Brexit: università Gb rischiano uscita anche da Erasmus

(ANSA) – LONDRA, 24 LUG – La Gran Bretagna dopo aver scelto l’addio all’Europa rischia di vedere anche i suoi studenti e le università esclusi dal celebre programma Erasmus. E’ l’allarme lanciato sulle pagine dell’Observer da Ruth Sinclair-Jones, che dirige nel Regno Unito l’interscambio degli studenti europei e parla di un ”momento di grande incertezza”. Non solo i giovani britannici potrebbero venir esclusi da importanti periodi di formazione all’estero ma gli atenei del Regno finirebbero col subire cospicui tagli di fondi alle loro finanze, fondamentali ad esempio per la ricerca. Al momento, sempre stando a Sinclair-Jones, non ci sono ancora conseguenze dirette, ma ”sul lungo periodo, la situazione è del tutto incerta”, e già dall’anno prossimo ci potrebbero essere drastici cambiamenti. Secondo i dati diffusi dall’Observer, si contano 120 mila studenti dai Paesi Ue nelle università del Regno e di questi 27.400 appartengono al programma Erasmus che paga attraverso borse di studio le loro rette.

Condividi: