Prandelli ha un’Italia da applausi: “Ma mi tengo i sassolini nella scarpa”

Pubblicato il 25 giugno 2012 da redazione

CRACOVIA – Applausi all’Italia. Li riserva dopo la splendida notte azzurra tutta Europa. “Non so se qualcuno ora vorrà salire sul carro – la piccola rivincita del commissario tecnico il giorno dopo i rigori con l’Inghilterra – So solo che i sassolini me li tengo tutti nella scarpa, così ricordo meglio. E se daranno l’assalto al carro, bene: il tackle è la nostra specialità. Sappiamo anche dare dei calcioni”.

Ci sono i numeri, dalla parte di Prandelli. Più convincenti di ogni scetticismo, e soprattutto di quanto non dica il risultato sul campo. Ventiduemilioni di spettatori tv ai rigori. Trentaquattro azioni d’attacco in120’contro i maestri inglesi, e venti tiri in porta. Roba impensabile per il derelitto calcio italiano post-Sudafrica. Un colpo di scopa a qualsiasi luogo comune sul catenaccio italiano. E il miglior viatico per una nazionale stanca, ma ora affascinata dalla sfida infinita alla Germania.

“Quel 4-3 del ‘70 per me, ragazzo quattordicenne, è stata ‘la partita’: vista in tv con mio papà, la più grande emozione”. Dopo quella di giovedì prossimo, l’auspicio aggiunto con un sorriso sornione. In sala stampa a casa Azzurri lo accoglie lo stesso applauso, tra inviati stranieri e steward, che i familiari dei giocatori hanno riservato alla squadra quando domenica notte è entrata sul charter da Kiev. In fondo, era l’eco dei complimenti riservati dalla stampa internazionale a Pirlo (“il suo è stato un colpo geniale”) e compagni. “Anche da quella più cattiva di voi?…”, ironizza Prandelli, cui non sono andati giù tanti dubbi sulla sua filosofia di anti-italianista.

“La partita contro l’Inghilterra – inizia il suo racconto – è stato il frutto di due anni di lavoro. Sono pochi per cambiare un modo di pensare. Siamo solo all’inizio. Ma si comincia sempre dall’alto. La situazione, lo ripeto, è grave. Basta guardare al ranking del nostro calcio giovanile: e se non cambiamo direzione, tra qualche anno vedremo Europei e Mondiali in tv”.

Sulle nuove generazioni punta, per guardare al futuro. “Mi dicono che in Italia le piazze si sono riempite davanti ai maxischermi, ed erano giovani: questo vogliono vedere, non un calcio che specula e ha il braccino corto ma un calcio che ha coraggio di proporre”, è il manifesto azzurro. “Per questo, è molto più semplice entusiasmare i giovani che la critica…”. Per questo, pensare di buttare il coraggio oltre l’ostacolo Germania non è follia. “Sono i favoriti, ma nessuno è imbattibile. Anche loro hanno dei punti deboli, su quelli dobbiamo lavorare. Si vince con un’idea”, assicura Prandelli, rassegnato a non poter colmare il gap di due giorni di riposo in meno, ma sicuro di poter affrontare quello tecnico.

“Ozil è regista a tutto campo, atipico. Sono fisici e tecnici: raccolgono i frutti di un lavoro cominciato nel 2006 sui giovani. Solo un dato: loro hanno 17 centri federali, noi uno”. Per evitare che finisca anche sul campo presso a poco con quello scarto, Abete ha chiamato Prandelli e ora se lo tiene stretto (“sirene dei club? Normale: ma c’é un contratto fino al 2014, e le soddisfazioni vissute da noi sono le stesse vissute dal ct…”, dice il presidente Figc).

Oggi, è l’unico tecnico in grado di far giocare la nazionale meglio della somma dei suoi fattori. C’é Pirlo a dare lustro al gruppo. “Sul rigore ha fatto una cosa geniale: non avevo pensato, come poi ha spiegato, al fatto che il cucchiaio mettesse pressione all’Inghilterra – l’elogio – Non so se sia più o meno forte di Xavi. Ma una continuità di gioco, nei90’, impressionante: pochi al mondo cosi”.

Poi però c’é da far media con le incompletezze di Cassano e Balotelli, simboli di un attacco che non si sblocca. “Ma averne, di Cassano così anche solo per 40’-50’- la difesa del ct – Ha giocato quattro partite dopo mesi di inattività, e domenica ha pagato il ritmo gara. Balotelli invece mi è piaciuto: ha fatto quel che gli avevo chiesto, e sulle palle gol c’era sempre. Gli é mancata fortuna e lucidità. E’ stato molto, molto suficiente”. Almeno nei voti, meglio tenersi un pò stretti.

Ultima ora

12:11Zimbabwe: Mnangagwa, elezioni ‘in quattro o cinque mesi’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Indicando un periodo più prossimo di quanto previsto finora, il nuovo presidente dello Zimbabwe - Emmerson Mnangagwa - ha detto che le elezioni nel paese si terranno "in quattro o cinque mesi". Lo scrive il sito Zimbabwe Mail. "Lo Zimbabwe terrà elezioni in quattro o cinque mesi e dobbiamo pregare di avere pace, pace, pace", ha detto il successore di Robert Mugabe a Maputo, la capitale del Mozambico dove è in visita ufficiale. Nel fare l'annuncio Mnangagwa ha promesso di tenere elezioni corrette per assicurare che lo Zimbabwe "si impegni col mondo quale Stato democratico qualificato". Sotto Mugabe le elezioni erano inficiate da brogli, intimidazioni e repressione violenta dell'opposizione, ricorda il sito. Mugabe ha governato il paese dell'Africa australe per 37 anni fino al novembre scorso quando fu costretto alle dimissioni da un intervento militare che puntava a scongiurare una passaggio dei poteri dell'ultranovantenne autocrate alla moglie Grace.

12:03Gentiloni, non scardinare sistema pensioni e fisco

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Non è il tempo di scardinare pilastri del nostro sistema pensionistico e fiscale, non è il tempo delle cicale, ma è il tempo della competenza, della serietà e dell'investimento sul futuro". Lo dice Paolo Gentiloni intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss, ammonendo: "Quando si parla della prossima fase politica guai a dimenticare che uno degli obiettivi" deve essere "passare dalla stabilizzazione e leggerissima" discesa del debito "a una fase di riduzione graduale, sostenibile e significativa del nostro debito pubblico, se ne parla un po' poco" ma "deve essere uno degli obiettivi fondamentali del nostro paese" . "L'Italia attraversa una fase dove è più che mai necessario coraggio e fiducia. Fuori dalla più grande crisi dal dopoguerra, con una crescita stabile", conclude Gentiloni.

11:57Londra, altri 50mln a Parigi per controllo migranti Calais

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - La premier britannica Theresa May si prepara a versare altri 44,5 milioni di sterline (50 milioni di euro) a Parigi perché la Francia continui a fare da 'gendarme' nei confronti dei migranti in arrivo a Calais anche dopo la Brexit, filtrando i tentativi di attraversare la Manica. E' quanto anticipa la Bbc, a poche ore dal vertice bilaterale tra il primo ministro e il presidente francese Emmanuel Macron alla Royal Military Academy di Sandhurst: l'incontro tra i due leader è previsto nel primo pomeriggio, con una conferenza stampa congiunta in programma per le 17 locali (le 18 in Italia). Londra, sempre secondo le anticipazioni della Bbc, dovrebbe anche impegnarsi ad accogliere più migranti da Calais, in particolare minori non accompagnati, sebbene il governo May in passato abbia spesso deluso le aspettative francesi in merito. La stampa britannica appare piuttosto critica, in particolare il filo-Tory Daily Telegraph, sulle 'concessioni' del Regno in fatto di immigrazione.

11:53Kazakhstan: autorità, tutti uzbeki passeggeri bus in fiamme

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Secondo le autorità kazake, erano tutti cittadini uzbeki i passeggeri del pullman che ha preso fuoco nella regione di Aktobe, in Kazakhstan, causando la morte di 52 persone. Lo riporta Interfax. Stando alle prime informazioni, solo cinque sono sopravvissuti, tra i quali i due conducenti "Le informazioni preliminari disponibili indicano che i due conducenti sono cittadini del Kazakhstan ed entrambi sono sopravvissuti", riferisce il portavoce del Comitato per le situazioni di emergenza del Kazakistan al ministero dell'Interno, Ruslan Imankulov. I cinque sopravvissuti alla tragedia sono stati portati in un ospedale nel distretto di Irgiz. "Hanno riportato ferite lievi", ha detto un rappresentante del dipartimento delle situazioni di emergenza regionali.

11:46Tennis: Australia, eliminato Sonego, ko con Gasquet

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione e la dice lunga sulla prevalenza del francese numero 31 del mondo, contro il quale poco ha potuto il 22enne torinese che può comunque essere soddisfatto del suo risultato al torneo australiano. (ANSA).

11:46Mo: Jenin, Hamas annuncia morte di un ‘martire’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 GEN - Nello scontro a fuoco avvenuto la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) è morto Ahmed al-Jarrar, 22 anni: lo rende noto Hamas in un comunicato in cui afferma che si tratta di un "martire delle Brigate Ezzedin al-Qassam" (il suo braccio armato) ed è anche un "martire figlio di un martire" perché suo padre Nasser al-Jarrar, ucciso dall'esercito israeliano nel 2002, era il comandante della sua ala militare a Jenin. La agenzia di stampa palestinese Maan aggiunge che a Jenin "manca all'appello" un altro giovane che la scorsa notte era con al-Jarrar. Potrebbe essere ancora sepolto nei detriti di tre edifici della famiglia al-Jarrar rasi al suolo dall'esercito. Nella notte l'esercito israeliano aveva annunciato di aver ucciso due palestinesi nello scontro a fuoco.

11:44Assalto a portavalori nel Brindisino, sparati colpi fucile

(ANSA) - TORCHIAROLO (BRINDISI), 18 GEN - Un gruppo di quattro persone a bordo di una Lancia Delta nera ha tentato di compiere una rapina ad un portavalori, con un assalto a colpi di fucile sulla superstrada Lecce - Brindisi, all'altezza di Torchiarolo (Brindisi). Diversi i colpi sparati con un fucile a canne mozze in direzione degli pneumatici del furgone e fortunatamente, nessuno è rimasto ferito anche se una guardia giurata della società Cosmopol ha riferito di essere stata sfiorata da uno dei proiettili. La carreggiata Nord della Statale è chiusa al traffico per consentire a carabinieri e polizia di effettuare i rilievi. Il portavalori è stato affiancato dalla vettura, ma la rapina non è andata a segno perché le guardie giurate non sono uscite dall'abitacolo e la banda è fuggita a piedi per le campagne circostanti. Le indagini vengono condotte dai carabinieri e dalla Squadra mobile della questura di Brindisi. Sul posto anche agenti della polizia stradale.

Archivio Ultima ora