Galliani sfida il Barca: tanta voglia di vincere

Pubblicato il 02 aprile 2012 da redazione

BARCELLONA –Allegri-attaccare- difendereA esprimere la volontà di cercare il grande risultato è, alla fine di una giornata convulsa e caotica, proprio Adriano Galliani che con queste parole spiega il sentimento del Milan:
– Quando ti senti defraudato sei sempre più carico.
Fa ancora male la decisione di non assegnare due gol che avrebbero sospinto il Milan molto più in alto in classifica, Per questo Galliani auspica che vengano introdotti i due giudici di porta per arginare questo tipo di errori.
– Adesso, c’é il Barcellona e per batterlo bisogna fare gioco. Sarà importante Ibrahimovic. Cosa si aspetta da lui?
– Voglio vedere quel grande giocatore che è.
Contento per Cassano che si avvia ad ottenere l’idoneità, soddisfatto per il rientro tra i disponibili di Pato, Galliani è emozionato, anzi emozionatissimo.
– Più di così non posso. La Spagna è il nostro crocevia e il nostro destino.
Il Milan sfida la sorte e la cabala in una giornata improvvisamente complessa. All’alba di oggi, i controllori di volo della Frania annunciano a sorpresa uno sciopero che scombina una giornata nel segno della tranquillità. I giocatori restano a Milanello fino a poco prima della partenza che dalle 14.30 slitta alle 18 circa. Niente di grave, solo qualche disagio. Allegri si presenta sorridente ai giornalisti che lo attendono in sala stampa al Camp Nou dove arriva intorno alle 20 con i giocatori che svolgono la rifinitura praticamente in notturna.
– Il Barcellona – sottolinea Allegri – è la squadra più forte del mondo. Il Milan ha caratteristiche simili ma bisognerà giocare in modo diverso. Dobbiamo spezzare la partita in più momenti, rendendoci conto di quando è necessario attaccare, quando difendere leggendo al meglio le diverse fasi di gioco. Il Milan – aggiunge – deve adattarsi alle caratteristiche della squadra avversaria. Nella prima parte dalla gara di andata, abbiamo sbagliato molto. Il Barcellona ha avuto molto più possesso palla. Noi dobbiamo migliorare molto negli ultimi sedici metri.
Ovviamente, per Allegri, chi vincerà domani avrà molte più chance di andare in finale. L’allenatore saluta il ritorno di Pato che potrà essere importante già da domani. Ma la cosa più importante è fare gol. Allegri, prima di partire, aveva assunto un atteggiamento positivo, cercando di lasciarsi alle spalle le polemiche e le code velenose della partita contro il Catania. Il tecnico infatti aveva invitato i suoi giocatori a dimenticare il Campionato e a concentrarsi solo sul Barcellona che resta la squadra favorita per il titolo finale.
– Domani – è convinto Allegri – troveremo il miglior Barca della stagione e dobbiamo essere pronti a giocare molto bene tecnicamente e ad uscire dalla situazioni difficili in modo rapido e veloce.
L’allenatore cerca di non mettere troppa pressione a Ibrahimovic:
– Tutti sono carichi e per ogni giocatore è un’occasione importante.
Insomma Allegri scaccia via le nuvole che hanno oscurato la corsa in serie A e seppure con grande sobrietà sogna il grande risultato. Un risultato che non sarebbe impossibile per un collettivo come quello del Milan. Certamente, anche se nessuno lo dice in modo chiaro e forte, molto dipenderà da Ibrahimovic per il quale la Champions sembra una dannazione. L’allenatore esalta la prestazione dello svedese all’andata quando ha giocato senza enfasi ma al servizio della squadra.
– Una grande prova da parte di Ibra – dice Allegri che però domani vuole il gol.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora