Jacques como Gilles, a Fiorano gira la 312T4

Pubblicato il 08 maggio 2012 da redazione

FIORANO – “Da papà ho ereditato il piacere di correre, di spingere al massimo, di dire agli altri: vedi cosa sono stato capace di fare io e tu no? Di rischiare, insomma, cosa che poi non serve a nulla per le classifiche. Diciamo che sono stato fortunato a correre in una F1 più sicura, altrimenti sarei morto anch’io, come mio padre”.

Sangue di Villeneuve. A parlare è il giovane dei due piloti, Jacques. Il dna di cui parla è quello ereditato da Gilles, morto giusto 30 anni fa, l’8 maggio1982 inqualifica a Zolder. Ieri l’erede ha guidatola Ferrari312 T4 con cui papà vinse 3 Gp nel ‘79. Maranello ha organizzato tutto, un modo per celebrare il mito, qual è Gilles Villeneuve, e far provare al figlio che si laureò campione del mondo nel ‘97 conla Williams Renault, dopo il duello a sportellate conla Ferraridi Michael Schumacher a Jerez dela Frontera, l’ebbrezza struggente di mettersi al volante della macchina che fu del padre, in altra epoca, in altre storie.

In pista a Fiorano, il Cavallino ha chiamato il pilota canadese, e attorno a lui una folla di fornitori, lo stato maggiore di Maranello, compresi Alonso e Massa, giornalisti. Il pilota si è fatto accompagnare dalla mamma, Joanne, e dalla sorella Melanie. Seguivano tutti Gilles in camper, con un autista e un cane lupo: “All’epoca – dice Melanie – il mondo normale era nel paddock. Il luna park era fuori”. C’é anche l’assistente di Enzo Ferrari, Brenda Vernor, dentro il circuito a cui si accede transitando sul lungo viale non a caso intitolato a Gilles Villeneuve. Il figliolo indossa il casco coi colori del padre, entra in quella brutta ma vincente vettura che portò il padre al secondo posto nel mondiale ‘79 dietro al compagno di squadra Jody Scheckter, accende il motore alle 10.40, due minuti dopo parte, dapprima prudente, poi sempre più confidente: “E’ una F1 vera”, dice più tardi dell’esemplare, che appartiene alla Donelli Vini di Giacobazzi, e che in 30 anni non ha mai girato. A seguire due piccoli stop, prima lo spegnimento del motore all’uscita dal box, poi in un tornante, ma il test funziona.

Jacques ora sa cosa sentiva il padre, 33 anni prima, almeno. Ad osservare i suoi giri, la squadra dei meccanici che accompagnarono il genitore. Capelli bianchi, ovviamente, gente in pensione, con gli occhi lucidi per l’evento e i ricordi. Ricordi, appunto. Di cui si parla in una tavola rotonda condotta da Pino Allievi, firma della Gazzetta dello Sport, con Jacques, Alonso, Massa e Piero Ferrari. Il canadese, nell’ottimo italiano che possiede, oggi come all’epoca in cui correva non trattiene le parole. E’ personaggio, più di quanto non lo possano essere i piloti di oggi. E dice, trovando d’accordo i ferraristi, che all’epoca i piloti erano più corretti, “anche perché se mandavi uno contro il muro lo ammazzavi. Oggi forse si fidano troppo della sicurezza raggiunta, ma si vedono manovre che non si dovrebbero vedere”. Sullo schermo alle spalle scorre la più bella pagina di sempre in F1, il duello tra Villeneuve e René Arnoux nel Gp di Francia a Digione, una serie di sorpassi e controsorpassi da brividi, concluso dallo scatto risolutivo della Ferrari sulla Renault. Brividi. Come quando si rievoca quell’8 maggio1982 inBelgio, e viene fuori, inevitabile, la rabbia degli ultimi giorni di vita di Gilles, forse arrivato a Zolder offuscato da quello che subì come un enorme torto. Il gp precedente, quello di San Marino a Imola il 25 aprile 1982, Villeneuve era in testa, il compagno di squadra Didier Pironi subito dietro.

Il box (ricorda l’ing.Mauro Forghieri, che quel giorno non era al muretto) espose il cartello ‘slow’, ‘rallentate’. Non c’era bisogno di rischiare, era doppietta sicura. Il canadese, memore dell’accordo che aveva sempre rispettato secondo cui in questi casi si mantengono le posizioni acquisite, alzò il piede dall’acceleratore. Pironi no. Pensò fosse uno spot per i tifosi, ci fu una serie di sorpassi e controsorpassi da urlo.

L’ultimo, rischiosissimo, convinse Gilles che Didier non stava scherzando. E il francese vinse. “Fu tradito dal box”, dice a fianco di Forghieri Francesco Zironi, titolare delle Ceramiche Piemme, ultimo sponsor di Villeneuve. Un mistero mai del tutto chiarito, se fu errore o una scelta a danno del pilota che a breve, morendo, sarebbe entrato definitivamente nel mito. Lo stesso Piero Ferrari non aiuta a capire. Non vuole nemmeno pensare a quell’8 maggio 1982. Sono 30 anni da allora. E negli occhi del non più giovane Jacques c’é la luce triste e sognante di un bimbo che ricorda un papà abituato a spingere il pedale a fondo, fino a morirne. Come sarebbe ‘morto’ lui, in una F1 meno sicura.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora