“Giornata di tutti, divisioni inammissibili”

ROMA – Il 25 aprile “è diventata la festa di tutto il popolo e la Nazione italiana. Nessuna ricaduta in visioni ristrette e divisive del passato, dopo lo sforzo paziente compiuto per superarle è oggi ammissibile”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ieri al Quirinale ha incontrato le Associazioni Combattentistiche e d’Arma, in occasione delle celebrazioni per il 25 aprile.
– E’ una grande forza della democrazia – ha aggiunto il capo dello Stato – il promuovere occasioni di unità tra tutte le forze politiche e sociali che si riconoscono in fondamentali valori comuni, quelli che si celebrano in una giornata come il 25 aprile, quelli che sono sanciti nella prima parte della Costituzione repubblicana”.
La Resistenza è stata “una grande esperienza collettiva nazionale”, un “processo di altissimo valore ideale e morale, ma anche complesso e non esente da ombre”, ha detto Napolitano.
– Anche attraverso analisi e riflessioni critiche, e rimuovendo reticenze se non occultamenti della verità – ha proseguito il capo dello Stato -, si sono messi a fuoco momenti negativi o aspetti fuorvianti di un processo di altissimo valore ideale e morale, ma anche complesso e non esente da ombre. E si è lavorato tenacemente per liberare l’immagine e il volto della Resistenza dalle ferite di quel che fu anche guerra civile e dalle stratificazioni di ostilità e di odio di cui ancora rimanevano tracce. L’Italia ha assoluto bisogno di occasioni di unità, di terreni di dialogo e di responsabile collaborazione per affrontare con successo le gravi difficoltà finanziarie, economiche e sociali riconducibili a troppi ritardi e carenze nello sciogliere nodi strutturali e istituzionali che ostacolano il pieno dispiegamento delle straordinarie risorse ed energie su cui l’Italia può far leva – ha detto il presidente della Repubblica.

Condividi: