Joseph Del Raso (Niaf): «Ora l’Italia è più rispettata»

NEW YORK – ”Da quando c’è il governo di Mario Monti, in America c’è più rispetto per l’Italia”. Parola di Joseph Del Raso, presidente della National Italian American Foundation (Niaf), fondazione che rappresenta 25 milioni di italoamericani che vivono negli Stati Uniti. E che si prefigge di mantenere sempre vivi la cultura, le tradizioni e il patrimonio di valori dell’Italia, oltre al contributo dato dagli italoamericani allo sviluppo e al progresso degli Stati Uniti.

A Washington è ancora vivo il ricordo per la recente visita del premier italiano, ricevuto lo scorso febbraio alla Casa Bianca dal presidente Barack Obama. Del Raso – a pochi giorni dall’annuale media forum organizzato dalla Niaf nella sede del New York Times – parla a nome di una fondazione che rappresenta un osservatorio privilegiato per sondare gli umori degli americani e degli italoamericani nei confronti del nostro Paese.
– L’immagine dell’Italia è sempre stata positiva – spiega il presidente della Niaf – legata alla cultura, alle bellezze naturali, allo stile di vita.
Ma per Del Raso – al quale nel 2005 è stato conferita la massima onorificenza dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana – non c’è dubbio che ”col nuovo governo tecnico la percezione che si ha delle vicende italiane è migliorata”.
– Monti, che ho incontrato a Washington durante la sua visita – ha detto -, è una persona molto seria, e così viene percepita da tutti qui. L’Italia ha fatto significativi passi in avanti per affrontare la crisi. E l’immagine del Paese ne risulta migliorata agli occhi degli italoamericani e degli americani in genere.
Questo porta inevitabilmente a conseguenze positive, come per esempio una maggiore predisposizione a considerare l’Italia come un partner più affidabile, anche di fronte alle sfide poste dalla crisi e dalla globalizzazione dell’economia.
Ecco che ci si collega al tema del media forum della Niaf in programma il 10 aprile a New York, e al quale parteciperanno i corrispondenti dei principali media italiani negli Stati Uniti e giornalisti americani di origini italiane.
– Usa, Italia, Cina, diverse politiche industriali e commerciali. Come queste hanno un impatto sul futuro dell’economia globale – Del Raso sottolinea come si tratti di un tema di grande attualita -. Le economie occidentali – spiega – sono oggi più che mai interessate ad aumentare la propria competitività nei confronti delle economie emergenti come la Cina.
Per il presidente della Niaf in questo quadro ci sono grandi opportunità di un rafforzamento della collaborazione tra Stati Uniti e Italia:
– L’Italia è sempre leader sul fronte della creatività, della ricerca, del design. Gli Stati Uniti sono molto avanti sul fronte delle tecnologie, come dimostrano gli esempi di Apple o di Microsoft. Si può intensificare la collaborazione tra i due Paesi, tra le imprese dei due Paesi. Mettendo assieme ognuno le proprie caratteristiche si può certamente fare molto per diventare più competitivi.
L’iniziativa della Niaf si chiuderà con la cena di gala a New York il 12 aprile.

Condividi: