Serenelli vuole entrare nella storia

CARACAS – Nel mondo dei motori esiste una gara che qualunque pilota in attività sogna di vincere: il Gran Premio di Monaco.

Giancarlo Serenelli aspira ad imitare l’impresa di Pastor Maldonado (vincitore in diverse occasioni del Gp di Monaco in GP2) e sorprendere un pò tutti gli addetti ai lavori portando alla vittoria la suo team Venezuela GP Lazarus.

Questo fine settimana il pilota di origini siciliane sarà impegnato nello storico e affascinante circuito cittadino di Montecarlo per disputare la quinta gara della stagione 2012 della GP2.

“La corsa di Monaco è una delle più impegnative del calendario. Su questo tracciato le chance di sorpassare un avversario sono limitate e difficili, per questo motivo devi  concentrarti al massimo e non comettere errori – spiega il pilota nato 30 anni fa a Caracas che poi aggiunge–. Ho lavorato molto sull’aspetto fisico e mentale per arrivare nelle migliori condizioni a questa gara. Al simulatore ho fatto diversi giri sul tracciato per conoscere meglio la pista e in questo modo fare bene nelle prove per guadagnare un’ottima posizione sulla griglia di partenza”.

Quello di Montecarlo è il circuito più corto del mondiale con i suoi 3.340 metri per giro. Una pista presente nel calendario dei GP fin dagli albori della F1, ovvero da quel1950 incui tutto ebbe inizio, salvo la breve parentesi in cui il prestigioso circuito per alcuni anni non fece parte della classe regina dell’automobilismo fino al rientro nel 1995.

Fioravante De Simone

Il tracciato dove si correrà la gara di GP2 in passato è stato un set di gare bellissime, la speranza è che questo fine settimana il protagonista sia Serenelli. In caso di vittoria l’italo-venezuelano festeggerà al meglio il premio ricevuto la scorsa settimana dal ‘Touring y Automóvil Club di Venezuela’ per le ottime prestazioni nella Latam Challenge Series dell’anno appena trascorso.