Calcio: Spagna,Real-Barcellona si gioca 23 aprile alle 20.45

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

(ANSA) – MADRID, 20 MAR – Si giocherà domenica 23 aprile con inizio alle 20.45 il ‘Clasico’ della Liga spagnola tra Real Madrid e Barcellona, in programma al Santiago Bernabeu e valido per la 33/a giornata del campionato. Lo ha annunciato la lega calcio spagnola. L’ente ha deciso di fare una comunicazione ufficiale dopo che erano sorte svariate voci sull’orario d’inizio del match, e anche su un possibile anticipo al sabato. Il Real arriverà a questa sfida, decisiva per l’assegnazione del titolo, con un giorno in più di riposo rispetto al Barca: Cristiano Ronaldo e soci giocheranno infatti contro il Bayern il ritorno dei quarti di Champions martedì 18 aprile, mentre Messi e compagni se la vedranno al Camp Nou con la Juve mercoledì 19.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

14:43Brexit: May difende sua proposta su diritti cittadini Ue

(ANSA) - LONDRA, 28 GIU - Theresa May ha ribadito oggi durante il Question Time alla Camera di Comuni di considerare "generosa" la proposta avanzata nei giorni scorsi sui diritti dei cittadini di Paesi Ue che vivono nel Regno Unito dopo che la Brexit sarà attuata, proposta giudicata invece insufficiente a Bruxelles. La premier Tory - messa sotto pressione da una deputata laburista che segnalava lo scetticismo di numerosi cittadini europei residenti nel suo collegio londinese sulle garanzie promesse - ha risposta che il suo pacchetto rappresenta "un'offerta generosa" e che garantirà agli interessati "gli stessi diritti dei cittadini britannici".

14:41Siria: ong, bombe grappolo su villaggio Isis, 15 morti

(ANSA) - BEIRUT, 28 GIU - Almeno 15 persone, tra cui donne e bambini, sono morti dopo un attacco con bombe a grappolo lanciato sul loro villaggio, controllato dall'Isis, nell'est della Siria. Lo hanno denunciato attivisti siriani. Secondo la rete Deir Ezzor 24 le bombe sono state sganciate da un jet non identificato sul villaggio di Doblan, sul fiume Eufrate. Russi, siriani e la coalizione a guida Usa sono tutti impegnati in raid aerei in quest'area.

14:40Migranti: passo formale Italia con Ue, situazione grave

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Passo formale dell'Italia con la Commissione Europea sul tema dell'immigrazione. A quanto apprende l'ANSA, il governo avrebbe dato mandato al Rappresentante presso la UE, l'ambasciatore Maurizio Massari, di porre formalmente al commissario per le migrazioni Dimitris Avramopoulos il tema degli sbarchi in Italia. Messaggio consegnato dall'Italia alla Commissione: la situazione che stiamo affrontando è grave, l'Europa non può voltarsi dall'altra parte. È insostenibile, viene spiegato a motivare il passo italiano, che tutte le navi che fanno operazioni di salvataggio approdino in Italia. Altrimenti - sottolineano fonti diplomatiche del nostro Paese - si potrebbe arrivare a negare l'approdo nei porti per le navi che non battono bandiera italiana e non facciano parte di missioni europee.

14:37Senza lavoro si dà fuoco: salvata da marocchino,’la capisco’

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - "Quando uno perde il lavoro arriva a compiere gesti disperati, la capisco...". Anas Sabi, marocchino di trent'anni, parla così della donna che ieri si è data fuoco negli uffici torinesi dell'Inps. Originario di Casablanca, l'uomo era in coda allo sportello, dietro alla donna, le cui condizioni restano critiche. "L'ho vista prendere fuoco, è stato terribile - racconta - ringrazio il Signore per avermi dato la forza di reagire e per avermi fatto rimanere calmo e lucido". Anas ha corso verso l'estintore, lo ha afferrato e l'ha attivato. E ora "prego per lei - dice - perché tutto si risolva per il meglio". In Italia da quando è ragazzino, il marocchino era all'Inps perché anche lui disoccupato. "Mi occupavo di impianti elettrici, e grazie a questo lavoro riuscivo a mantenere tutta la famiglia. Siamo in cinque. Ora non riesco più. Non sono sposato. Come faccio senza un soldo?". Per ringraziarlo del coraggio e dell'altruismo, Anas è stato ricevuto questa mattina negli uffici dell'Inps. (ANSA).

14:30Moto: Biaggi, ora insegnerò ai giovani

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Ho rischiato di non esserci più e ho capito che la vita è un dono prezioso e non va sprecata. Ho ripercorso il film della vita e ho capito che ora non devo dimostrare più niente a nessuno. Il mio obiettivo adesso è quello di riprendermi, è quello di dare amore e felicità a mio figlio e alle persone che mi amano e che amo". Così Max Biaggi in un'intervista a Premium Sport all'indomani delle dimissioni dall'ospedale e a 19 giorni dall'incidente sul circuito di Latina. "Ho pensato molto alle persone che conoscevo bene, come Michael Schumacher e Nicky Hayden e ho capito che a volte basta davvero un battito di ciglio per perdere tutto - ha aggiunto il pilota romano -. Se tornerò a correre in moto? La passione è intoccabile ma darò spazio ai giovani promettenti. Voglio insegnare loro che ormai il solo talento non basta più in questo lavoro, ma servono altre cose che io posso trasmettere. Per fare questo lavoro ho sempre fatto tanti sacrifici: ora posso dire che la mia vita è bella".

14:30Papa: le pensioni d’oro sono un’offesa al lavoro

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 28 GIU - "Le 'pensioni d'oro' sono un'offesa al lavoro non meno grave delle pensioni troppo povere, perché fanno sì che le diseguaglianze del tempo del lavoro diventino perenni". Lo ha detto il Papa nella udienza ai delegati della Cisl, guidati dal segretario generale Annamaria Furlan, ricevuti in occasione del congresso nazionale. Per il Papa è "urgente un nuovo patto sociale per il lavoro, che riduca le ore di lavoro di chi è nell'ultima stagione lavorativa, per creare lavoro per i giovani che hanno il diritto-dovere di lavorare". Nel lavoro - ha aggiunto - "la donna è di seconda classe, guadagna di meno, è più facilmente sfruttata, fate qualcosa". Ai sindacalisti il Papa ha detto: "Nelle nostre società capitalistiche avanzate il sindacato rischia di smarrire la sua natura profetica, e diventare troppo simile alle istituzioni e ai poteri che invece dovrebbe criticare, alla politica, o meglio, ai partiti politici, al loro linguaggio, al loro stile".

14:25Doping: ultima frontiera, positivo 14enne

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - L'ultima frontiera del doping, arrivare sempre più giù fino a travolgere atleti che sono poco più che bambini: un test di Nado Italia, apprende l'Ansa, ha infatti trovato positivo al Mesterolone (potente anabolizzante) un ciclista di appena 14 anni. Si tratta di un vero e proprio record negativo: il controllo è stato effettuato in occasione di una gara regionale. L'atleta è stato subito sospeso dal tribunale nazionale antidoping del Coni, su proposta della Procura.

Archivio Ultima ora