Colombia, le Farc rilasciano gli ultimi 10 ostaggi

BOGOTA’ – Le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc) hanno liberato gli ultimi 10 ostaggi che avevano nelle mani da 12 a 14 anni. Lo ha reso noto Radio Caracol, precisando che sono stati consegnati ai membri della Commissione Colombiani per La Pace, in un luogo imprecisato della selva del dipartimento di Meta, dove sono giunti a bordo di un elicottero messo a disposizione dalle forze armate brasiliane, che sta per ritornare all’aeroporto di Villavicencio.
A condurre la mediazione sono state la Croce rossa internazionale e la ex senatrice Piedad Cordoba, leader del movimento ”Colombiani e colombiane per la pace”.
Nonostante il ritardo per la forte pioggia che ha caratterizzato la mattinata, i due elicotteri messi a disposizione dal governo brasiliano – secondo quanto stabilito nelle trattative con i rivoluzionari – sono decollati dall’aeroporto Vanguardia di Villavicencio, a 98 km a sud della capitale.
– Quella che era una speranza, è ormai una realtà – ha scritto Cordoba, in un messaggio inviato dal suo account Twitter, prima di salire sull’elicottero
Nei mesi scorsi, l’iniziativa – annunciata dalle Farc a dicembre – aveva subito dei ritardi e dei colpi di arresto, in un continuo alternarsi di speranza e timore per la vita dei sequestrati, alcuni di questi prigionieri anche da 14 anni. Molti familiari degli ostaggi stamani sono arrivati all’aeroporto, assieme ad una delegazione di personalità straniere, tra queste il premio Nobel per la pace, la guatemalteca Rigoberta Menchu (da sempre impegnata in questa causa), per salutare la partenza degli elicotteri.
Dieci anni dopo il fallimento dei negoziati tra governo e rivoluzionari, queste liberazioni vengono lette come un segnale positivo per una possibile nuova fase.