Orgoglio Ferrari in Malesia, Alonso straordinario

Pubblicato il 25 marzo 2012 da redazione

ROMA – Il presente e il possibile futuro della Ferrari protagonisti a sorpresa del Gran Premio della Malesia. In una gara fortemente condizionata dalla pioggia, a spuntarla, grazie ad una strategia perfetta e alla prontezza degli uomini ai box, èla Rossadi Fernando Alonso, bravissimo a non sbagliare nulla e a resistere alla Sauber del messicano Sergio Perez, pilota da tempo nell’orbita di Maranello.
Dopo aver guadagnato tre posizioni al semaforo verde, lo spagnolo sfrutta tutto il possibile sul tracciato bagnato di Sepang, sorprendendo sia McLaren che Red Bull al termine della sospensione di quasi un’ora causata dal diluvio.
Terza al traguardola Frecciad’argento, ieri un po’ bagnata, di Lewis Hamilton, mentre è solo 11º il campione del mondo Sebastian Vettel, mai in grado di lottare per il vertice e estromesso dalla zona punti dal cedimento di uno pneumatico nel finale. Male l’altro ferrista Felipe Massa, 15º dietro Jenson Button, frenato da una collisione conla Hrtdi Karthikeyan. Un acquazzone equatoriale, quello caduto nel pomeriggio sul circuito di Sepang, che ha lavato via come per magia tutte le debolezze della Ferrari, capace con Alonso di schizzare sul bagnato più veloce di tutti.
A cominciare dalla partenza, quando l’asturiano, che scattava dalla ottava piazza, riesce a portarsi a ridosso dei primi prendendosi la quinta posizione dietro alle solite Red Bull e McLaren. Hamilton e Button si tengono stretta la prima fila conquistata in qualifica, mentre delude rispetto a sabatola Mercedesdi Michael Schumacher, che va in testacoda per un contatto conla Lotusdi Grosjean: il tedesco è così 13º (finirà decimo) e il giovane francese è costretto al ritiro. Ancora pochi giri e sulla gara di Sepang arriva come un fulmine la pioggia: un violento acquazzone costringe i commissari di pista a neutralizzare il Gp dopo soli 6 giri per motivi di sicurezza. Entra così la safety-car sul tracciato in attesa che le condizioni migliorino: in testa sempre le due McLaren di Hamilton e Button davanti alla Sauber di Perez e alla Red Bull di Webber. Quintala Ferraridi Alonso.
Continua a diluviare e la corsa viene fermata con la bandiera rossa: a nove giri dal via il Gran Premio della Malesia è sospeso, con tutte le vetture posizionate sulla griglia di partenza in attesa di buone notizie dal cielo. Passa poco meno di un’ora e la pioggia finalmente comincia a calare d’intensità: si riparte con tutte le monoposto dietro alla safety-car, che lascia la pista al giro 13. Sono al comando ancora le due McLaren di Hamilton e Button davanti alla Sauber di Perez e alla Red Bull di Webber.
Poco dopo però lo scenario cambia completamente a vantaggio della Ferrari di Alonso: non piove più e tutte le vetture si catapultano ai box per sostituire le gomme da bagnato estremo e montare quelle intermedie. Lo spagnolo prende la testa della corsa grazie al capolavoro dei meccanici di Maranello e all’indecisione di quelli della McLaren, aggravata dalla collisione di Button conla Hrtdi Karthikeyan, che lo fa scivolare in 20ª posizione. E come d’incanto Alonso comincia a sfoderare una serie di giri veloci guadagnando su tutti gli inseguitori, che vedono Perez secondo davanti a Hamilton, alla Mercedes di Rosberg, a Vettel ed alla Lotus di Raikkonen. Ottava l’altra vettura della casa di Maranello con Massa.
Si arriva a metà gara con la pista che continua ad asciugarsi e Alonso in grado di mantenere il comando inseguito dalla Sauber di Perez. Messicano cresciuto nel vivaio di Maranello che non fa sconti allo spagnolo avvicinandosi pericolosamente grazie ad una Sauber più in palla. Ma al giro 40 l’asturiano della Ferrari è lesto a mettere le gomme da asciutto riuscendo a guadagnare un po’ sul 22enne pilota di Guadalajara, che aspetta ancora un giro per andare ai box. Ma la sofferenza per i tifosi della Ferrari non è finita: Perez, nonostante dai box arrivi la comunicazione che “il secondo posto è molto importante” non si accontenta e si fa di nuovo sotto. Finché a cinque giri dalla bandiera a scacchi arriva la doccia fredda per il messicano: finisce su un cordolo e va lungo in curva perdendo ogni speranza di riacciuffare Alonso, che vola via verso una vittoria insperata.
Un trionfo sotto la pioggia che perla Ferrarivale una incredibile iniezione di fiducia in un campionato cominciato in salita e che ora vede, contro ogni pronostico, Alonso al comando del Mondiale piloti.

LE CLASSIFIHE
Lo spagnolo balza in vetta
ROMA – Classifica del Gp di Malesia, seconda prova del Mondiale di Formula 1, svoltosi sul circuito di Sepang, vicino a Kuala Lumpur.

1. Fernando Alonso (Spa/Ferrari)310,408 kmin 2 h 44:51.812

2. Sergio Perez (Mex/Sauber-Ferrari) a 2.263

3. Lewis Hamilton (Gbr/McLaren-Mercedes) 14.591

4. Mark Webber (Aus/Red Bull-Renault) 17.688

5. Kimi Raikkonen (Fin/Lotus-Renault) 29.456

6. Bruno Senna (Bra/Williams-Renault) 37.667

7. Paul di Resta (Gbr/Force India-Mercedes) 44.412

8. Jean-Eric Vergne (Fra/Toro Rosso-Ferrari) 46.985

9. Nico Hulkenberg (Ger/Force India-Mercedes) 47.892

10. Michael Schumacher (Ger/Mercedes-AMG) 49.996

11. Sebastian Vettel (Ger/Red Bull-Renault) 1:15.527

12. Daniel Ricciardo (Aus/Toro Rosso-Ferrari) 1:16.828

13. Nico Rosberg (Ger/Mercedes-AMG) 1:18.593

14. Jenson Button (Gbr/McLaren-Mercedes) 1:19.719

15. Felipe Massa (Bra/Ferrari) 1:37.319

Classifica mondiale piloti: 1. Fernando Alonso (Spa) 35 punti, 2. Lewis Hamilton (Gbr) 30, 3. Jenson Button (Gbr) 25, 4. Mark Webber (Aus) 24, 5. Sergio Pérez (Mex) 22, 6. Sebastian Vettel (Ger) 18, 7. Kimi Raikkonen (Fin) 16, 8. Bruno Senna (Bra) 8, 9. Kamui Kobayashi (Gia) 8, 10. Paul di Resta (Sco) 7, 11. Jean-Eric Vergne (Fra) 4, 12. Daniel Ricciardo (Aus) 2, 13. Nico Hulkenberg (Ger) 2, 14. Michael Schumacher (Ger) 1,

 Classifica mondiale costruttori: 1. McLaren 55 punti, 2. Red Bull 42, 3. Ferrari 35, 4. Sauber 30, 5. Lotus-Renault 16, 6. ForceIndia 9, 7. Williams-Renault 8, 8. Toro Rosso 6, 9. Mercedes-AMG 1.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora