Bovini trattati con anabolizzanti, sette rinvii a giudizio

(ANSA) – TORINO, 15 SET – Somministravano anabolizzanti a bovini destinati al mercato alimentare. I proprietari di una azienda agricola con 26 allevamenti di bestiame nelle province di Cuneo, Novara ed Alessandria, sono state rinviate a giudizio per concorso nel reato di adulterazione di sostanze alimentari. Stesso provvedimento da parte dell’autorità giudiziaria di Torino anche per il medico veterinario che ha avvallato e predisposto le procedure per la somministrazione dei farmaci, i tecnici dell’azienda che hanno eseguito materialmente le pratiche illegali e una impiegata che ha falsificato i documenti necessari per avviare gli animali al macello. Sono in tutto sette le persone rinviate a giudizio nell’ambito dell’inchiesta della guardia di finanza, che ha sequestrato cinquemila dosi di farmaci provenienti dalla Cina e destinate ai capi allevati. Per ostacolare l’identificazione degli animali, gli imputati sostituivano le ‘marche auricolari’ e i documenti necessari al tracciamento dei capi di bestiame. (ANSA).

Condividi: