Mills, definitiva la prescrizione per Berlusconi

Pubblicato il 09 luglio 2012 da redazione

MILANO  – E’ diventata definitiva la sentenza con cui lo scorso 25 febbraio i giudici di Milano hanno prosciolto per prescrizione Silvio Berlusconi accusato di corruzione in atti giudiziari per il caso Mills. Nessuna delle parti, né accusa né difesa, ha proposto ricorso in appello e, poichè i termini per impugnare sono scaduti, il provvedimento di ‘non luogo a procedere’ è passato in giudicato.

– Era ora – si è limitato a commentare Niccolò Ghedini.

Si chiude così, per l’ex premier, un processo che è durato, tra una sospensione e l’altra, cinque anni. Un processo in cui la sua posizione è stata stralciata in attesa che la Cassazione si pronunciasse sul lodo Alfano e che ha visto, invece, l’avvocato inglese incassare una condanna a quattro anni e mezzo di carcere in primo e secondo grado per poi essere, nel 2010, anche lui ‘salvato’ per prescrizione dalla Suprema Corte, che comunque non ha negato le sue responsabilità.

L’ex capo del Governo era accusato di aver corrotto Mills, considerato l’architetto del sistema off-shore di Fininvest, con un ‘regalo’ di 600 mila dollari in cambio di testimonianze reticenti ai processi milanesi per le tangenti alla Gdf e All Iberian. Per lui il pm Fabio De Pasquale aveva chiesto una condanna a 3 anni e 8 mesi di reclusione. Richiesta avanzata lo scorso 15 febbraio, proprio il giorno in cui, secondo i calcoli del presidente del collegio della decima sezione penale del Tribunale Francesca Vitale – che comunque ha ritenuto non ci fossero le condizioni per una piena assoluzione di Berlusconi – il reato era già stato cancellato dal colpo di spugna della prescrizione. Non così per la Procura: ci sarebbe stato ancora tempo o fino al 3 maggio, qualora il reato fosse stato commesso l’11 novembre del ’99, o fino alla metà di questo mese nel caso in cui il reato fosse stato commesso il 29 febbraio 2000.

E proprio per la scure della prescrizione il dibattimento, negli ultimi mesi, ha subito un’accelerata: un calendario fitto di udienze da una parte e dall’altra l’interminabile interrogatorio – ha occupato giorni interi- del legale inglese che, a differenza di quanto era accaduto nel processo dove era imputato, in quello a carico dell’ex premier ha deciso, in videoconferenza da Londra, di presentarsi davanti a Tribunale. Una partita, insomma, che si è giocata sul filo del rasoio, a cui si è aggiunta una dichiarazione di ricusazione dei giudici proposta da Berlusconi il 27 gennaio e respinta il 23 febbraio. Una mossa, come ha scritto Francesca Vitale nelle sue motivazioni che ”ha costituito l’ostacolo finale alla tempestiva definizione, almeno in primo grado, del processo”.

In più, ha sottolineato, ha contributo la decisione del collegio che giudicò solo Mills, poichè quando entrò in vigore il lodo Alfano, separò la posizione del legale inglese da quella dell’allora Presidente del Consiglio – ‘congelando’ così il procedimento per il leader del Pdl – con ”una scelta le cui ragioni, al di lá della motivazione formale, restano sinceramente oscure”. E non solo: il magistrato ha attribuito anche una dose di responsabilità alla Procura e all’ufficio gip dovute alla ”lunghezza delle indagini” e, per esempio, al ”tempo intercorso tra il rinvio a giudizio (decreto del 30 ottobre 2006) e la data della prima udienza (13 marzo 2007), vale a dire quattro mesi e mezzo dopo”.

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:54Un morto e un ferito in incidente lavoro su chiatta in mare

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Una persona è morta e un'altra è rimasta ferita in un incidente sul lavoro a bordo di una chiatta in mare a Lavagna. Sul posto si sono recate le imbarcazioni di soccorso della capitaneria di porto e dei vigili del fuoco mentre a terra, nel porto turistico di Lavagna, sono arrivate le ambulanze del 118 che hanno poi trasportato il ferito all' Ospedale San Martino a Genova. Non è ancora chiara la dinamica dell' incidente che potrebbe essere stato provocato dalla rottura di un cavo di una gru.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

Archivio Ultima ora