Papa: cure mediche anche per i più poveri e disagiati

(ANSA) – ROMA, 31 AGO – “Se si guarda all’uomo nella sua totalità si può avere uno sguardo di particolare intensità ai più poveri, ai più disagiati ed emarginati perché anche a loro giunga la vostra cura, come anche l’assistenza e l’attenzione delle strutture sanitarie pubbliche e private”. Così il Papa nel suo intervento alla Fiera di Roma alla giornata conclusiva del Congresso annuale della Società Europea di Cardiologia. “Dobbiamo lottare perché non ci siano scartati, in questa cultura dello scarto che viene proposta”, ha aggiunto ‘a braccio’. “Anche io sono stato nelle mani di alcuni di voi”, ha detto il Papa ai medici. “Vi rinnovo il mio apprezzamento per il vostro lavoro e chiedo al Signore di benedire la ricerca e la cura medica, in modo che a tutti possa giungere il sollievo dal dolore, una maggior qualità della vita e un accresciuto senso di speranza”. “E’importante che l’uomo di scienza, mentre si misura con il grande mistero dell’esistenza umana, non si lasci vincere dalla tentazione di soffocare la verità”.

Condividi: