Etruria: ostacolo vigilanza,pm,2 anni e 8 mesi ex presidente

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – AREZZO, 19 OTT – Una condanna a due anni e otto mesi per l’ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari e per l’ex dg Luca Bronchi, a due anni per il dirigente dell’istituto di credito aretino Davide Canestri. Queste le richieste fatte dal procuratore della Repubblica di Arezzo Roberto Rossi e dal pm Julia Maggiore al processo, con rito abbreviato davanti al gup Annamaria Loprete, per i tre imputati del primo filone di inchiesta sul crac di Banca Etruria, relativo all’ipotesi di reato di ostacolo all’autorità di vigilanza. Per il prossimo 21 ottobre sono previste le arringhe degli avvocati difensori. Il verdetto dovrebbe arrivare tra una settimana, il 26 ottobre, giorno in cui è stata fissata un’altra udienza.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

16:59Usa: prima donna supera corso per ufficiale fanteria Marine

(ANSA) - NEW YORK, 26 SET - Una donna fa la storia e supera, per la prima volta, il massacrante corso dei Marine per diventare ufficiale di fanteria. E' la prima donna a compiere tale impresa e il suo successo viene celebrato dal comandate dei Marine, il generale Robert Neller, che twitta una sua della ragazza e scrive: ''sono orgoglioso dell'ufficiale''.

16:56Mose: udienza per aziende per mancato controllo funzionari

(ANSA) - VENEZIA, 26 SET - Con l'udienza preliminare, si è aperto al Tribunale di Venezia il procedimento alle otto aziende coinvolte nella vicenda Mose per il mancato controllo dei propri funzionari infedeli che hanno utilizzato fondi in nero ed eluso il fisco. Il filone d'inchiesta è legato al decreto legislativo che prevede di indagare un'impresa che non controlla l'operato dei propri dirigenti. Tra le imprese coinvolte, la Cooperativa San Martino e la Codemar hanno annunciato di aver raggiunto un accordo con la Procura per il patteggiamento. Altre due - la Mantovani e Adria Infrastrutture - hanno detto di avere in corso la stessa procedura. Il Consorzio Venezia Nuova, Fincosit, Condotte e Technostudio al momento vanno avanti con il procedimento, in attesa che venga definito per poi decidere se optare per il patteggiamento. La Regione Veneto, la Presidenza del Consiglio e i ministeri dell'Economia e dei Trasporti non sono stato riconosciuti parti civili.

16:55Matera 2019: firmato il Contratto istituzionale di sviluppo

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non è un'iperbole dire - come ha fatto il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri - che è una giornata storica. Fatto storico è Matera 2019 e il contratto istituzionale che firmiamo oggi è un passo importantissimo, necessario, in vista di quell'appuntamento". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, dopo la firma del contratto istituzionale di sviluppo per Matera 2019 a Palazzo Chigi. Al premier si è rivolto il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella: "Dopo aver posto in agenda Matera capitale della cultura, abbiamo come regione recuperato la sfida titanica, per un regionalismo nuovo, di maggiore cooperazione e sintonia con il governo nazionale. Vogliamo vincere la scommessa, con lei e il suo Governo".

16:39Matera 2019: De Vincenti, stanziati circa 400 mln

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "E' una giornata importante che apre fino in fondo la strada per la realizzazione di Matera 2019. Questo contratto di Sviluppo fornisce la struttura di governance che consentirà di accelerare al massimo gli interventi per il grande evento sia per Matera che per il nostro Paese". Lo dice il ministro Claudio De Vincenti presentando a Palazzo Chigi il Contratto istituzionale di sviluppo per "Matera 2019 Capitale europea della cultura". Sono previsti "interventi diretti su Matera 2019 per 106,4 milioni e su Basilicata 2019 per 284,9 milioni. Più il bando periferie per 13,12 milioni. Nel complesso circa 400 milioni a disposizione".

16:37M5s: Di Battista, fiducia in Di Maio, restare compatti

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Candidarsi a premier non è mica obbligatorio, qua l'unica cosa che è obbligatoria è restare compatti perché ci aspettano mesi durissimi". Lo scrive in un post su facebook Alessandro Di battista, che pubblica il discorso che avrebbe dovuto tenere a Italia 5 Stelle. "Io sono un battitore libero", prosegue Di Battista spiegando di non essersi candidato premier perché proprio perché si considera "un battitore libero" e aggiungendo: "Ho fiducia in Luigi, anche lui si è caricato il Movimento sulle sue spalle. E va sostenuto".

16:35Crollo Roma: chiesti tre rinvii a giudizio e una condanna

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Per il proprietario dell'appartamento di Lungotevere Flaminio 70, che causò il crollo parziale del palazzo la notte del 22 gennaio del 2016, il pm di Roma ha chiesto oggi una condanna ad un anno di reclusione (con pena sospesa). Giuseppe Rigo De Righi, che ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato, è accusato di concorso in disastro colposo assieme ad altre tre persone per le quali il pm Antonella Nespola, davanti al gup Costantino De Robbio, ha chiesto il rinvio a giudizio. Rischiano di dovere affrontare un processo l'architetto Massimo Canepa, legale rappresentante della Edilarch 88 srl, del progettista Roberto Mattei e del titolare della ditta esecutrice dei lavori Pasquale Fama'. Secondo l'impianto accusatorio i lavori svolti all'ultimo piano dell'immobile, una costruzione che risale agli anni '30, determinarono il collasso del sesto e settimo piano così come accertato da una consulenza tecnica. Nell'appartamento furono eliminati tutti i tramezzi compromettendo la stabilità del palazzo.

16:34Consiglio Stato, sì a obbligo vaccini scuole infanzia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Già a decorrere dall'anno scolastico in corso, trova applicazione la regola secondo cui, per accedere ai servizi educativi per l'infanzia e alle scuole dell'infanzia, occorre presentare la documentazione che provi l'avvenuta vaccinazione". E' quanto specifica un parere del Consiglio di Stato sulla normativa vigente in materia di obbligo vaccinale, reso in risposta a un quesito del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. Intanto oggi si è saputo che la Corte Costituzionale ha fissato al prossimo 21 novembre l'udienza per trattare il ricorso della Regione Veneto contro il decreto del ministro Lorenzin sui vaccini. A rendere nota la data è stata l'Associazione dei malati da emotrasfusione e da vaccini (Amev), che sostiene il ricorso della Regione Veneto con un proprio ricorso chiedendo la sospensione dell'efficacia del decreto ministeriale e producendo documentazione su "effetti collaterali e danni da vaccinazioni".

Archivio Ultima ora