Pregiudicato ucciso per errore:omicida, “aiutò mia famiglia”

Pubblicato il 12 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – CAGLIARI, 12 OTT – E’ scoppiato in lacrime davanti al gip Roberto Cau che lo stava interrogando, ricordando che Sandro Picci, il 47enne che ha ucciso per errore domenica scorsa nel quartiere di Is Mirrionis a Cagliari, aveva anche organizzato la colletta per pagare il funerale di sua nonna. Martin Aru, il 24enne reo confesso dell’omicidio, non ha retto alle ore di interrogatorio davanti al giudice e al pm Guido Pani. Alla fine, l’avvocato difensore Marco Fausto Piras, ha chiesto di sospendere il faccia a faccia perché il suo assistito piangeva e non era più in grado di affrontare l’interrogatorio iniziato di mattina alle 9:40 e interrotto solo poco prima delle 13. Dopo il giovane è stato sentito anche il padre, Massimiliano Aru, arrestato con l’accusa di concorso nel delitto, che è assistito dall’avvocato Stefano Siotto Pintor. Dopo la confessione fatta subito dopo l’arresto, oggi Martin Aru ha iniziato a rispondere alle domande del giudice Cau confermando tutto quanto ciò che aveva già dichiarato agli investigatori. Ha confermato di aver sparato temendo che la persona con cui stava discutendo stesse estraendo qualcosa dalla cintola, ma di aver colpito Picci per errore. E’ proprio a quel punto che, non reggendo più la tensione emotiva, il ragazzo ha avuto una crisi che ha reso necessario l’intervento dei medici e l’interruzione dell’interrogatorio sollecitata dal difensore. “Ho ucciso una persona che non c’entrava nulla – avrebbe detto tra le lacrime – uno che ha sempre aiutato la mia famiglia”. In precedenza, poi, il giovane aveva cercato di alleggerire la posizione del padre, dicendo al giudice che il genitore non sapeva della pistola, mentre la frusta Massimiliano Aru l’avrebbe sequestrata al figlio per evitare che la usasse. Non è escluso che Martin Aru possa essere sentito nuovamente dal gip nei prossimi giorni per riprendere l’interrogatorio interrotto. A scatenare il delitto un post su Facebook, seguito da una lite sulla chat di WhatsApp, ritenuto da Aru un insulto così pesante da doversi vendicare con una spedizione punitiva. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

11:02Camorra: arrestato consigliere comunale nel Salernitano

(ANSA) - SALERNO, 22 FEB - Maxi operazione dei carabinieri della compagnia di Battipaglia (Salerno) diretti dal capitano Erich Fasolino che hanno arrestato 15 persone (14 in carcere e uno ai domiciliari) tra reggenti, referenti di zona ed affiliati del clan camorristico Pecoraro-Renna. Tra gli arrestati anche un consigliere comunale di minoranza di Pontecagnano Faiano, nel Salernitano. Tredici persone sono accusate di associazione per delinquere di stampo camorristico finalizzata alle estorsioni aggravate dal metodo mafioso. Per il consigliere comunale si ipotizza il concorso in attentato contro i diritti politici del cittadino e violenza privata con le modalità tipiche delle associazioni mafiose. Un'altra persona - ai domiciliari - è accusata di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Tutti i dettagli saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa, alle ore 10.30 in Procura, a Salerno. (ANSA).

10:58Guardia Finanza sequestra beni per un milione a pregiudicato

(ANSA) - BOLOGNA, 22 FEB - La Guardia di Finanza di Bologna ha sequestrato beni immobili per oltre un milione ad un 53enne, già componente di una banda di rapinatori che tra il 2003 ed il 2005 aveva assaltato oltre 40 bancomat nel nord Italia, per un bottino di oltre due milioni. Il sequestro riguarda 4 immobili a Bologna e nei comuni limitrofi di Anzola e Casalecchio di Reno. Le indagini, coordinate dal pm Antonella Scandellari, hanno accertato come uno dei componenti della banda, dopo una condanna definitiva ed essere stato sottoposto a misura di prevenzione personale, aveva omesso di comunicare alla Guardia di Finanza operazioni di carattere patrimoniale compiute tra il 2011 ed il 2014 (acquisto e cessione di immobili, barche, auto e quote societarie). Il Codice delle leggi Antimafia prevede per le persone sottoposte a misura di prevenzione l'obbligo di comunicare al Corpo per dieci anni tutte le variazioni del proprio patrimonio di importo superiore ai 10.329 euro. L'uomo rischia una condanna fino a 6 anni di reclusione. (ANSA).

10:45Iran: esplosione in edificio a Teheran, 5 morti e 6 feriti

(ANSA) - TEHERAN, 22 FEB - Cinque persone sono morte e altre sei sono rimaste ferite ferite la scorsa notte a seguito di un'esplosione avvenuta in un fabbricato nella zona Sud-Ovest di Teheran. Secondo i primi accertamenti, l'esplosione sarebbe stata causata da una fuga di gas nelle condutture. Secondo quanto riferito dal Dipartimento di emergenza di Teheran, due donne e un bambino sono morti sul colpo, mentre altre due persone sono morte dopo il ricovero in ospedale. Gravi anche le condizioni degli altri feriti. A seguito dell'esplosione sono stati distrutti anche altri due edifici vicini.

10:43‘Ndrangheta:operazione Ps contro cosche Lamezia,14 arresti

(ANSA) - CATANZARO, 22 FEB - Operazione antimafia della Polizia di Stato di Catanzaro e dello Sco per l'esecuzione di 14 arresti nei confronti di esponenti di spicco delle cosche di 'ndrangheta Iannazzo e Cannizzaro-Daponte, attive nel lametino. Dalle indagini, coordinate dalla Dda di Catanzaro, sono emerse le loro responsabilità in relazione a numerosi episodi estorsivi ai danni di imprenditori. Le persone coinvolte erano state tutte condannate, nei giorni scorsi, in sede di giudizio abbreviato, a pene significative in quanto ritenute responsabili di associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidio, estorsione e traffico di armi. Le attività investigative sono state coordinate dal procuratore aggiunto della Dda, Giovanni Bombardieri, e dal pm Elio Romano, con la supervisione del procuratore Nicola Gratteri. È stato accertato l'accordo, formalizzato attraverso veri e propri "summit mafiosi", tra le cosche Iannazzo e Giampà per la spartizione dei proventi del racket, secondo un collaudato sistema operativo.(ANSA).

10:32Netanyahu in visita in Australia

(ANSA) – SYDNEY, 22 FEB – E’ giunto oggi a Sydney per una visita ufficiale di quattro giorni in Australia il primo ministro Benjamin Netanyahu, primo capo di governo israeliano in carica a visitare il paese. Netanyahu, che è accompagnato da una delegazione imprenditoriale, ha incontrato oggi il primo ministro conservatore australiano Malcolm Turnbull e avrà colloqui con il leader dell’opposizione laburista Bill Shorten, la premier del New South Wales Gladys Berejiklian e altri leader. Scambi commerciali, cooperazione in cyber-sicurezza e in intelligence, la guerra in Siria e il processo di pace in Medio Oriente sono al centro dei colloqui. Netanyahu e Turnbull firmeranno inoltre accordi bilaterali riguardanti scienza e tecnologia e servizi aerei, oltre a discutere le operazioni di un ‘innovation hub’ per aiutare imprenditori australiani a fare affari in Israele.

10:23Sfregiata con acido: Gessica, occhio bendato forse due mesi

(ANSA) - RIMINI, 22 FEB - "É passata solo una settimana dall'intervento all'occhio sinistro, i dottori dicono che è andato tutto bene, però ancora non so dirvi se riesco a vedere meglio di prima perché l'occhio dovrà rimanere chiuso e bendato per un bel po' di tempo, forse addirittura per un paio di mesi. Purtroppo per questo motivo non riuscirò a rispondere a tutti i vostri messaggi, ci ho provato ma è un enorme sforzo per l'occhio destro". Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata sotto casa con l'acido in un agguato la notte del 10 gennaio, è tornata su Facebook dall'ospedale di Cesena, dove è ricoverata, dopo il video pubblicato il 9 febbraio, per aggiornare gli amici sulle sue condizioni di salute. Un messaggio che ha in breve raccolto oltre 3.300 'mi piace' e decine di condivisioni. "Grazie ancora a tutti - scrive - per i bellissimi messaggi, in una circostanza così assurda mi state regalando delle emozioni veramente forti. Vi voglio tanto bene". Per l'aggressione è in carcere Edson Tavares, il suo ex fidanzato. (ANSA).

10:20Turchia: retate anti-Isis a Istanbul, 35 arresti

(ANSAmed) - ISTANBUL, 22 FEB - Almeno 35 presunti militanti dell'Isis sono stati arrestati all'alba in blitz compiuti dall'antiterrorismo turca nella periferia asiatica di Istanbul. Secondo l'agenzia statale Anadolu, retate simultanee sono state condotte in 41 diversi indirizzi dei quartieri di Sultanbeyli e Pendik, durante i quali sono stati sequestrati materiale militare e documenti cartacei e digitali. All'inizio di febbraio, una serie di operazioni contro sospette cellule del Califfato aveva portato a oltre 750 arresti in tutta la Turchia.

Archivio Ultima ora