Mafia: Borsellino quater, slitta la requisitoria dei pm

(ANSA) – CALTANISSETTA, 20 OTT – “Giovanni Aiello è sempre reperibile al domicilio noto in Montauro?” Il dubbio su una possibile fuga di Aiello lo pone il deputato del Pd Davide Mattiello, componente delle Commissioni Giustizia e Antimafia, dopo che un quotidiano oggi riporta stralci del verbale di interrogatorio del 3 maggio scorso nel quale il collaboratore Nino Lo Giudice accusa l’ex poliziotto noto come “faccia di mostro”, di quasi tutti molti delitti di Cosa Nostra. Intanto al processo Borsellino quater che si svolge a Caltanissetta, è nuovamente slittata la requisitoria dei pm perché dovranno prima essere ascoltati i pentiti di ‘ndrangheta Antonino Lo Giudice detto “Il nano” e Consolato Villani. La Procura nissena ha chiesto questa mattina alla Corte d’assise – che ha dato il proprio assenso – di ascoltare i due collaboranti; una decisione che i magistrati hanno preso dopo aver appreso che la Procura di Palermo ha trasmesso ai colleghi nisseni alcuni verbali di interrogatorio degli stessi Villani e Lo Giudice.

Condividi: