La corsa torna in Italia Moser: “Scarponi e Kreuzinger i favoriti”

Pubblicato il 08 maggio 2012 da redazione

VERONA – A modo suo è stato un rivoluzionario, diventandolo proprio nella terra delle rivoluzioni di Pancho Villa ed Emiliano Zapata.

Francesco Moser, nel lontano 1984, sovvertì il modo di concepire e affrontare la pista, introducendo la bici con le ruote lenticolari, creò nuovi orizzonti nelle sfide a cronometro, in metodi e sistemi di preparazione anche nelle condizioni più estreme, in altre parole a oltre 2 mila metri sul livello del mare. Il trentino polverizzò a Città del Messico (complice l’aria rarefatta) il record dell’ora stabilito 12 anni prima dal ‘cannibale’ belga Eddy Merckx. Moser è stato un precursore e, sempre nell’84, dopo essere diventato l’indiscusso nuovo ‘signore dell’orà’, vinse in sequenza anche la classica Milano-Sanremo e il Giro d’Italia, per la prima e unica volta in carriera. Costruì il proprio trionfo rosa dell’84 nell’ultima tappa,la Soave-Verona, lunga42 km. Quel 10 giugno, nella città di Giulietta e Romeo, Moser fu protagonista di un’impresa strabiliante, infliggendo al francese Laurent Fignon 2’24” di distacco e conquistando il Giro con 1’03” sul rivale che, fino al giorno prima, lo precedeva nella classifica generale. Fignon si lamentò dell’elicottero al seguito del Giro che, a suo parere, aveva aiutato il trentino con il movimento d’aria del rotore.

“Entrai nell’Arena di Verona fra due ali di folla, l’entusiasmo mi spingeva a dare sempre di più – ricorda Moser – fu una cosa straordinaria, formidabile e indimenticabile per me. Ricordo la tensione che regnava alla vigilia di quella cronometro finale: eravamo preoccupati, ma anche indecisi se utilizzare o meno la bici con le ruote lenticolari. Alla fine decisi di osare. ‘O la va o la spacca’, mi dissi. E alla fine andò. Eccome se andò. La bici con le ruote lenticolari era poco stabile in curva e questo mi faceva sentire meno sicuro, non ero molto convinto di questa scelta, però c’era da rischiare, da giocarsi il tutto per tutto, visto che Fignon andava forte anche a cronometro. Quel giorno è rimasto scolpito nella storia del ciclismo”.

Il Giro rientra in Italia con qualche polemica e poche certezze. L’ultima volata, condita dalla pericolosa ‘amnesia’ di Roberto Ferrari, che ha messo ko re Cavendish, fa discutere. Moser ha una sua idea.

“Tutti si buttano nel rettilineo finale, tutti vogliono fare le volate – spiega il trentino -: quanto è accaduto a Horsens, in Danimarca, fa parte del gioco. Sono cose che possono capitare, soprattutto all’inizio. Tutti sono freschi e si sentono in grado di vincere, dunque ci provano”.

Sull’esito del Giro 2012 non si sbilancia, “perché è ancora presto – dice – manca tantísimo”. “Stelvio decisivo? Non c’é solo lo Stelvio – sottolinea l’ex corridore che ancora detiene il record del maggior numero di vittorie (273 su strada da professionista, davanti a Giuseppe Saronni con 193 e a Mario Cipollini con 189, ndr) – ma anche altre tappe in grado di decidere: mi riferisco alla Alpe di Pampeago-Val di Fiemme, per esempio. Quel giorno ci sono quattro salite da affrontare, tutte racchiuse in pochi chilometri, una dietro l’altra. Sarà dura”.

Moser non ha dubbi sui favoriti. “Vedo bene Kreuzinger e Scarponi – afferma, sicuro – mi sembrano loro due i più quotati. Basso? Non l’ho visto in gran forma, ma ovviamente spero che mi smentisca, disputando un grande Giro d’Italia”.

Ultima ora

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

13:18Basket: Nba, ko a Cleveland Atlanta perde ancora

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Niente da fare per Marco Belinelli e gli Atlanta Hawks, sconfitti a Cleveland dai Cavaliers: 123-114 il punteggio a favore di LeBron James (autore di 25 punti) e compagni. Per il giocatore azzurro 8 punti in poco più di 20 minuti di gioco. Per gli Hawks, ultimi nella Eastern Conference, si tratta della 21/a sconfitta su 27 partite disputate mentre i Cavs hanno totalizzato il loro 20/o successo mantenendo il secondo posto alle spalle dei Boston Celtics. Nelle altre partite del campionato Nba disputate la scorsa notte vittorie dopo un tempo supplementare dei New York Knicks sui Los Angeles Lakers (113-109) e dei Philadelphia 76ers in casa dei Minnesota Timberwolves (118-112). I Brooklyn Nets hanno superato 103-98 i Washington Wizards, i Dallas Mavericks si sono aggiudicati per 95-89 il derby texano sui San Antonio Spurs e i Sacramento Kings hanno piegato 99-92 i Phoenix Suns. Infine successo esterno per 103-84 dei Denver Nuggets sui Detroit Pistons.

13:16Uomo muore dopo allenamento in palestra nel Foggiano

(ANSA) - MONTE SANT'ANGELO (FOGGIA), 13 DIC - Un 34enne è morto dopo aver sostenuto un allenamento, ieri sera, all'interno di una palestra in via Manfredonia, a Monte Sant'Angelo (Foggia). L'uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, aveva appena terminato l'allenamento e si era recato negli spogliatoi per cambiarsi e tornare a casa. All'improvviso si è sentito male e si è accasciato a terra. Malgrado l'immediato intervento dei sanitari del 118, per il 34enne non c'è stato niente da fare.

13:10Pakistan: bambina nasce in volo, la chiamano ‘Paradiso’

(ANSA) - ISLAMABAD, 13 DIC - Una giovane madre pachistana ha messo al mondo ieri sera, su un aereo della compagnia Pakistan International Airlines (PIA), in volo fra la città saudita di Medina e quella pachistana di Multan una neonata a cui, date le circostanze, è stato assegnato il nome di 'Jannat' (Paradiso). Un portavoce della PIA non ha esitato ad evocare un miracolo per commentare il lieto evento. "I miracoli - ha detto ringraziando l'equipaggio che si è adoperato per collaborare con il parto - non succedono tutti i giorni. Ma noi oggi ne abbiamo avuto uno piccolo con la nascita di una bellissima bambina!". "Lei ha aperto gli occhi nel cielo azzurro - ha concluso - ed anche per questo il papà Imran e la mamma Kausar, che lavorano in Arabia saudita e tornavano a casa per vacanze, sono stati d'accordo nell'assegnarle il nome di 'Jannat' (Paradiso).

13:09Calcio: Milan, ‘Donnarumma patrimonio sportivo ed economico’

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non è il tempo del mercato". Nella consueta rassegna stampa pubblicata sul sito del Milan, si conclude così il commento sull'intricato caso di Gianluigi Donnarumma e sull'ipotesi di cessione tornata d'attualità in questi giorni. "Gigio è un patrimonio del Club, sia sportivo (è reduce da ottime parate contro Torino e Bologna) che economico - si legge sul sito della società rossonera -. Tutto questo è valorizzato da un contratto fino al 2021 e rafforzato da un dialogo sempre aperto e positivo fra il giocatore e il suo allenatore, fra il giocatore e il direttore sportivo rossonero Mirabelli. Stabilito questo come ha già avuto modo di affermare proprio Rino Gattuso ieri, il Milan è concentrato adesso solo sul campo. È lì che la squadra rossonera deve continuare a lavorare per tornare grande. Non è questo il tempo del mercato - è la conclusione -, ma solo ed esclusivamente del campo".

13:07Brexit: Barnier, non accetteremo alcun passo indietro da Gb

(ANSA) - STRASBURGO, 13 DIC - "Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta" siglata venerdì scorso da Regno Unito e Unione europea. Lo ha detto il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, durante un dibattito in plenaria al Parlamento europeo. I punti della 'fase uno' del negoziato, ha detto, "devono essere rapidamente tradotti in un accordo di ritiro giuridicamente stringente. Questa è una delle condizioni per il buon andamento del negoziato". Barnier ha anche sottolineato che questa "è una tappa importante ma ce ne saranno molte altre".

13:05Cina: Xi Jinping a cerimonia per 80 anni massacro Nanchino

(ANSA) - PECHINO, 13 DIC - La Cina ha ricordato oggi l'80/mo anniversario del "massacro di Nanchino" in una solenne cerimonia alla quale ha assistito per la prima volta in tre anni il presidente Xi Jinping: un minuto di silenzio, osservato in tutta la città, ha reso omaggio alle migliaia di vittime causate dalla occupazione dell'esercito imperiale nipponico nel 1937. "Solo se possiamo ricordare la storia possiamo costruire un futuro migliore", ha detto nel suo intervento Yu Zhengsheng, a capo del Comitato nazionale della Conferenza politica consultiva del popolo cinese. Parole suonate come invito a fare tesoro del passato per guardare ai rapporti futuri tra i due Paesi, "vicini che non possono spostarsi e con molte comunicazioni civili". La vicenda, a distanza di 80 anni, continua a pesare sulle relazioni

Archivio Ultima ora