Lascia il carcere e festeggia con un tuffo, morto 20enne

(ANSA) – MILANO, 12 LUG – Era in gita con la comunità di recupero detenuti a cui era stato affidato a fine pena e ha deciso di tuffarsi nel fiume Adda per fare una nuotata: così ha perso la vita un ventenne romeno, deceduto stamane al San Raffaele di Milano, dopo due giorni di agonia. Domenica pomeriggio il giovane si era gettato nelle acque del fiume a Cassano D’Adda (Milano), ignorando il divieto di balneazione, per festeggiare il suo ingresso nella comunità di recupero con cui era in gita. Scomparso nella corrente, i suoi accompagnatori hanno dato l’allarme. Poco dopo il ventenne è stato individuato privo di coscienza e recuperato dai vigili del fuoco, intervenuti insieme ai carabinieri di Cassano D’Adda. Trasportato in ospedale il giovane non si è ripreso ed è deceduto stamane. È il secondo caso di morte per annegamento in un mese nella zona.

Condividi: