Regionali: firme false, assolto Podestà in appello

(ANSA) – MILANO, 30 SET – E’ stato assolto “per non aver commesso il fatto” dalla Corte d’appello di Milano l’ex presidente della Provincia Guido Podestà, che in primo grado era stato condannato a 2 anni e 9 mesi di reclusione per il caso delle circa 900 firme ritenute false e poste a sostegno del listino di Roberto Formigoni e della lista Pdl per le elezioni regionali lombarde del 2010. In appello sono inoltre state ridotte le pene per tre ex consiglieri provinciali: Massimo Turci (2 anni) e Barbara Calzavara (1 anno e 6 mesi con sospensione condizionale) e Marco Martino (8 mesi). Per l’altro ex consigliere, Nicolò Mardegan, invece, è stata dichiarata la nullità della richiesta di rinvio a giudizio. Il risarcimento a favore dell’amministrazione provinciale, parte civile, è stato ridotto a 30 mila euro. “Ho preso la decisione di lasciare la politica, una decisione presa non solo a causa di questa indagine, ma anche per questo” ha detto Podestà, confermando che non intende ritornare in politica.

Condividi: