Monitoraggio socio-sanitario, l’appello di Carozza ai Comites

Pubblicato il 13 aprile 2012 da redazione

ROMA – ROMA – È partito il monitoraggio sulla situazione socio-sanitaria dei cittadini italiani residenti all’estero voluto dal Cgie, che, grazie al lavoro delle proprie Commissioni Tematiche e Continentali, ha concluso prima dell’ultima Assemblea Plenaria di marzo l’iter preparatorio per avviare il progetto nato ormai quasi un anno fa.
In una lettera ai presidente dei Comites, responsabili della diffusione e della raccolta dei questionari tra il mese di aprile e quello di giugno, il segretario generale del Cgie, Elio Carozza, ha ricordato “l’importanza che riveste questa iniziativa le cui finalità sono state condivise da tutto il Cgie. Un’importanza”, ha aggiunto, “il cui successo sarà direttamente proporzionale al grado di coinvolgimento che i Comites dedicheranno alla concreta realizzazione della raccolta. Ciò nell’ambito delle loro specifiche attribuzioni che la legislazione assegna a questi organismi”.
“Si tratta ora di dedicarsi alla buona riuscita di una “azione straordinaria” nella ordinarietà delle funzioni che i Comites svolgono per le nostre comunità”, è stato l’invito di Carozza. “Una straordinarietà che acquista un significato particolare in questo tempo critico e delicato che stiamo attraversando”.
Il segretario generale è convinto che “questo impegno ci aiuterà a rinsaldare quei valori di solidarietà e gratuità su cui si fonda la vita e l’esperienza delle nostre comunità”. E che, proprio per questo, non mancherà in questi mesi il “fattivo contributo” dei presidenti e di tutti i componenti del Comites, ai quali è affidato il compito di raccogliere i questionari approntati dal Cgie, insieme ai consiglieri del Cgie stesso.
Il questionario è rivolto a tutte le persone di qualsiasi età che intendono contribuire a segnalare, nella anonimità più assoluta e garantita, il proprio stato socio-sanitario in cui si trovano. Poche e semplici sono le domande a cui occorre rispondere: informazioni generali, dati anagrafici, livello di istruzione, stato civile, condizione occupazionale e condizioni socio-sanitarie.
Lo scopo finale è quello di identificare le specificità socio-sanitarie dello stato di bisogno degli italiani residenti all’estero, senza alcuna valenza di inchiesta scientifica – questo è stato detto subito e ribadito più volte -, ma per monitorare, in modo semplice e rapido, indicazioni e tendenze tali da rispondere adeguatamente alle esigenze delle comunità all’estero in campo socio-sanitario.
Per la compilazione dei moduli sono a disposizione, principalmente, le sedi dei Comites, ma anche quelle di tutti gli Uffici Consolari, nonché delle associazioni, dei patronati e delle missioni cattoliche presenti sul territorio che vorranno essere coinvolte nell’iniziativa.
A Comites e Cgie spetta il coordinamento dell’iniziativa, che si concluderà il 30 giugno. Dopo quella data ed entro il 31 luglio, i Comites dovranno rispedire i questionari compilati alla segreteria del Cgie, Piazzale della Farnesina,1 00194 Roma.
In una lettera ai presidente dei Comites, responsabili della diffusione e della raccolta dei questionari tra il mese di aprile e quello di giugno, il segretario generale del Cgie, Elio Carozza, ha ricordato “l’importanza che riveste questa iniziativa le cui finalità sono state condivise da tutto il Cgie. Un’importanza”, ha aggiunto, “il cui successo sarà direttamente proporzionale al grado di coinvolgimento che i Comites dedicheranno alla concreta realizzazione della raccolta. Ciò nell’ambito delle loro specifiche attribuzioni che la legislazione assegna a questi organismi”.
“Si tratta ora di dedicarsi alla buona riuscita di una “azione straordinaria” nella ordinarietà delle funzioni che i Comites svolgono per le nostre comunità”, è stato l’invito di Carozza. “Una straordinarietà che acquista un significato particolare in questo tempo critico e delicato che stiamo attraversando”.
Il segretario generale è convinto che “questo impegno ci aiuterà a rinsaldare quei valori di solidarietà e gratuità su cui si fonda la vita e l’esperienza delle nostre comunità”. E che, proprio per questo, non mancherà in questi mesi il “fattivo contributo” dei presidenti e di tutti i componenti del Comites, ai quali è affidato il compito di raccogliere i questionari approntati dal Cgie, insieme ai consiglieri del Cgie stesso.
Il questionario è rivolto a tutte le persone di qualsiasi età che intendono contribuire a segnalare, nella anonimità più assoluta e garantita, il proprio stato socio-sanitario in cui si trovano. Poche e semplici sono le domande a cui occorre rispondere: informazioni generali, dati anagrafici, livello di istruzione, stato civile, condizione occupazionale e condizioni socio-sanitarie.
Lo scopo finale è quello di identificare le specificità socio-sanitarie dello stato di bisogno degli italiani residenti all’estero, senza alcuna valenza di inchiesta scientifica – questo è stato detto subito e ribadito più volte -, ma per monitorare, in modo semplice e rapido, indicazioni e tendenze tali da rispondere adeguatamente alle esigenze delle comunità all’estero in campo socio-sanitario.
Per la compilazione dei moduli sono a disposizione, principalmente, le sedi dei Comites, ma anche quelle di tutti gli Uffici Consolari, nonché delle associazioni, dei patronati e delle missioni cattoliche presenti sul territorio che vorranno essere coinvolte nell’iniziativa.
A Comites e Cgie spetta il coordinamento dell’iniziativa, che si concluderà il 30 giugno. Dopo quella data ed entro il 31 luglio, i Comites dovranno rispedire i questionari compilati alla segreteria del Cgie, Piazzale della Farnesina,1 00194 Roma.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora