Alla ricerca delle proprie origini, dal Paraguay a Ragusa

Pubblicato il 10 aprile 2012 da redazione

RAGUSA – Cosa spinge un ragazzo paraguaiano di origine siciliana di quarta o quinta generazione ad essere assillato dal bisogno di conoscere le proprie radici, a ricercare l’origine della propria famiglia, a chiedersi da dove e da chi proviene, da quale mondo lontano partirono i propri avi?
Quale oscuro impulso interiore lo porta ad essere affascinato dalla loro cultura, dalle tradizioni, dagli usi e dai costumi, fino ad immaginarsi esso stesso siciliano, fino a coltivare il sogno di poter conoscere la loro terra, fino a vivere una gioia incontenibile nell’apprendere di aver vinto un viaggio premio per realizzare un desiderio a lungo inseguito e agognato?
È quanto si è chiesta la delegazione giarratanese a chiusura del soggiorno in Paraguay. Una esperienza ricca di significati culturali, foriera di futuri interscambi, sublimati al termine del soggiorno nella scelta di 20 giovani paraguaiani di origine siciliana vincitori di un concorso pubblico che li abilita a partecipare, nel prossimo ottobre, ad un viaggio premio nella Sicilia dei loro “bisvueli”. La selezione è parte integrante dell’interscambio culturale promosso tra il comune di Giarratana e l’Unione dei Siciliani del Paraguay.
Dinanzi ad una giuria qualificata, composta fra gli altri dal ministro paraguaiano per la pianificazione, Hugo Aranda, e dall’ambasciatore italiano, Pietro Porcarelli, i ragazzi hanno ricostruito la storia della propria famiglia partendo dai primi avi che misero piede in Paraguay, arricchendo spesso l’esposizione con citazioni dialettali tramandate da padri e nonni, accompagnate da un irrefrenabile desiderio di poter rivivere all’inverso il percorso dei primi emigrati. Ed alla fine nei volti di tutti, ragazzi vivaci, brillanti ed interpreti dei tempi attuali, una piccola lacrima a segnare un viso nel quale traspare una antica sicilianità. Motivo di particolare compiacimento constatare che la maggior parte di loro derivano da emigrati iblei.
Si è concluso così nel migliore dei modi il soggiorno dei giovani laureati giarratanesi in terra paraguaiana, con la selezione di venti pari età che avranno modo di partecipare nel prossimo mese di ottobre ad un viaggio premio in Sicilia, alla ricerca dell’identità e della memoria dei loro progenitori.
Il progetto vedrà la collaborazione congiunta del Comune di Giarratana, con un gruppo di famiglie ospitanti, della Rete Regionale dei Musei dell’Emigrazione e dell’Associazione Ragusani nel Mondo. Uno sbocco di grande significato per la missione culturale promossa dal sindaco Pino Lia con il patrocinio dell’Assessorato Regionale al Lavoro.
Sono stati per i ragazzi giarratanesi giorni di intenso e proficuo lavoro, che ha lasciato in tutti una enorme traccia formativa. Accolti con grande interesse ed entusiasmo dalla locale comunità sicula, che fa capo all’Unione dei siciliani del Paraguay, i giovani della delegazione – William Ansaldi, Elisa Vargetto, Valeria Caravello , Giulia Denaro e Marina Azzaro – hanno concluso un ciclo di investigazioni e ricerche che ha fatto emergere nuovi dati nella ricostruzione delle famiglie e dell’identità culturale siciliana sopravvissuta nei decenni alle ondate migratorie di fine ottocento e inizio novecento, nelle quali furono coinvolti centinaia di iblei della zona montana e del capoluogo. Si arricchisce pertanto di nuovi e preziosi capitoli la ricerca su un fenomeno dai vasti risvolti etno-antropologici, che permette di far piena luce su un fenomeno fino a qualche anno fa poco conosciuto, ma che ora, grazie all’azione congiunta della Rete Regionale dei Musei dell’migrazione, retta dal prof. Marcello Sajia, e dell’Associazione Ragusani nel Mondo, si impone in tutta la sua valenza storica.
L’azione delle due istituzioni è servita a risvegliare nella comunità siciliana di Asuncion e dei villaggi dell’antica Colonia Trinacria il desiderio di scoprire la comune identità, insieme ad un forte radicamento verso quello che rimane del patrimonio di valori originari, fonte di orgoglio collettivo.

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora