Tav: Alberto Perino assolto da accusa ricettazione

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – TORINO, 17 OTT – E’ stato assolto dall’accusa di ricettazione il leader storico dei No Tav della Valle di Susa, Alberto Perino, processato per un episodio legato all’aggressione di una troupe di giornalisti di H24-Corriere Tivù. Il 29 febbraio 2012 i teleoperatori vennero circondati e affrontati da una quarantina di persone mentre, a Chianocco, stazionavano nei pressi dell’autostrada Torino-Bardonecchia, dove era in corso un presidio No Tav: le loro attrezzature furono danneggiate e portate via. Perino è stato chiamato in causa (e la Procura aveva chiesto 10 mesi e 20 giorni di carcere) perché dopo quella che era stata definita un’attività di mediazione, aveva restituito ai giornalisti il materiale preso in consegna. Per il giudice Luca Del Colle, che ha accolto la tesi dei difensori Danilo Ghia e Cristina Patrito, “il fatto non costituisce reato”. “A Perino – aveva detto Ghia – andavano riconosciuti dei meriti, non dei capi d’imputazione”. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

02:32Referendum: Salvini, pronti a voto con ogni legge

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - "Attendiamo rispettosamente la sentenza della Consulta, che speriamo arrivi presto. Ma al di là di qualunque scelta della Consulta siamo pronti a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, commenta le dimissioni di Matteo Renzi. Sulla richiesta di Renzi al fronte del No di formulare una proposta di legge elettorale, Salvini aggiunge: "Non pensiamo che l'Italia possa permettersi mesi di dibattito sulla nuova legge elettorale", ha aggiunto. Salvini ha aggiunto che quella del 4 dicembre deve essere considerata una "giornata eccezionale, una giornata di liberazione nazionale". (ANSA).

02:28Referendum: de Magistris, respinto stalker autoritario

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Da Napoli già liberata: la Costituzione è salva. Grande vittoria della democrazia. Renzi, stalker autoritario, è stato respinto. Ora lotta popolare per liberare l'Italia e per la sovranità al popolo - dice il sindaco de Magistris - Lavoreremo, con i movimenti popolari, per attuare la più bella Costituzione nata dalla Resistenza. Nessun politicante, vecchio e nuovo, si permetta di mettere il cappello sulla vittoria. Il vincitore è solo uno:il Popolo,viva la libertà e la Rivoluzione".

02:20Renzi, mia esperienza al governo finisce qui

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa riforma è stata quella che abbiamo portato al voto, non siamo stati convincenti, mi dispiace, ma andiamo via senza rimorsi. Come era chiaro sin dall'inizio l'esperienza del mio governo finisce qui". Lo afferma Matteo Renzi in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

01:32Quinto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40,9%, No 59,1%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quinto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40,9% ed il No al 59,1%. Il dato si basa su una copertura del 40% del campione.

01:22Quarto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40-42%, No 58-60%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quarto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-42% ed il No al 58-60%.

01:20Prima proiezione Emg per La7, Sì 40,8%, No 59,2%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base alla prima proiezione Emg per La7 sul referendum, con una copertura del 10%, il Sì si attesta al 40,8%, il no al 59,2%.

01:17Referendum: Salvini, se finisce così Renzi dimissioni subito

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - "Se fossero confermati questi dati, dico se, Renzi dovrebbe dimettersi nei prossimi minuti. E si dovrebbe andare a votare subito, senza governicchi". Così il commento del segretario della Lega, Matteo Salvini, nella sede della Lega in via Bellerio a Milano ha commentato i primi exit poll che danno in netto vantaggio il No. "Sfidiamo la scaramanzia. Se vittoria sarà, sarà vittoria di popolo contro tre quarti del mondo. Grazie ai cittadini italiani che hanno votato in tanti. Numero uno sono stati sconfitti i gufi. Numero due, se saranno confermati gli exit poll sarebbe grande vittoria italiana. Renzi dunque dovrebbe dimettersi". "Siamo pronti da subito a dare un'alternativa perché l'opzione Renzi gli italiani l'hanno rottamata - ha aggiunto - per il centrodestra si apre una stagione di responsabilità e di possibile vittoria".

Archivio Ultima ora