Aria di catastrofe in casa ligure

Pubblicato il 29 aprile 2012 da redazione

BOLOGNA – Cade, frana, precipita. La sciagurata stagione del Genoa si avvicina pericolosamente all’atterraggio da film catastrofico.
Bloccati dalla fifa, stressati da una settimana blindata dopo la follia di Marassi, frantumati dal nuovo cambio di allenatore, non aiutati neppure dalla sorte, i rossoblù cedono 3-2 anche al Dall’Ara di Bologna. Vittime di quello strano maleficio che un anno fa sotto la Lanterna aveva colpito i ‘cugini’ doriani, e che ora fa sudare sempre più freddo Palacio e compagni. Per il Bologna, tranquillo e con solo l’aritmetica da aggiustare, è tutto molto, troppo facile.
Un solo gol di divario non rende l’idea: gli unici brividi reali ci sono nel finale quando Agliardi fa una parata che vale un gol su Kucka, dando la misura della scalogna genoana. Così, agli uomini di Pioli serve meno delle imprese degli Avengers, supereroi evocati dal tecnico, per aver la meglio su avversari sfiancati.
La sfilacciata squadra di De Canio viene stordita nel primo tempo. Con Diamanti, che ha aperto i rubinetti dei calci piazzati, e che si mantiene caldissimo. Indiscutibile primattore, stimolato dalla presenza in tribuna di Prandelli e del vice Pin, continua a riempire il cassetto delle speranze, chiedendosi perché non sognare un viaggetto nell’Europa dell’Est.
La parabola che disegna su punizione al 24’ è un missile ad infrarossi che trova da solo la testa di Portanova che schiaccia il vantaggio. Il tempo di un paio di cross tagliati da Birsa, qualche sgroppata nervosa di Sculli, e c’é il due. Garics raccoglie, di prima, la passa a Di Vaio. Frey respinge come può il diagonale, ma nessuno recupera su Ramirez che facile facile realizza il tap-in che chiude i primi 45’. De Canio allora butta dentro Biondini, per provare a giocarsi almeno la grinta.
La risposta c’é: prima la traversa di Kaladze, poi Palacio trasforma una sponda di Rossi, e i 417 tifosi ospiti ci credono. Ma è un’illusione, perché poco dopo il semisconosciuto Belfodil sfugge sul fondo e confeziona per Diamanti, che non perde la calma e gira per il tris di Garics. Segno che quella genoana è una reazione di sola pancia. Che prosegue, quando un liscio di Mudingayi innesca la corsa ancora di Palacio, che consente a Jorquera di accorciare nuovamente le distanze. Ma non basta: in 15 minuti non succede nulla, finché Agliardi all’ultimissimo compie il miracolo su Kucka, di testa. Restano le lacrime genoane che da 14 partite non vincono e ora se la vedono bruttissima. Standing ovation per gli altri rossoblù. Con il Dall’Ara che cerca di convincere il ct, già uscito dallo stadio, a dare una chance al mancino pratese.

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora