Il Quirinale contro i Pm “Non potete intercettarmi”

Pubblicato il 16 luglio 2012 da redazione

ROMA  – Scontro frontale tra il Quirinale e la procura di Palermo. Giorgio Napolitano ha deciso di chiamare la Corte Costituzionale a pronunciarsi sull’operato dei pm palermitani che hanno intercettato una sua telefonata con l’ex ministro Nicola Mancino : questo e non altro significa la decisione del Quirinale di sollevare conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato. Una scelta estrema, che ha un solo altro precedente nella storia della Repubblica, quando Ciampi fece lo stesso con l’allora ministro della Giustizia Castelli che non voleva concedere la grazia a Ovidio Bompressi. L’accusa che Napolitano rivolge alla procura del capoluogo siciliano è di aver preso decisioni ”lesive” delle prerogative che la Costituzione attribuisce al presidente della Repubblica: in primis quella di non essere sottoposto a indagini e intercettato. Le regole, sostiene il Quirinale, sono fissate dall’articolo 90 della Costituzione e da una legge del 1987, entrambi citati nel decreto con cui Napolitano ha dato mandato all’avvocato generale dello Stato di rappresentare il Quirinale nel giudizio: le telefonate intercettate in cui compare il capo dello Stato, sostiene il Colle, ”non possono essere in alcun modo valutate, utilizzate e trascritte”.

E invece i pm palermitani, osserva il Quirinale, non solo hanno disatteso a questi principi ma si apprestano a far uscire tutto questo materiale dal palazzo di giustizia per consegnarlo nelle mani dei difensori delle persone indagate. Un modo di comportarsi tutto sbagliato, per il colle, secondo il quale non vale nemmeno la considerazione che a essere messo sotto controllo era stato il telefono di Mancino e non quello di Napolitano, perchè le regole richiamate valgono anche nel caso di intercettazioni ”indirette”.

Secondo il colle, invece,la strada da percorrere era un’altra: i magistrati avrebbero dovuto immediatamente distruggere tutto il materiale acquisito che coinvolgeva il capo dello Stato. Punto e basta. Napolitano non ne fa tanto una questione personale quanto un fatto che riguarda l’integrità della presidenza della Repubblica. Come spiega il comunicato ufficiale del Quirinale con un richiamo a Luigi Einaudi, la preoccupazione è una sola: che restare in ”silenzio” di fronte a un fatto del genere possa portare a una ”incrinatura” delle facoltà quirinalizie da trasmettere al suo successore. Con il risultato che il nuovo inquilino del Quirinale sarebbe un po’ più vulnerabile dei suoi predecessori.

L’affondo di Napolitano non ha però fatto cambiare idea ai pm di Palermo, che restano sulle loro posizioni e fanno capire quale sarà la loro linea di difesa di fronte alla Corte. Francesco Messineo assicura che tutte le norme a tutela del presidente della Repubblica ”sono state rispettate”; mentre Ingroia sostiene che un’intercettazione tra una persona coperta da immunità come il capo dello Stato e un indagato può essere benissimo utilizzata se è rilevante per chiarire la posizione dell’indagato.

Attenta a non alimentare polemiche il ministro della Giustizia Paola Severino: da lei arriva una difesa della decisione del Quirinale (”Il capo dello Stato ha utilizzato il mezzo più corretto”) ma anche l’osservazione che Napolitano non ha voluto ”sollevare conflitti politici o polveroni” ma solo risolvere una questione, quelle delle intercettazioni in cui resta coinvolto il capo dello Stato, che interessa il funzionamento delle istituzioni. Sul fronte politico, Napolitano fa il pieno di consensi nella maggioranza che sostiene il governo Monti, soprattutto nel Pdl, partito da tempo in guerra con Ingroia e la procura di Palermo.

– Napolitano dimostra che la nostra battaglia era giusta – si compiace Gasparri auspicando una stretta sulle intercettazioni; una posizione che viene gelata dal Pd, che dice no (con Donatella Ferranti) alle ”strumentalizzazioni” del Pdl. Tra i democratici, comunque, la mossa di Napolitano trova tutti d’accordo: secondo il vicesegretario Enrico Letta si tratta di ”un’iniziativa più che opportuna che porterà chiarezza ed eviterà in futuro contraddizioni e pericolosi conflitti tra poteri dello Stato”. Idem per Pier Ferdinando Casini che in modo lapidario osserva:

– E’ un atto di responsabilità che solo gli analfabeti possono fraintendere.

Ce l’ha , evidentemente, con coloro che storcono il naso di fronte alla sortita di Napolitano, in primis il leader dell’idv Di Pietro che ammonisce:

– Nessuno, qualunque carica rivesta, interferisca con l’Autorità Giudiziaria nell’accertamento della verità.

Prudente, infine, il giudizio del presidente dell’Anm Rodolfo Sabelli:

– Non si vuole interferire in alcun modo nelle vicende giudiziarie, abbiamo il massimo rispetto, ho già detto che troppe parole fanno male sia alle indagini che ai processi.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora