Fuori Rosy graziato Renzo: Maroni vince il primo round

Pubblicato il 12 aprile 2012 da redazione

ROMA – Fuori Francesco Belsito e, soprattutto, espulsa Rosy Mauro. Roberto Maroni vince la prima battaglia in vista del congresso federale della Lega Nord. I ‘cerchisti’, quasi increduli, vedono cadere uno dei loro ultimi baluardi contro l’avanzata maroniana nel partito. Il ‘no pasaran’ della Mauro, infatti, si limita ora soltanto alla vicepresidenza del Senato, dove ‘Rosy la pasionaria’ sembra voler resistere ad oltranza. E’ questa, infatti, la motivazione alla base della decisione di espellerla dal movimento: la sua ostinazione a non rispettare le decisioni del direttivo leghista che le chiedeva di fare un passo indietro.
E’ stato Maroni, spiega chi era presente al consiglio, ad intimare categoricamente alla Mauro di lasciare la vicepresidenza di Palazzo Madama, ricevendo in risposta l’ennesimo diniego. L’ex ministro è così arrivato a mettere sul piatto le proprie dimissioni se il Consiglio non avesse preso provvedimenti nei confronti di ‘Rosy la ribelle’. L’ultimo tentativo per convincerla a desistere l’ha fatto Umberto Bossi. Ma anche le parole del Capo a poco sono valse.
La questione dell’espulsione di Rosy Mauro mette allo scoperto la guerra ancora in corso all’interno del Carroccio. Al di là delle dichiarazioni di circostanza sulla necessitàzx di tenere unito il partito, la corsa alla segreteria ha acuito le divisioni. La resistenza di ‘Rosy la dura’ ha permesso per qualche giorno ai ‘cerchisti’ di organizzare una timida resistenza dopo la ‘bomba’ dello scandalo sull’uso dei fondi del partito. I bossiani speravano che per la senatrice potesse risolversi tutto con una sospensione; ora devono fare i conti con una batosta difficile da digerire.
Maroni ottiene una vittoria anche sulla data per il congresso federale: il Consiglio, infatti, ha stabilito che si terrà il 30 giugno ed il primo luglio a Milano. Durante la riunione a via Bellerio c’è stato un braccio di ferro sulla questione. La fazione maroniana, dopo aver ottenuto di anticiparlo dall’autunno a giugno, puntava a farlo quanto prima. I cerchisti, giustificandosi con le difficoltà di organizzarlo in così poco tempo, spingevano per un rinvio a luglio in modo da riorganizzarsi. Alla fine, c’è stata una mediazione che sembra sorridere più ai maroniani che ai cerchisti.
Nella bufera sembra finire, invece, Roberto Calderoli. I pm lo tirerebbero in ballo in relazione ad alcune intercettazioni. Lui si difende:
– Ben venga. Si faccia subito chiarezza.
Ma queste voci lo rendono più debole nel trimvirato a tutto vantaggio di Maroni. In sordina restano sempre i veneti, anche se ancora una volta Luca Zaia si è schierato a sostegno dell’ipotesi di una segreteria Maroni, ovviamente ”se Bossi non dovesse presentarsi”. Non preoccupa l’ostacolo del regolamento che impedirebbe di avere un presidente (Bossi) ed un segretario (Maroni) della stessa regione (o nazione come si dice in leghese). Se necessario, le regole verranno riscritte. La battaglia maroniani-cerchisti potrebbe ora trasferirsi al Senato. La Mauro, infatti, potrebbe essere costretta anche ad abbandonare il gruppo della Lega a Palazzo Madama, senza però che questo la obblighi a lasciare la vicepresidenza dell’Aula. Di certo non mollerà facilmente. Lei, ‘Rosy la terrona’, come l’hanno battezzata i suoi avversari per le sue origini pugliesi, anche al consiglio federale ha tirato fuori il carattere, meridionale. Ha affrontato ‘a muso duro’ i suoi accusatori.
– Sono innocente – ha detto -, non ho preso un euro.
Arrivata in automobile in via Bellerio, a differenza di tutti gli altri ha varcato il cancello d’ingresso a piedi. Per di più preceduta da ‘Pier Mosca’, il suo caposcorta ‘accusato’ di essere il suo amante. Alla segreteria federale ha partecipato in qualità di ‘uditore’, non potendo esprimere un voto, ma ha voluto difendersi in prima persona e guardare negli occhi il ‘plotone’ che l’ha condannata.

Ultima ora

11:13Ammanchi milionari da casse Finpiemonte, indaga la procura

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Ammanchi milionari dai conti di Finpiemonte, la finanziaria della Regione Piemonte. Parla di "gravissime anomalie emerse in seguito a controlli contabili di routine" la denuncia che la Regione Piemonte ha presentato alla procura di Torino. "Si tratta di fatti che, ove accertati, sono molto gravi", afferma il governatore Sergio Chiamparino, che d'intesa con il neo presidente di Finpiemonte, Stefano Ambrosini, ha fornito alla magistratura "tutta la documentazione disponibile". Secondo indiscrezioni di stampa l'ammanco arriverebbe a 50 milioni di euro. Fondi che sarebbero usciti dalla finanziaria verso società e fiduciarie, alcune in Svizzera. La denuncia contro la passata amministrazione della società, guidata dall'ex presidente Fabrizio Gatti, risale a un mese fa. "Non ne abbiamo dato informazione al fine di evitare qualsiasi intralcio alle indagini", spiega Chiamparino, che ribadisce "piena collaborazione con l'autorità giudiziaria" confidando "si arrivi al più presto ad accertare le responsabilità".(ANSA).

11:05Maltempo: piena Enza, evacuazioni nel Parmense e Reggiano

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - In seguito alle piogge cadute nelle scorse ore, "la piena del fiume Enza ha tracimato" a Lentigione di Brescello, nel Reggiano, dove è "in corso l'evacuazione del paese". E' quanto si legge in una nota dell'Aipo, l'Agenzia Interregionale per il fiume Po. A causa della situazione dell'Enza, spiega una nota della Prefettura di Parma, "a scopo cautelativo sono in corso le operazioni di evacuazione dell'abitato di Casaltone", frazione di Sorbolo, nel Parmense. Tutti i fiumi principali del Parmense, ossia l'Enza, il Taro e il Torrente Parma, "hanno superato il livello '3', il massimo grado della scala di allarme. Anche la piena del Baganza ha superato il livello '3'". Secondo l'Aipo, "la piena del Parma è stata durante la notte in buona parte trattenuta nella cassa di espansione di Marano, dove sono state azionate le paratoie, ma la portata di notevoli dimensioni sta causando criticità a Colorno" dove "il ponte storico è chiuso. Anche la piena del Taro ha causato alcuni allagamenti nell'area Cepim".(ANSA).

11:03Calcio: tour rassegna su Paolo Rossi, tappa a Vicenza

(ANSA) - VICENZA, 12 DIC - Vicenza è stata scelta come settima tappa del tour mondiale "Paolo Rossi - Great Italians Emotions", la mostra ufficiale su "Pablito" e sull'Italia campione del mondo '82. La mostra itinerante verrà inaugurata sabato prossimo per poi restare aperta sino all'8 gennaio 2018, con ingresso gratuito al pubblico. Vicenza, città rimasta in modo indelebile nel cuore del grande campione che qui è esploso a livello calcistico e dove ha abitato per molti anni una volta lasciato il calcio, è stata inevitabilmente scelta dall'organizzazione dell'evento tra le 18 tappe mondiali previste nell'ambito del tour in tutto il mondo, che si concluderà nel 2020. Anche nel capoluogo berico i visitatori avranno modo di ammirare una straordinaria raccolta di cimeli unici vinti da "Pablito", dal Pallone d'oro alla Scarpa d'oro, ma anche video installazioni, fotografie, articoli, filmati, oggetti, maglie e ricordi.

10:55Maltempo: esondato Serchio a Borgo Mozzano, chiusa ss 12

(ANSA) - BORGO A MOZZANO (LUCCA), 12 DIC - Nel corso della notte il fiume Serchio è esondato nel territorio di Borgo a Mozzano (Lucca), provocando la chiusura della statale 12 del Brennero. La situazione è poi tornata alla normalità: non c'è più acqua in strada ma la statale è ancora chiusa, per le operazioni di pulizia, tra le località di Ponte Pari e Chifenti. In particolare, come si spiega dalla protezione civile di Lucca che ha monitorato la situazione tutta la notte, con l'innalzamento dei livelli del fiume l'acqua è fuoriuscita dalle bocchette invadendo la sede stradale. Nella zona, si spiega ancora, ha smesso di piovere.Tre famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

10:53Atletica: Atleticom we run Roma a -20

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - È iniziato il conto alla rovescia per gli amanti del runninig, pronti a esibirsi il 31 dicembre nel consueto appuntamento podistico con l'Atleticom we run Rome, giunta alla 7/a edizione. La corsa su strada competitiva si disputerà sulla distanza dei 10 km, quella non competitiva sui 5. E' la manifestazione fiore all'occhiello dell'Atleticom Asd. L'edizione 2016 ha certificato lo straordinario successo, con oltre 10.000 iscritti. A tagliare per primo il traguardo nella We run Rome 2016 fu l'atleta del Burundi, Olivier Irabaruta, che superò in volata il grande favorito della vigilia, Stanley Biwott, il keniano già trionfatore nella maratona di New York. In campo femminile si registrò un'altra sorpresa: la vittoria della francese Cassandre Beaugrande, classe 1997, davanti all'azzurra Valeria Straneo. Anche quest'anno verranno ripercorsi i luoghi più ricchi di storia e di fascino della Capitale. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 30 dicembre, online sul portale www.werunrome.com.

10:52Droga: Gdf sequestra elicottero che trasportava cocaina

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - C'è anche un elicottero "Alouette", che veniva utilizzato per trasportare la cocaina dal continente alla Sardegna, tra i 500mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di finanza di Cagliari a Loris Sabatucci, 41 anni, emiliano. L'uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era coinvolto nel traffico di droga smantellato proprio dalla Finanza nel luglio scorso con il sequestro di 11,5 chili di cocaina e l'arresto di tre persone. Sarebbe stato proprio lui a fornire l'elicottero per trasportare la cocaina in Sardegna. "L'impiego del mezzo aereo doveva servire per evitare i controlli operati dalle Fiamme gialle negli scali portuali ed aeroportuali, ordinarie ed obbligate vie di comunicazione con il continente - spiegano dalla Guardia di finanza - ma le incisive e complesse attività investigative hanno vanificato questa 'nuova frontiera' criminale, individuando l'elicottero adibito all'illecito trasporto, atterrato e decollato, non autorizzato, fuori da sedimi consentiti". Proprio sul 41enne emiliano si sono concentrate le attività investigative condotte dal Gico della Finanza di Cagliari e in particolare una serie di verifiche patrimoniali che oggi hanno portato al sequestro preventivo di beni per 500mila euro, tra i quali, oltre all'elicottero, schermato tramite un trust registrato nello stato americano del New Mexico, tre auto e quote di due società di capitali, peraltro fraudolentemente intestate a prestanome. Il provvedimento d'urgenza è stato emesso perché tre settimane fa il 41enne è stato arrestato in provincia di Pavia in quanto coinvolto nel contrabbando di sigarette. L'uomo, assieme a due moldavi, aveva creato una fabbrica di sigarette di contrabbando. Sono state sequestrate 35 tonnellate di "bionde". (ANSA).

10:49Basket: Nba, vola Houston in testa, inatteso ko per Boston

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Vincono ancora i Rockets, per loro decimo successo di fila, e consolidano il primato nella Western Conference. Nella notte Nba si sono giocate sei partite e la formazione di Houston ha superato con il punteggio di 130.123 i New Orleans Pelicans, con il solito Harden a fare da padrone sotto canestro, con 26 punti e 17 assist. Vittoria anche peri campioni in carica, dei Golden State Warriors che passano contro Portland con il punteggio di 111-104 e inseguono da vicino i battistrada. Ancora una grande serata per Damian Lillard del Portland, che mette a segno ben 39 punti. Fra gli altri risultati della nottata va segnalata la sconfitta inattesa dei Boston Celtics per 108-85 sul campo dei Chicago Bulls. I Clippers, ancora senza Gallinari infortunato, hanno battuto i Raptors di Toronto per 96-91. Infine due sconfitte casalinghe, per Memphis a opera di Miami per 107-82 e per Oklahoma battuto dagli Hornets 116-103. (ANSA).

Archivio Ultima ora