NOVARA-CESENA 3-0: Una vittoria d’orgoglio al Piola

NOVARA – Una vittoria per salutare il ‘Silvio Piola’ dopo una stagione sfortunata: nel derby tra retrocesse, il Novara batte per 3-0 il Cesena con tre reti, con due rigori, di Rigoni, l’uomo di maggior caratura tecnica dei piemontesi, che porta così a undici le marcature stagionali. I romagnoli, invece, rimandano ancora l’appuntamento con il primo successo della gestione Beretta e con quei tre punti che mancano proprio dall’andata con il Novara. Nonostante si presenti senza Iaquinta e Mutu, è il Cesena a partire meglio, con il Novara che però ha il merito di prendere le misure dell’avversario e di fare la partita per quasi tutto il primo tempo, meritando il vantaggio minimo con cui si accomoda all’intervallo. Lisuzzo e Caracciolo provano a rendersi pericolosi di testa, Rigoni al 27′, invitato a concludere da una ‘spizzata’ dell’Airone, coglie il palo interno dall’area piccola.

Il vantaggio degli uomini di Tesser giunge al 29′: Colucci atterra in area Jeda, Merchiori indica il dischetto e Rigoni realizza l’1-0. Nel finale di tempo, Colucci si fa male ed e’ rilevato da Djokovic, mentre al 42′ Caracciolo, pescato da Mascara, si invola verso Antonioli ma perde il timing per la conclusione, facendosi anticipare dall’ex bolognese. Nel recupero, infortunio al portiere Coser, sostituito da Fontana. Nella ripresa il Cesena, con l’innesto di Del Nero, sembra più pimpante ma il Novara ha voglia di salutare il proprio pubblico nel migliore dei modi. Jeda, al 10′, fallisce d’un soffio una sorta di penalty in movimento, all’11’ Guana mette di poco fuori con un bel destro. L’incontro e’ divertente ed il Novara, al 19′, ha ancora una chance per il raddoppio, che Caracciolo fallisce schiacciando di testa sul palo.

Un gran sinistro di Djokovic sporca i guanti di Fontana al 20′ ma due minuti dopo i piemontesi siglano il 2-0: Jeda recupera un pallone nell’area piccola, Von Bergen intercetta con il braccio alto ed e’ ancora rigore. Rigoni si accomoda di nuovo dal dischetto e non fallisce la doppietta che gli vale il decimo centro in campionato. Il pubblico di casa, che poco prima aveva riservato una standing ovation per Mascara, saluta con calore anche Caracciolo, che esce senza aver contribuito alla vittoria. Il match in pratica finisce qui, anche se il Cesena, al 34′, si rende minaccioso con Santana, che per poco non beffa un errore di sufficienza di Fontana. Al 40′, i padroni di casa fanno tris: Morganella conclude di forza, la palla rimpalla su palo e Antonioli ed arriva a Rigoni, che non ha difficolta’ nell’insaccare il 3-0. Filippi, al 43′, impegna Fontana, nel finale c’è un pò di nervosismo che però non rovina la festa del Novara, che ottiene la settima vittoria stagionale, inutile certo ma sicuramente bella.

Condividi: