Archivio tag | "carbone"

Tags:

Unione Europea verso stop a carbone. Cina punta sulle rinnovabili

Pubblicato il 09 gennaio 2018 da ansa

Per intesa Parigi in Ue serve stop carbone entro 2030 Foto di Axel Hochkirch © ANSA

 

 

ROMA. – Donald Trump è isolato nel suo proposito di far ripartire la produzione e il consumo di carbone negli Stati Uniti per dare al suo paese l’autosufficienza energetica e garantire lavoro e profitti negli stati “carboniferi”, che lo hanno votato in massa. Molti paesi europei hanno già fissato una data per la chiusura delle loro centrali a carbone. La Cina ha bloccato la costruzione di nuove centrali e sta puntando decisamente sulle rinnovabili.

GAS SERRA

Il carbone è estremamente inquinante: per le polveri sottili (ne sanno qualcosa le metropoli cinesi), ma soprattutto per l’anidride carbonica, principale gas serra. A parità di elettricità prodotta, questo combustibile emette il 40% in più di CO2 rispetto al gas naturale e il 20% in più rispetto al petrolio. I principali esperti mondiali sono concordi nel sostenere che la chiusura delle centrali a carbone è una condizione necessaria per il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima.

EUROPA

Il Belgio ha già fermato le centrali a carbone nel 2016. Italia, Francia, Finlandia, Portogallo, Irlanda, Austria, Svezia e Danimarca le chiuderanno entro il 2025, l’Olanda nel 2030. La Gran Bretagna, prima e dopo la Brexit, ha confermato la volontà di rinunciare al carbone entro il 2025. La Germania, che ricava dal carbone il 40% della sua elettricità, non ha ancora fissato una data per l’abbandono di questo combustibile fossile. Berlino tuttavia è leader nelle rinnovabili, col 33% dell’elettricità da fonti pulite.

Lo stesso non si può dire per altri paesi dell’est: la Polonia ricava dal carbone l’80% della sua elettricità, Repubblica Ceca, Bulgaria e Grecia il 50%. Nel dicembre del 2017 l’Unione europea ha deciso la riduzione progressiva dei sussidi alle centrali a carbone a partire dal 2025 e l’abolizione di questi dal 2030.

CINA

Il Dragone è il principale produttore di gas serra al mondo (28% delle emissioni) e conta soprattutto sul carbone per la produzione di energia, con risultati disastrosi per l’inquinamento atmosferico. Per questo, a gennaio 2017 ha annunciato che fermerà la costruzione di 104 nuove centrali a carbone e che investirà 361 miliardi di dollari fino al 2020 in fonti di energia rinnovabili, per arrivare a quella data al 15% del mix energetico. Un investimento che creerà 13 milioni di posti di lavoro nel settore. Nel 2016 la Cina è diventata il primo produttore di energia solare al mondo, mentre il costo delle sue centrali fotovoltaiche è crollato del 40%.

(di Stefano Secondino/ANSA)

Commenti (0)

Ultima ora

21:08Calcio: Verdi dice no, Napoli vira su Deulofeu e Lucas

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Deulofeu, Lucas, Politano, Inglese. Ricomincia da capo il mercato del Napoli dopo il no di Simone Verdi che ha spiazzato il club azzurro. L'ipotesi tenuta in caldo in questi giorni è quella di Gerard Deulofeu, chiuso al Barcellona, che già conosce la serie A grazie ai sei mesi giocati al Milan. Deulofeu si può strappare ai catalani per circa 18 milioni di euro. Poi c'è Lucas Moura, 25 anni, brasiliano, esterno destro che può giocare anche a sinistra. Più complicata la trattativa con il Sassuolo che ha già detto diverse volte no al Napoli e all'Inter per la cessione di Matteo Politano in questa sessione di mercato. Ma il Napoli potrebbe anche tornare su Roberto Inglese, centravanti in prestito al Chievo. Il no di Verdi ha scatenato una bufera social con tanto di insulti dei tifosi partenopei sui profili del calciatore del Bologna e repliche a distanza dei tifosi emiliani, molti anche a sfondo razzista nei confronti de napoletani.

21:08Calcio: Fiorentina, giovedì test coi dilettanti del Grassina

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - La Fiorentina prosegue la preparazione della trasferta di domenica contro la Samp. Una partita importante per testare le ambizioni europee dei viola e allungare ulteriormente la striscia positiva che dura in campionato da otto partite, due vittorie e sei pareggi di cui due consecutivi al Franchi con Milan e Inter. Raggiungendo contro i blucerchiati il nono risultato utile di fila consecutive, la Fiorentina eguaglierebbe un primato centrato l'ultima volta nel febbraio 2012. Pioli dovrà provarci però senza due pedine importanti quali il capitano David Astori e il centrocampista Jordan Veretout, fermi per squalifica. Il tecnico dei viola sta valutando il modo migliore per sostituirli e non a caso ha fissato per giovedì una partitella a porte chiuse con i dilettanti del Grassina: servirà a testare le varie possibili soluzioni. Sul fronte mercato, in Francia accostano la Fiorentina ad Aguilar del Montpellier, ma si tratta solo di rumors. La società viola è ancora a caccia di una squadra per Sanchez.

21:03Doping: Nado Italia, un anno di stop a Lucioni

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - La prima sezione del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia ha squalificato per un anno il difensore del Benevento, Fabio Lucioni, e per 4 anni il medico del club sannita, Walter Giorgione, per l'utilizzo non consentito della sostanza Colostebol, accogliendo integralmente le richieste della Procura antidoping di Nado Italia. Entrambi i tesserati hanno annunciato ricorso.

20:40Baby gang: Minniti, individuati responsabili ultimi atti

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Possiamo dire di essere sulla buona strada o di aver già individuato i responsabili delle violenze inaccettabili di questi giorni a Napoli. Questo grazie all'aumento dell'efficienza dei mezzi di contrasto, in particolare la videosorveglianza" ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, al termine del vertice con le forze dell'ordine che si è tenuto in prefettura a Napoli. "Non dico che le baby gang siano terroristi, ma usano metodiche di carattere terroristico: quella di colpire perché si è casualmente in un posto. Abbiamo un'assimilazione di metodiche tipiche di altre attività criminali. C'è una violenza nichilista che non ha alcun rispetto per il valore della vita, ed è ancora più drammatico se impatta con dei giovanissimi" ha aggiunto il ministro.

20:30Tobagi: giudice Salvini, omicidio si poteva evitare

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Nella vicenda Tobagi ci sono state certamente delle leggerezze e delle inadempienze. Prima dell'omicidio i carabinieri avevano avuto dei segnali precisi del fatto che Tobagi fosse diventato di nuovo un obiettivo" di un gruppo terroristico che stava nascendo. Se queste informative fossero state valutate con attenzione si sarebbe potuto evitare quello che è successo". Lo ha detto Guido Salvini, giudice milanese, a margine di un incontro all'Associazione lombarda dei giornalisti (Alg) sull'omicidio del giornalista del Corriere della Sera Walter Tobagi, ucciso dal gruppo terroristico XXVIII marzo, il 28 maggio 1980. A sostegno della sua tesi ("i vertici della Procura di Milano e dei carabinieri sapevano che Tobagi era tornato nel mirino dei terroristi, ma sottovalutarono le informative ricevute"), il giudice Salvini ha riferito di due testimonianze raccolte: quella dell'ex generale dell'Arma Nicolò Bozzo ("una persona affidabile e perbene") e dell'ex capitano dei carabinieri Roberto Arlati.

20:25Incidente in ditta: 2 operai morti, altri due gravissimi

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Sono morti due dei 4 operai che questo pomeriggio sono rimasti intossicati da esalazioni tossiche durante le operazioni di pulizia di un forno all'interno di una ditta di materiali ferrosi in via Rho, a Milano. All'arrivo del 118 le loro condizioni erano già disperate, sono morti poco dopo il trasporto in arresto cardiaco all'ospedale di Monza e al Sacco di Milano. Gravissimi gli altri due dipendenti.

20:25Migranti: 1.400 salvati oggi, recuperati 2 cadaveri

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Sono circa 1.400 i migranti tratti in salvo oggi nel Mediterraneo Centrale, in 11 distinte operazioni di soccorso, coordinate dalla Centrale operativa della Guardia Costiera: sono stati recuperati anche due corpi privi di vita. I migranti si trovavano a bordo di 7 gommoni e 3 barchini e 1 barcone. Hanno preso parte alle operazioni di soccorso la motovedetta CP319 della Guardia Costiera di Lampedusa, una unità del dispositivo Eunvaformed, una della Guardia di Finanza e unità Ong.

Archivio Ultima ora