Messico: assassinato un altro giornalista in stato Veracruz

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

(ANSA) – CITTA’ DEL MESSICO, 20 MAR – Un altro giornalista è stato assassinato in Messico nello stato di Veracruz. Ricardo Monlui, presidente dell’associazione di categoria di Cordoba e collaboratore di vari quotidiani e riviste, è stato freddato mentre usciva da un ristorante con la moglie e il figlio a Yanga, vicino Cordoba. La polizia ha immediatamente avviato una mobilitazione per cercare i responsabili dell’omicidio. Il Messico è uno dei cinque Paesi più pericolosi per i giornalisti, secondo l’ultimo rapporto dell’Unesco. Tra il 2011 e il 2016 nel solo stato di Veracruz i giornalisti uccisi sono stati 16, tutti durante la gestione del governatore Javier Duarte che ha concluso da poco il suo mandato ed è ricercato dalla giustizia per corruzione. Il 17 agosto scorso 500 scrittori, giornalisti e intellettuali di tutto il mondo hanno chiesto al presidente messicano Enrique Pena Nieto di garantire inchieste approfondite sugli omicidi dei giornalisti.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:25Morto Faccia da mostro: Procura sequestra casa e barca

(ANSA) - CATANZARO, 22 AGO - La Procura antimafia di Reggio Calabria ha disposto il sequestro probatorio della casa, della barca e del telefono cellulare di Giovanni Aiello, l'ex poliziotto della Mobile di Palermo conosciuto come "Faccia da mostro", deceduto ieri mattina sulla spiaggia di Montauro. Il provvedimento è stato disposto dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo titolare dell'inchiesta "'Ndrangheta stragista" che vedeva coinvolto lo stesso Aiello già sottoposto a perquisizione lo scorso 24 luglio. Si tratta di un sequestro probatorio in attesa degli esiti dell'autopsia disposta dalla Procura di Catanzaro. Gli accertamenti degli uomini della Squadra mobile sono proseguiti fino a tarda notte. Gli investigatori hanno raccolto anche la testimonianza della moglie di Aiello. Nell'attesa che venga effettuato l'esame autoptico, il corpo di Aiello si trova nel policlinico universitario di Catanzaro.

13:09Calcio: ufficiale, Kalinic nuovo giocatore del Milan

(ANSA) - MILANO, 22 AGO - Nikola Kalinic è ufficialmente un nuovo giocatore del Milan, l'undicesimo acquisto del club rossonero in questa sessione di mercato. "Ac Milan comunica - si legge sul sito - di avere acquisito a titolo temporaneo, con obbligo di riscatto, da Ac Fiorentina le prestazioni sportive di Nikola Kalinic che ha firmato un contratto con il Club rossonero fino al 30 giugno 2021". Kalinic indosserà la maglia numero 7.

13:02Barcellona: atterrato a Verona volo con feretri italiani

(ANSA) - VERONA, 22 AGO - E' atterrato poco fa all'aeroporto militare di Villafranca di Verona il Boeing 767 dell'Aeronautica militare che ha trasportato le salme di due dei tre italiani morti nell'attentato di Barcellona, Luca Russo, di Bassano del Grappa (Vicenza) e Bruno Gulotta, di Legnano (Milano). Dopo gli onori militari e l'accoglienza da parte delle autorità - per il Veneto è presente il governatore Luca Zaia - i feretri proseguiranno verso le rispettive città di provenienza.

12:43Ischia:salvato Mattias, vigili ormai vicini a Ciro

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - E' stato estratto vivo dai vigili del fuoco uno dei due bambini sotto le macerie ad Ischia. Si tratta di Mattias: il bimbo sta bene. I vigili del fuoco hanno ormai raggiunto e stanno lavorando per estrarre anche Ciro. Anche lui sta bene, secondo le informazioni dei vigili del fuoco.

12:41Polizia sequestra 300 pastiglie di yaba, un arresto

(ANSA) - MONFALCONE (GORIZIA), 22 AGO - Oltre 300 pastiglie di yaba, una micidiale sostanza sintetica nota come "Droga della pazzia" o "Droga di Hitler", sono state sequestrate dagli agenti del commissariato di Polizia di Monfalcone (Gorizia) che hanno arrestato un cittadino bengalese - N.M., di 36 anni - che vive a Monfalcone ed é regolarmente impiegato in una ditta di carpenteria L'uomo è stato fermato durante servizi straordinari di controllo del territorio, intensificati in seguito ai recenti atti di terrorismo. La yaba é una sostanza stupefacente a base di metanfetamina; a volte viene miscelata con i residui della lavorazione dell'eroina ed è molto diffusa nei paesi asiatici (Bangladesh e India, in particolare). Induce mancanza di sonno per lunghi periodi, scatena comportamenti violenti e crea subito una forte dipendenza causando gravi danni alla salute. Veniva utilizzata dall'esercito tedesco per rendere i soldati insensibili alla fatica durante la Seconda guerra mondiale.

12:31Mondiali 2018: il 25/8 convocati della Spagna per l’Italia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Julen Lopetegui diramerà la lista dei convocati della Nazionale spagnola per le partite contro Italia e Liechtenstein venerdì 25 agosto, alle 12,30. Lo annuncia la Federcalcio spagnola. Le 'Furie rosse' affronteranno la Nazionale di Ventura il 2 settembre nello stadio Bernabeu di Madrid e il 5 torneranno in campo a Vaduz, per la sfida contro il Liechtenstein. Entrambe le partite, che si disputeranno alle 20,45, fanno parte della fase di qualificazione ai Mondiali dell'anno prossimo in Russia. Sempre il 25 agosto, ma alle 12,45, fa sapere la Federcalcio spagnola, verranno resi noti anche i convocati della Spagna Under 21: la squadra di Albert Celades affronterà l'Italia a Toledo il primo settembre, il giorno prima del match fra le Nazionali maggiori. (ANSA).

12:15Barcellona: killer in fuga avrebbe fatto 34 km a piedi

(ANSA) - MADRID, 22 AGO - Younes Abouyaaqoub, il killer della Rambla ucciso ieri nei vigneti di Soubirat, avrebbe fatto 34 km a piedi da solo per sfuggire alle ricerche e ai posti di blocco della polizia camminando di notte e dormendo di giorno: e' la prima ipotesi degli inquirenti ripesa dai media locali. Quando è stato finalmente intercettato e ucciso, Younes aveva un aspetto sporco e trascurato, scrive La Vanguardia. L'ultima volta che era stato visto, da un testimone giovedì sera alla periferia di Barcellona, si trovava a 34 chilometri dal luogo in cui è stato ucciso. Younes era solo. Ma non portava gli stessi abiti che aveva giovedì nell'attacco contro la folla alla Rambla. Non è chiaro dove possa esserseli procurati. Gli altri 11 membri della cellula terrorista non potevano aiutarlo, erano morti o detenuti. Indossava una falsa cintura esplosiva e aveva con se' tre coltelli. Il giorno prima sua madre aveva lanciato un appello perchè si consegnasse alla polizia: "preferisco vederlo in prigione piuttosto che morto".

Archivio Ultima ora