My Way – Orgoglio, pregiudizi e ideali

Pubblicato il 04 aprile 2012 da redazione

L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro; ma se il lavoro manca su cosa si fonda la nostra Repubblica? Battute a parte, si avverte un senso di giusta e fondata preoccupazione sull’argomento.
Tutto il problema del lavoro e della relativa riforma, proposta dal governo, è stato circoscritto nell’ambito del dibattito sulla questione dell’articolo 18. Mentre finora il governo aveva ricevuto un ampio consenso bipartizan sulle questioni di economia, finanza e persino sulla riforma delle pensioni, adesso vediamo che sul tema del lavoro tout-court questo appoggio sembra vacillare. Certamente il tema è di scottante attualitá e di fondamentale importanza, ma c’è qualcosa di piú che scuote gli animi degli italiani e di tutte le organizzazioni e dei partiti politici che ci rappresentano. E’ quella solita, vecchia contrapposizione che vorrebbe la sinistra come unico difensore dello stato sociale, della classe operaia, dei cosiddetti ‘deboli’ e la destra come il rappresentante della borghesia, del padrone, dell’imprenditoria. Tra questi due schieramenti si insinuano i sindacati, ritagliandosi un ruolo tipicamente di protesta condotta a voce alta, a testa bassa, a suon di scioperi e, come sempre, condita da una buona dose di populismo.
In questo scenario caotico e confuso, si dá forte risalto a notizie di cronaca nera, ovviamente molto tristi e sensazionalistiche, quali il suicidio di imprenditori che non riescono ad uscire dal profondo indebitamento cui hanno condotto le proprie aziende o le ultime immagini di un Calisto Tanzi (ex patron e fondatore del colosso Parmalat) malridotto che chiede scusa a tutti per le sue malefatte. Il governo ci mette del suo e contribuisce alla spettacolarizzazione delle sue operazioni, pizzicando nei siti piú emblematici quali Cortina, Ponte Vecchio, Milano, gli evasori di turno; credo sarebbe piú auspicabile promuovere e premiare le aziende ed i cittadini virtuosi, magari con degli sgravi fiscali, piuttosto che diffondere un clima di terrore che spaventa non solo i grandi imprenditori, ma soprattutto i piccoli commercianti. Infine vediamo come anche gli esponenti della vecchia politica siano travolti perennemente da scandali, dalla Lega di Bossi fino alla Margherita di Rutelli.
E’ vero che, come diceva il saggio Antonio nel Mercante di Venezia di Shakespeare, il mondo é un palcoscenico in cui ognuno recita la sua parte, ma ora stiamo andando ben al di lá della classica commedia all’italiana.
I sindacati, insieme con i partiti tradizionalmente di sinistra, si oppongono alle misure sulla riforma del lavoro (che non é solo la riforma dell’articolo 18) non come conseguenza di un accurato studio della stessa, ma piú come una sorta di trincea ideologica, fondata sul pregiudizio, che li vede condannati ed eticchettati a recitare un certo ruolo. Questo fa sí che tutti gli imprenditori siano descritti come degli orchi e tutti gli operai come dei fannulloni senza alcuna voglia di lavorare. Tutto ció non fa onore al nostro Paese e, soprattutto, descrive un mondo surreale, completamente diverso dalla realtá. Dovremmo pensare a descrivere bene le cose e le situazioni e a cercare le soluzioni migliori per l’Italia. Troppo spesso si confondono i credo politici con gli ideali, che dovrebbero essere comuni a tutti i cittadini che vogliono vivere in un Paese in cui la giustizia e il forte senso etico-morale siano davvero dei valori alti e condivisi.
La vera sfida va ben oltre la normativa sull’articolo 18. L’Italia deve trovare la maniera di essere una vera nazione, capace di attrarre i grandi investitori, soprattutto stranieri, invece di spaventarli e dissuaderli dall’investire nel nostro Paese: senza grandi investimenti sará impossibile creare lavoro e ricchezza, a prescindere dall’articolo 18. Lo Stato, dal canto suo, dovrebbe occuparsi di ripagare le tantissime aziende che sono ancora creditrici nei suoi confronti e di far dell’Italia un Paese in cui siano chiare le regole del gioco per tutti, in maniera inequivocabile, chiara ed efficiente. L’idea dovrebbe essere non solo di facilitare le persone nel processo di apertura di un’azienda, ma anche di ridurre quel carico di burocrazia e di regole non scritte ma che costituiscono dei passaggi obbligati piú simili a dei calvari che a dei naturali percorsi che un’azienda dovrebbe percorrere. Sarebbe opportuno mettere a lato l’orgoglio di parte, i vecchi slogan ideologici e le convenienti prese di posizioni e concentrarsi, piuttosto, su come far ripartire l’economia di un Paese troppo squilibrato e chiaramente instabile non solo dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista politico e sociale.
Andre De Vizio

  • pietro

    Mi trovo d’accordo sulla puntuale analisi della situazione politica, economica e sociale.
    E’ scorretto da parte della stampa e dei mass-media fare allarmismo su una situazione reale sì ,ma non catastrofica .Non si può pretendere dagli italiani,laboriosi e risparmiatori per antonomasia che subiscano oltre il danno anche la beffa .

  • pietro

    condivido l’analisi della triste situazione economica,sociale,politica e morale in cui vers, attualmente la nostra amata Italia.
    Ritengo che alla base di tutto cisia la mancanza di uomini di integrità morale e di capacità politica e culturale tali da essere presi a modello della popolazione. Purtroppo i continui scandali in tutti i campi non ultimi quelli legati ai partiti politici che utilizzano i fondi del popolo italiano per interessi privati creano nella comunità un senso di disorientamento e di sfiducia.
    L’articolo, come al solito, offre molti spunti di riflessione e chiude con un invito alla classe dirigente a mettere da parte l’orgoglio e gli interessi di partito o sindacali che siano per una giusta ed equa ripresa sociale e politica.

Ultima ora

21:16Natale: da Chef stellato pranzo gourmet per detenuti Verona

(ANSA) - VERONA, 18 DIC - Pranzo gourmet firmato dallo chef 'bistellato' Giancarlo Perbellini oggi per i detenuti del carcere di Montorio a Verona. Il cuoco veronese stamane è entrato nella Casa Circondariale per un'iniziativa speciale. Perbellini, a capo di ristorante insignito di due stelle dalla Guida 'rossa', ha cucinato insieme alla sua brigata un pranzo per oltre un centinaio tra detenuti e detenute, familiari e volontari del carcere di Montorio, aderendo al progetto nazionale di solidarietà "L'alt(r)A cucina...per un pranzo d'amore". L'iniziativa porta nelle carceri italiane pranzi stellati preparati da grandi chef e serviti da testimonial del mondo dello spettacolo, offrendo ai detenuti una giornata particolare e diversa. "Abbiamo portato un sorriso al palato dei detenuti - ha dichiarato Perbellini - E' stata un'esperienza irripetibile. La brigata è stata fiera di far gustare la nostra cucina a persone molto meno fortunate di noi".

21:00Sudafrica: Cyril Ramaphosa nuovo presidente dell’Anc

(ANSA) - JOHANNESBURG, 18 DIC - E' Cyril Ramaphosa il nuovo presidente dell'African National Congress (Anc), il partito che fu di Nelson Mandela, al potere in Sudafrica. E in questa veste sarà il candidato presidente alle elezioni del 2019 in sostituzione di Jacob Zuma, al secondo e ultimo mandato. Con 2.446 voti, i delegati dell'Anc hanno decretato la vittoria dell'attuale vice presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, contro la candidata concorrente, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Zuma. Ramaphosa, considerato uno degli uomini d'affari più ricchi del Sudafrica, è un veterano della lotta anti-apartheid e fu leader del potente Num (National Union of Mineworkers), il sindacato dei minatori sudafricani che con i suoi scioperi a metà anni Ottanta mise in seria difficoltà il regime segregazionista bianco. Il neo presidente dell'Anc si accredita come il riformatore che tirerà fuori l'economia sudafricana dalla morsa della corruzione nella quale, secondo le accuse, l'ha precipitata il presidente Jacob Zuma.

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

Archivio Ultima ora