‘Cure’ malati Sla e Parkinson in centro estetico

(ANSA) – TERNI, 27 SET – Proponeva a malati di patologie degenerative come Sla, sclerosi multipla, artrite reumatoide e Parkinson, terapie spacciate come miracolose e alternative alla medicina tradizionale (il protocollo Seven to stand), ma risultate prive di validità scientifica, una presunta associazione a delinquere finalizzata alla truffa smantellata a Terni dalla polizia, che ha arrestato sei persone (uno ai domiciliari). In carcere sono finiti un avvocato, che aveva fondato l’associazione “Università popolare Homo&Natura”, un farmacista di Rieti il quale avrebbe preparato i farmaci anche con sostanze provenienti dalla Cina, una fisioterapista del centro estetico “Forme di bellezza” di Terni, un medico odontostomatologo direttore sanitario della stessa struttura nella quale veniva applicato il protocollo, e un ingegnere biomedico che si occupava del rifornimento dei farmaci e della divulgazione del programma, prevalentemente su internet. Almeno 240 i malati coinvolti ai quali venivano chiesti tra 2 e 4 mila euro.

Condividi: