Rai, Schifani e Pdl bloccano voto Fini: “Inaudito, chiarisca”

Pubblicato il 04 luglio 2012 da redazione

ROMA – Ancora una fumata nera sul rinnovo del cda Rai e questa volta l’atmosfera politica si fa esplosiva. Nella bufera finisce il presidente del Senato, Renato Schifani, per la sua scelta di sostituire Paolo Amato, membro del Pdl in Commissione di Vigilanza, che aveva espresso l’intenzione di non votare con il suo partito, con Pasquale Viespoli di Coesione Nazionale. Gli attacchi arrivano da tutto il centrosinistra, anche nell’aula del Senato, ma a far rumore è soprattutto la presa di posizione del suo omologo alla Camera, Gianfranco Fini.

“Schifani ha ravvisato l’urgenza di intervenire solo oggi (ieri n.d.r.) perché era chiaro che la libertà di voto di Amato avrebbe determinato un esito della votazione non gradito al Pdl? – si chiede – Se così fosse, saremmo in presenza di un fatto senza precedenti e di inaudita gravità politica”. Fini chiede a Schifani di chiarire, proprio come fa il segretario del Pd, Pierluigi Bersani.

“I modi e i tempi della sostituzione del senatore Amato lasciano senza parole – afferma -. Credo che a questo punto sia indispensabile e urgente che il presidente del Senato riferisca in aula”. Schifani si dice “sereno”, avendo impedito “che la Vigilanza Rai compisse atti viziati da illegittimità”, e motiva la sua scelta spiegando, in una lettera al presidente della Bicamerale, Sergio Zavoli, che “in seguito al ricalcolo proporzionale dei 20 seggi spettanti ai gruppi di Palazzo Madama è risultato che il gruppo del Pdl dovesse rinunciare a un componente”. Componente indicato proprio in Amato, che in mattinata aveva affermato di voler votare per un candidato non di area, cioé Flavia Piccoli Nardelli, impedendo di fatto ai suoi di ottenere la maggioranza dei sette consiglieri di nomina parlamentare.

Il Pdl si schiera compatto in difesa di Schifani. “Non accettiamo alcuna critica – afferma Angelino Alfano -, a maggior ragione da parte di chi, in pieno esercizio del suo alto ruolo istituzionale, ha fondato un partito”. “Reazioni isteriche – replicano dalla presidenza della Camera – che non fanno altro che confermare i sospetti”.

Sullo sfondo della polemica istituzionale, che ricorda quella del 2009 in occasione della sostituzione del presidente della Vigilanza, Riccardo Villari, c’è lo stallo sulla gestione della Rai. “La situazione – avverte Zavoli – è sul punto di diventare gravemente pregiudizievole per la difesa dei compiti e dei valori del servizio pubblico”. A questo punto sia Bersani che Pierferdinando Casini chiedono al governo di intervenire se oggi le nomine non si sbloccheranno, anche con il commissariamento. Un’ipotesi che – spiegano esponenti di Pd e Udc – sarebbe realizzabile in caso di grave crisi economica aziendale (per la Rai sarebbe giustificata dal crollo delle entrate pubblicitarie) o di stallo nell’amministrazione dell’azienda. La decisione spetterebbe a Palazzo Chigi, che per il momento – spiegano fonti di governo – attende che la situazione si sblocchi, ritenendo la vicenda di competenza parlamentare.

In Vigilanza, il posto di Amato è stato assegnato da Schifani a Viespoli di Coesione Nazionale, gruppo che da un mese chiedeva di essere rappresentato in Vigilanza. L’atto ha determinato anche una disputa regolamentare, perché secondo il centrosinistra per la sostituzione sono necessarie le dimissioni dalla Vigilanza, che Amato ha ritenuto di non dover dare. Fatto sta che il Pdl, con Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello, ha annunciato l’uscita di Amato dal partito accusandolo di ordire complotti.

Cda, oggi voto a oltranza
ROMA – La riunione della Vigilanza di ieri, dopo la fumata nera di martedì, si è risolta in un nulla di fatto perché Pdl e Lega Nord hanno fatto mancare il numero legale. La scelta di Amato avrebbe determinato probabilmente l’elezione di Flavia Nardelli, con voto trasversale, di Benedetta Tobagi e Gherardo Colombo, sostenuti dal Pd, di Rodolfo De Laurentiis, del Terzo Polo e di tre dei quattro candidati Pdl, Antonio Verro, Guglielmo Rositani, Luisa Todini e Antonio Pilati. Così non è stato e da oggi alle 9 si voterà, se necessario, a oltranza. Viespoli dovrebbe presentarsi in Vigilanza, ma il Pd fa già sapere che farà di tutto per non farlo votare, quantomeno nella prima seduta.

E’ immaginabile lo scontro, che toccherà a Zavoli risolvere. Sempre che il Pdl decida di presentarsi al voto, tenuto conto che ci sarebbero altri membri pronti a non seguire le indicazioni del partito. Non per nulla, a San Macuto, è andata in scena una riunione in cui – riferisce un parlamentare presente – sono volate accuse pesantissime tra i pidiellini. La Lega, poi – avverte Roberto Maroni – potrebbe chiamarsi fuori “se continuano i giochi tra Pd e Pdl” e il suo appoggio è fondamentale per gli alleati.

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora