Terrorismo: inneggiava alla jihad, tunisino espulso

Pubblicato il 26 giugno 2017 da ansa

(ANSA) – MODENA, 26 GIU – Avrebbe inneggiato in alcune occasioni alla jihad, la cosiddetta ‘guerra santa’, mentre era detenuto nel carcere Sant’Anna di Modena. Risulta anche questo a carico di H.M.E., tunisino 39enne, espulso dal territorio nazionale, dopo che la polizia di Modena lo ha prelevato dalla cella accompagnandolo alla frontiera marittima di Genova, dove è stato imbarcato per la Tunisia. Era monitorato dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e dalla Digos proprio per i suoi atteggiamenti a favore dell’estremismo islamico. Già destinatario del divieto di dimora per due anni nel Comune di Modena, e di un ordine di espulsione, stava espiando la pena di anni 3 di reclusione per i droga e porto abusivo di armi, su sentenza del Tribunale di Modena. In passato i sindacati della polizia penitenziaria avevano lanciato un allarme proprio su episodi di radicalizzazione nel carcere modenese. A marzo un marocchino di 25 anni, M.C., detenuto sempre nello stesso carcere è stato espulso a sua volta dal territorio nazionale.(ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

20:58Finlandia: italiana ferita era con figlia sei mesi

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Lisa Biancucci, la ricercatrice rimasta ferita nell'attentato di Turku, quando ha subito l'aggressione era con la figlia di sei mesi nel passeggino. Il particolare è stato reso noto dallo zio della donna che vive come gli altri familiari a Bibbiena, la cittadina aretina di cui è originaria la giovane studiosa e dove Lisa Biancucci si trovava fino a sabato scorso, quando è ripartita con il marito per Turku: è era venuta a Bibbiena per far battezzare la piccola. (ANSA).

20:51In codice rosso 4 ore per trasferimento,muore 23enne

(ANSA) - NAPOLI, 19 AGO - Ricoverato in codice rosso, aspetta quattro ore per essere trasferito in un altro ospedale per l'esecuzione di una agioTac. Ore che sarebbero risultate fatali per un 23enne che, a Napoli, è morto il giorno dopo il ricovero. E' quanto rende noto il consigliere regionale della Campania, Francesco Borrelli che diffonde la denuncia presentata dal responsabile del Pronto Soccorso del Loreto Mare Alfredo Pietroluongo dove, tra l'altro, si legge che si è verificata una "inosservanza ai più elementari doveri professionali".

20:41Migranti: Serracchiani, Minniti in FVG il 5 settembre

(ANSA) - TRIESTE, 19 AGO - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, sarà in Friuli Venezia Giulia il primo 5 settembre "per fare il punto con i prefetti e le forze dell'ordine" sulla situazione dei migranti in regione. Lo ha reso noto, in serata, la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, riferendo che Minniti "ha risposto positivamente all'invito della Regione" che nei giorni scorsi gli aveva inviato una lettera per rappresentare la situazione dei migranti in regione, con particolare riferimento a quella "complessa di Gorizia e del suo territorio".

20:32Turista romano ucciso in Brasile

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Lo hanno ritrovato in uno stanzino, riverso a terra in una pozza di sangue. Massimiliano Bottoni, turista italiano di 54 anni, è stato ucciso ad Armação de Búzios, in Brasile. Secondo le prime informazioni rilasciate dagli investigatori e dai media locali, sembra che ad ucciderlo, a coltellate, sia stata una prostituta, la 28enne Amanda Cabral Vasconcellos, dopo averlo ospitato per tre giorni in casa sua. La donna è stata arrestata insieme con Paulo Giovani Carvalho de Oliveira, un 36enne sospettato di essere una delle persone ingaggiate dalla prostituta per nascondere il corpo di Bottoni. Il movente dell'atroce delitto non è ancora stato chiarito, anche se sembra possa esserci stata una lite al termine di un festino organizzato a casa della donna arrestata. A Roma gli amici di Bottoni sono sotto shock, stentano ancor a credere a quanto sia successo. "Non era certo quel tipo di persone che si mette nei guai", racconta Giuseppe, al fianco di Massimiliano dai tempi delle scuole medie.

20:30Cancello fuori dai binari, bimbo muore vicino Roma

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il cancello è uscito improvvisamente dai binari e lo ha schiacciato: un bambino di 4 anni, in vacanza con la mamma e la sorellina di un anno, è morto oggi pomeriggio ad Anzio, località balneare vicino a Roma. La notizia è stata diffusa dalla compagnia di elisoccorso Elitaliana che è intervenuta sul posto. I medici hanno tentato di rianimare il piccolo per 45 minuti, ma senza successo.

20:24Calcio: Serie A, Juventus-Cagliari 3-0

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Tutto facile per la Juventus che, nell'esordio del campionato di Serie A, batte il Cagliari in casa per 3-0. Di Mandzukic, Dybala e Higuain le reti del successo dei bianconeri che, quando il punteggio era sull'1-0, hanno rischiato di essere raggiunti dai sardi, a causa di un rigore concesso dall'arbitro Maresca con l'ausilio della Var. Ci ha pensato Buffon a rimediare, parando la conclusione sbilenca di Farias e mantenendo imbattuta la propria porta.

20:10Tennis: quattro leggende si confrontano a Porto Cervo

(ANSA) - PORTO CERVO, 19 AGO - Ha preso il via la seconda edizione del Porto Cervo Star tennis classic. I nuovi campi veloci del Porto Cervo Tennis Club ospitano fino a domani quattro leggende del tennis: Muster, Enqvist, Rusedski e Santoro, fuoriclasse che hanno segnato almeno tre decadi della storia di questo sport. Nella conferenza stampa che si è svolta all'hotel Cala di Volpe i quattro giocatori hanno raccontato interessanti aneddoti della loro carriera. Thomas Muster, campione austriaco, ha vinto un Roland Garros ("il mio ricordo più bello", ha detto in conferenza), tre tornei di Montecarlo e quattro Internazionali di Roma. Thomas Enqvist, svedese, è stato per diversi anni nei primi cinque al mondo e ha vinto un Master Series Atp. Per lui resta indelebile il ricordo della vittoria della Coppa Davis. Greg Rusedski, canadese ma britannico d'adozione, è stato numero 4 al mondo nel 1997. L'anno successivo vinse i Paris Masters in finale contro Pete Sampras "e quello è stato il momento più bello della mia carriera". Ricordi anche per Fabrice Santoro figlio di un insegnante di tennis: "Avevo sei anni e a bordo campo c'erano queste racchette di legno pesanti quasi mezzo chilo - spiega -. Io le impugnavo con due mani, perché erano molto pesanti, e spedivo le palle in campo. Non ho più smesso". Domani nuova giornata di gare con inizio sempre alle 18:30. Si disputeranno la finale per il terzo e quarto posto e la finale per stabilire il vincitore. L'ingresso al Cervo Tennis Club è a offerta libera e l'incasso sarà devoluto in beneficenza. (ANSA).

Archivio Ultima ora