Legge sui partiti: d’accordo i leader di Pd, Pdl e Udc

Pubblicato il 05 aprile 2012 da redazione

ROMA – L’urgenza, concordano tutti, c’è. E forse anche gli estremi per un decreto. Perchè il caso Lusi e il terremoto di via Bellerio mettono a nudo i vizi della gestione dei soldi da parte dei partiti della Seconda Repubblica. Ed è necessario agire, dare un segnale in fretta.
E’ ”improrogabile”, scrive Pier Luigi Bersani in una lettera a Pier Ferdinando Casini e Angelino Alfano, agire su ”trasparenza e controlli dei bilanci”. ”Passiamo dalle parole ai fatti”, concorda il leader Udc. ”Con me si sfonda una porta aperta”, risponde il segretario del Pdl.
Le proposte di legge in Parlamento ci sono, ma sono ferme. Dopo il caso Lusi i leader politici avevano concordato sulla necessità di condurre in porto dopo più di 60 anni la legge sui partiti prevista dall’art.49 della Costituzione. Ma ancora niente. Fino ad ora, almeno. Perchè lo tsunami leghista sembra indurre un’accelerazione decisiva, almeno sui bilanci.
Ieri il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha sollecitato ”adeguate iniziative”. Tocca in primo luogo ai partiti agire in Parlamento. Perciò il segretario del Pd Bersani scrive ai leader di Pdl e Udc:
”Credo che possiamo condividere una forte preoccupazione. I fatti gravissimi delle recenti inchieste giudiziarie rendono ormai improrogabile il cambiamento delle normative sulla trasparenza e i controlli dei bilanci dei partiti”. E ci sono, è convinto Bersani, ”le condizioni politiche per approvare in tempi brevissimi una legge di pochi articoli che abbia una corsia di assoluta priorita”’.
”Con me si sfonda una porta aperta”, risponde Alfano. ”Sono totalmente d’accordo”, è la risposta di Casini. ”Procediamo rapidamente, insieme anche ai colleghi del Pdl, passando dalle parole ai fatti”.
E già si notano alcuni punti di contatto tra gli interventi proposti da Bersani e quelli che si leggono nella proposta di legge firmata da Casini. Tra gli altri, il controllo della Corte dei conti sui bilanci e l’obbligo di rendere pubbliche le donazioni oltre 5 mila euro. E anche sanzioni più rigide, propone Bersani. Mentre Alfano annuncia: ”mi farò carico di un testo”, su cui lavora il Pdl, che prevede tra l’altro forme di finanziamento all’americana.
E mentre l’Idv presenta un referendum per abolire i rimborsi elettorali, dell’iter di un provvedimento sui bilanci si è iniziato a parlare anche a via Arenula, nel corso degli incontri sulla giustizia col ministro Paola Severino. Per procedere più rapidamente, l’Udc ha proposto di inserirle nel ddl anticorruzione, ma il Pd non è d’accordo. E allora si fa strada pure l’ipotesi di un decreto, che disciplini solo le norme sui bilanci.
”Siamo prontissimi” ad appoggiarlo, dichiara dal Pd Francesco Boccia. ”Se c’è la volontà di un decreto, lo sosterremo”, afferma l’Udc Roberto Rao. E Maurizio Gasparri dice che un dl o un emendamento a uno dei decreti già all’esame del Parlamento, potrebbe andare bene anche al Pdl. Il governo, ha detto Severino agli esponenti dei partiti, raccoglierà le sollecitazioni su questo tema. Ma a Palazzo Chigi (da lì dovrebbe partire l’input per un decreto) spiegano di non aver al momento esaminato la questione. Intanto, dopo l’incontro con il Pd il Guardasigilli conclude il giro di consultazioni con i partiti sulla giustizia. Ci sono ”ampi spazi per una riforma condivisa” su temi ”tra i più difficili in materia di giustizia”, afferma. La prossima settimana Severino illustrerà ai partiti le modifiche del governo al ddl anticorruzione. E il 17 la proposta di riforma sui reati contro la P.a. sarà depositata alla Camera. Piu’ in alto mare i lavori su intercettazioni e responsabilità civile dei magistrati. Ma Fabrizio Cicchitto ricorda che il Pdl si aspetta che il ministro si occupi delle intercettazioni.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora