SERIE A: Varato il calendario della 2012-2013: al via con Juventus-Parma

MILANO – Svelato il calendario della stagione 2012-2013 della Serie A Tim: il prossimo campionato parte il 26 agosto ed è caratterizzato dal ritorno di tutti i grandi derby, Milan-Inter, Sampdoria-Genoa, Torino-Juventus, Roma-Lazio. Il primo cade alla settima giornata ed è quello di Milano.

L’evento è stato presentato in una serata televisiva nella sede degli studi di Interactive Group trasmessa in diretta su Sky Sport. Grande parata del gotha calcistico italiano, della dirigenza di club grandi e piccoli, tra suspense e altri sentimenti dovuti alle cronache di questi giorni. C’é l’amarezza di Beppe Marotta, ad della Juventus, per i fatti che stanno scuotendola Juventus, c’é l’amore bello e chissà forse possibile di Adriano Galliani per Kakà, c’é l’emozione di chi ritorna e, soprattutto, la volontà di riequilibrare finanziariamente il calcio italiano. E non poteva mancare il solito colpo di teatro del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis: l’anno scorso, scontento del calendario, aveva abbandonato le assise facendosi dare un passaggio da un ragazzo in motorino. Questa volta, pur non scappando via, ha attaccato duramentela Lega, subito dopo la compilazione del calendario.

“L’ultima giornata di Serie A è a favore di Juventus e Milan: la nostra sfida conla Romasembra fatta apposta. Evidentemente ci sono figli e figliastri – si è sfogato -La Legadi A sembra tutto tranne che casa nostra, nel calcio si fanno insani errori”.

Nella prima giornatala Juventusaffronta il Parma, mentre il Milan se la vede conla Sampdoria, l’Inter va invece a Pescara.La Romaaffronta il Catania in casa.

Nella seconda big match con Inter-Roma e Napoli-Fiorentina. Nella sesta partite importanti con Inter-Fiorentina e Juventus-Roma. Il primo derby mozzafiato si svolgerà il 7 ottobre a Milano con la centenaria sfida all’ombra della Madonnina. L’ottava giornata riserva un grande spettacolo con Juventus-Napoli, sfida di cartello in programma il 21 ottobre. Il 4 novembre sarà la giornata di Juventus-Inter, altra sfida classica e affascinante.

Il derby di Roma tiene banco nella 12ª giornata (11 novembre). Turno nel quale il Milan dovrà combattere controla Fiorentina. Quellodi Genova monopolizzerà invece l’attenzione del turno seguente, animato anche da Napoli-Milan. Il 25 novembre toccherà a Milan e Juventus il compito di accendere il campionato. Torna alla 15ª giornata il derby di Torino, grazie alla promozione in Serie A della squadra granata.

Il presidente della Lega di A, Maurizio Beretta, ha messo l’accento sul successo crescente del calcio italiano che sta andando nella direzione corretta, quella della sostenibilità dei costi. Inoltre ha annunciato la possibilità concreta che, durante il Consiglio federale del 7 agosto, si possa chiudere la vertenza contrattuale che aveva caratterizzato l’’avvio molto turbolento dello scorso campionato. Adriano Galliani non si è sbilanciato più di tanto sul calendario del Milan, scegliendo parole di grande buonsenso: “In un torneo come il nostro non si possono fare troppe previsioni perché non si può mai dire in quali condizioni sia la squadra e in quale stato di forma siano invece gli avversari”. Una battuta anche su Kakà, giocatore rimasto nel cuore dei tifosi milanisti, “una trattativa difficile”, ha ammesso l’amministratore delegato del Milan, ma anche un grande amore e come ogni amore tutto alla fine può succedere. “Faremo il possibile – ha spiegato – senza illudere nessuno”.

Beppe Marotta ha testimoniato la propria amarezza per quanto sta accadendo ad Antonio Conte ma ha voluto esprimere solidarietà a tutti i tesserati, confermando la propria piena fiducia nell’allenatore. De Laurentiis ha invece esaltato il ‘cantiere’ Napoli dove il miglioramento è tangibile e va aumentato di anno in anno. “I top player – ha detto – sono a volte una proiezione dei media perché quello che conta è il gruppo compreso l’allenatore”.

Il mercato è stato uno dei temi della serata con l’Inter alle prese con l’ipotesi di scambio Pazzini-Quagliarella. Diplomatico il direttore generale Marco Fassone: “A volte quello che sembra impossibile oggi diventa possibile domani”.

Il tema della Nazionale e del rapporto di collaborazione con i club è stato portato da Giancarlo Abete: “E’ stato un ottimo Europeo per la nostra Nazionale che è un valore importante. Ora ci attendono le qualificazioni ai Mondiali. Bisogna lavorare tutti insieme in nome di questo valore senza alterare alcun equilibrio”.

Condividi: