Vince Webber, Alonso 3° e leader mondiale

Pubblicato il 27 maggio 2012 da redazione

MONACO – Risuona l’inno australiano nel Principato di Monaco e il petto di Mark Webber, occhi lucidi e faccia d’angelo, si gonfia quasi a trattenere l’emozione di trovarsi sul trono del GP di Montecarlo.

Gara da mozzare il fiato fino alla bandiara a scacchi a causa della pioggia che sembra arrivare, ma poi resta solo sulle nuvole per lasciare tutto com’era, con una buona Mercedes targata Nico Rosberg seconda e un ottimo Fernando Alonso che oltre al podio si porta a casa la leadership nel Mondiale in solitaria davanti agli assi della Red Bull, al centro delle polemiche e forse a rischio squalifica per una fessura sul fondo della vettura già vista dal Gp del Bahrain. Può sorridere anche Felipe Massa che finalmente guadagna punti importanti per la Ferrari con il suo sesto posto arrivato dopo una gara vissuta sugli scarichi della McLaren di Lewis Hamilton. Inglese quinto dietro al campione del mondo Sebastian Vettel a lungo al comando grazie all’azzardo delle soft al via che a giochi fatti gli ha fruttato due posizioni in più.

Delude Michael Schumacher che dopo la pole virtuale è costretto ad un amaro ritiro. Pronti via e subito safety-car in pista nel Gp di Monaco a causa del testacoda al via della Lotus del francese Romain Grosjean che, toccato dalla Mercedes di Schumacher e dalla Ferrari di Alonso, ha innescato una serie di tamponamenti a catena.

Dall’autoscontro esce indenne la Red Bull di Webber che mantiene la prima posizione davanti alla Mercedes di Rosberg, alla McLaren di Hamilton e alle Rosse, con il brasiliano Massa che riesce a guadagnare due posizioni.

La safety-car torna nella corsia dei box quasi subito, mentre a far le spese dei tamponamenti al semaforo verde sono la Lotus di Grosjean, la Hrt di De la Rosa e la Williams del venezuelano Maldonado che si ritirano. Mentre la gara con al comando sempre Webber vive gli unici sussulti grazie a Schumacher che prova a impensierire la Lotus di Kimi Raikkonen, al 28º giro il primo a fermarsi per il pit-stop è Rosberg con l’altra stella d’argento che monta le gomme soft.

Poi si fermano tutte le altre vetture davanti, compresa la Ferrari di Alonso che al ritorno in pista si mette alle spalle la McLaren di Hamilton grazie ad un giro velocissimo e alla prontezza dei meccanici Ferrari.

L’unico a non fermarsi é il campione del mondo Vettel partito con le gomme soft, capaci di consentire un maggior
numero di giri, che prova ad attendere il preannunciato arrivo della pioggia. Ma a parte qualche sporadica goccia l’acquazzone non arriva e il tedesco della Red Bull è costretto a fermarsi al 47º giro per montare le super-soft. Al rientro dai box, Vettel si ritrova quarto davanti alla McLaren di Hamilton e dietro alla Ferrari di Alonso virtualmente sul podio e in testa al Mondiale a quota 76 punti. Quando mancano tredici giri alla fine cade ancora qualche goccia di pioggia, regna l’incertezza e intanto si ritira Schumacher (problema tecnico) dopo una Gp sotto le aspettative nonostante i propositi di vittoria al termine delle qualifiche che gli hanno regalato la 69º pole in carriera seppur vanificata dalla penalizzazione di cinque posti per il botto con Senna a Barcellona.

Aumenta la pioggia, Webber al comando rallenta e si alzano i tempi con i primi sei attaccatissimi in fila indiana nello spazio di soli tre secondi. Dietro finiscono in testa coda la Mclaren di Button e la Sauber di Perez, la leggera pioggia smette e la pista torna ad asciugarsi permettendo a tutti di finire la gara senza mettere le gomme da bagnato. Alla bandiera a scacchi Webber si prende il GP di Monaco portando a otto le sue vittorie in carriera. Sul podio anche Rosberg davanti alla Rossa di Alonso che si ritrova da solo leader del campionato, un pò più lontano dal più temuto rivale Hamilton.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora