l’inchiesta

(ANSA) – BOLOGNA, 6 LUG – La famiglia di Marco Pantani ha chiesto al Gip di Forlì che ordini la prosecuzione delle indagini sull’intervento della Camorra nel Giro d’Italia del 1999 “perché il reato non è prescritto”. E l’invio degli atti “alla Dda di Napoli, per competenza”. Lo spiega l’avvocato Antonio De Rensis, che ha discusso la propria opposizione alla richiesta di archiviazione della Procura, presente all’udienza con il sostituto procuratore Lucia Spirito. Il Gip si è riservato la decisione. Intanto si è appreso che dopo l’archiviazione a Rimini dell’ inchiesta bis sulla morte del campione di Cesenatico, anche la Dda di Bologna, con il Pm Enrico Cieri, ha archiviato il fascicolo che aveva recentemente aperto, mantenendosi in contatto con gli inquirenti delle due città romagnole. Non sono stati rilevati profili per ipotizzare reati di criminalità organizzata ed è stata disposta un’archiviazione interna, senza dunque passare da un giudice.

Condividi: