Milan, Cassano pronto: «Ma smetto se non sto bene»

Pubblicato il 05 aprile 2012 da redazione

MILANO – Uno ha temuto il peggio, ma dopo un ictus ischemico, un intervento al cuore, e cinque mesi di allenamenti e terapie è pronto a tornare in campo. L’altro da due anni passa da un infortunio muscolare all’altro, e rischia invece di archiviare anzitempo la stagione. Antonio Cassano e Alexandre Pato sono i due volti di questo Milan, che recupera uno dei suoi talenti ma ne perde un altro, forse definitivamente.
Il volto sorridente è quello del barese, che da lunedì si allena regolarmente, spera in una convocazione per la sfida di sabato con la Fiorentina, almeno per riassaporare l’atmosfera del ritiro, a cinque mesi dal 29 novembre, quando si è sentito male di ritorno dalla trasferta di Roma.
– Da 30 anni non capisco nulla, ma per 36 ore ho fatto fatica a parlare, a ricordare le cose – ha raccontato Cassano in un’intervista a Mediaset -. Prima dell’operazione ho avuto paura ma non per me, soprattutto per i miei cari, mio figlio, mia moglie. Senza di loro non sarebbe stato un problema se fosse arrivato il mio momento.
La lista dei messaggi di affetto ricevuti in quei giorni (Mourinho, Capello, Iniesta…) è lunga, non meno di quella dei ringraziamenti, a partire dal medico rossonero Rodolfo Tavana.
– Mi ha salvato la vita, se non mi avesse preso per i capelli sarebbe stata dura stare in questo mondo – ha garantito l’ attaccante -. Non so se un’altra società mi avrebbe curato come il Milan: ringrazio il presidente Berlusconi, Barbara e Galliani che nel periodo più buio mi chiamava due volte al giorno.
E un ringraziamento va anche al ct azzurro Cesare Prandelli.
– Per me era fondamentale tornare a vivere, ma Prandelli mi ha dato una grande spinta per tornare in campo – ha raccontato -: mi ha sempre detto che mi avrebbe aspettato fino all’ultimo momento.
Lo aspetta per l’Europeo, e Cassano per convincerlo ha otto partite, fondamentali anche per lo scudetto.
– Lo vince il Milan, mica stiamo qui a pettinare le bambole – ha sorriso il barese, che nei primi allenamenti ha mostrato una buona dose di colpi di classe -. I miei piedi sono sempre buoni, bisogna valutare la forma fisica, se sono ingrassato o no – ha chiarito l’attaccante classe 1982 -. Se torno e sto bene allora ok, ma se fra cinque, sei mesi o un anno mi accorgo che non sto più in piedi ringrazio tutti e me ne vado a casa: voglio che la gente si ricordi del Cassano buono, non voglio fare compassione.
In casa Milan la soddisfazione per il ritorno di Cassano pareggia almeno la preoccupazione per Pato. La sua stagione probabilmente è già finita. Gli esami dopo l’infortunio rimediato martedì a Barcellona (pare che la proprietà sia rimasta sorpresa di vederlo in campo subito dopo il viaggio negli Usa) hanno evidenziato “una lesione muscolare tra il 1/o e il 2/o grado al bicipite femorale della coscia sinistra”.
Niente prognosi, fra un paio di settimane sono previsti nuovi esami e non è in dubbio che guarirà. Ma bisogna capire come evitare le continue ricadute che hanno svalutato il suo cartellino.
– Non so più a che santo votarmi – ha detto alla Gazzetta dello sport Jean Pierre Meersseman, che da qualche mese è tornato a lavorare a Milanello e da tre settimane ha in mano la pratica Pato. Già irritato per la piega che ha preso la vicenda, il club non ha gradito queste parole. Come si evince dal comunicato in cui si chiarisce che “tutto l’A.C. Milan è fortemente determinato a risolvere in modo positivo e nel termine più breve i problemi muscolari di Pato. Numerose strade sia diagnostiche sia terapeutiche restano aperte e non c’é dubbio che l’attuale situazione sarà superata in modo soddisfacente. Pato tornerà presto ancor più forte di prima”.

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora