Partiti, Lega rinuncia ai rimborsi. Trasparenza, c’è chi frena

Pubblicato il 13 aprile 2012 da redazione

ROMA  – L’ipotesi che la proposta di legge sulla trasparenza dei partiti firmata da Alfano, Bersani e Casini possa essere esaminata in sede legislativa dalla commissione Affari Costituzionali della Camera, per accelerarne i tempi di approvazione, sembra sempre più impraticabile. E intanto stasera, a sorpresa, la Lega, con il capogruppo alla Camera Giampaolo Dozzo ha fatto sapere che rinuncerà all’ultima tranche dei rimborsi invitando gli altri partiti a fare altrettanto devolvendo la somma in beneficenza. Quanto al destino del testo messo a punto da ‘Abc’, se è vero che una volta assegnato in sede referente, potrebbe passare in legislativa su richiesta dei 4/5 della commissione (i componenti sono 47 e si dovrebbero trovare almeno 10 firme contrarie, ma i leghisti e radicali, contrari all’idea, sono in tutto 6), è anche vero che basterebbe l’istanza di un decimo dei deputati (cioè 63) per far tornare all’attenzione dell’ Aula il provvedimento. E tra deputati del Carroccio e i radicali, favorevoli a che ”una materia così importante” venga esaminata in Assemblea, si arriverebbe a 65 (59 più 6): un numero sufficiente ad evitare che l’esame della proposta di legge si concluda solo in commissione senza passare per l’Aula.
L’Idv, invece, che prepara un referendum contro i rimborsi elettorali, avverte che contestera’ il testo nel merito, ma non dirà ‘no’ alla legislativa.
– Se i leghisti si opponessero a questa ipotesi – spiega Maurizio Turco – alle loro firme si aggiungerebbero quelle di noi sei radicali”. E dal Carroccio si conferma: bene un percorso rapido, ma una discussione ”così importante” è giusto che venga fatta in modo ”approfondito in Assemblea”. Ma, se anche tramontasse l’ipotesi della sede legislativa, si potrebbe prevedere sempre un percorso accelerato. Ad una condizione però: che la commissione presieduta da Donato Bruno (Pdl) riesca a licenziare il testo in brevissimo tempo, 15 giorni al massimo. In questo caso, la Conferenza dei Capigruppo potrebbe anche fissarne l’esame in Aula nel giro di un mese, anziche’ nei due mesi canonici. Ma se è vero, si ricorda nella maggioranza, che il Lodo Alfano venne licenziato in 9 giorni, è anche vero che la materia dei controlli dei bilanci è ormai incandescente. La norma messa a punto dai tecnici Gianclaudio Bressa e Antonio Misiani (Pd); Giampiero D’Alia, Pino Pisicchio e Benedetto Della Vedova (Terzo Polo); Donato Bruno e Massimo Corsaro (Pdl) sulla trasparenza dei bilanci, se entrasse in vigore prima dell’erogazione dell’ultima tranche dei rimborsi elettorali, potrebbe creare non pochi problemi a chi, come la Lega (almeno a giudicare dalle inchieste in corso) potrebbe non avere i conti in ordine. Le sanzioni pecuniarie sarebbero, infatti, pari a tre volte le irregolarità commesse. In più, Lega e Radicali vorrebbero che il tema ‘controlli’ venisse esaminato insieme a quello ‘finanziamenti’, cioè insieme alla riforma dell’articolo 49 della Costituzione (sui partiti) attesa per fine maggio in Aula. Per la quale però il relatore Andrea Orsini (Pt) non ha ancora preparato un testo unificato. E alla fine non si esclude che questo possa avvenire sul serio. Contando i giorni in cui il Parlamento non lavorerà (25 aprile, 1 maggio, pausa per le amministrative) anche il testo di ‘ABC’ rischierebbe di arrivare in Aula nello stesso periodo. E se le due ‘riforme’ si riunissero, il dibattito potrebbe durare a lungo anche perchè in quella del 49 ci sono altre due questioni ‘calde’: riconoscimento della personalità giuridica ai partiti e ‘capitolo’ finanziamenti. Per affrontare il quale è in campo più di una ‘ricetta’. Perplessita’ sulla proposta di legge ‘ABC’ intanto si avvertono anche nel Pd.
– Fino a quando non si modificherà la scandalosa legge del 1999, frutto di un colpo di mano dei tesorieri di tutti i partiti – spiega Salvatore Vassallo – non ci potrà essere un controllo sulla spesa e si dovrà convivere con l’ipocrisia del ‘rimborso’ elettorale.
In più, i ‘controllori’ dovrebbero essere effettivamente separati dalla politica, magari ricorrendo a un’estrazione a sorte tra magistrature contabili e amministrative.

Ultima ora

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

Archivio Ultima ora