La crisi continua a mordere le famiglie: il progetto di vita diventa una chimera

Pubblicato il 31 luglio 2012 da redazione

ROMA – Anche se siamo “alla fine del tunnel” per usare le parole del premier Mario Monti, la crisi continua a mordere le famiglie italiane e in modo particolare quelle composte da giovani, spesso precari nel lavoro e che quindi fanno fatica a investire in un progetto di vita comune.

– Le famiglie in Italia sono poco supportate – ammette lo stesso ministro Andrea Riccardi, che ha la delega alle politiche familiari, e che ha presentato un pacchetto di iniziative in collaborazione con l’Abi e le associazioni dei consumatori. Prestiti per i nuovi nati, sostegno all’acquisto della prima casa per i precari, sostegno allo studio: sono tutte misure che l’attuale Governo eredita dal precedente, e che sta prorogando con nuovi finanziamenti. Il Fondo per i nuovi nati – unico punto del pacchetto sul quale si è siglato ieri un protocollo d’intesa tra Abi e Ministero – ha una dotazione patrimoniale di 25 milioni di euro e prevede un finanziamento fino a 5 mila euro da restituire al massimo in 5 anni, con un tasso agevolato; lo possono richiedere i genitori dei bambini nati o adottati negli anni 2012, 2013 e 2014 senza limiti di reddito. E’ il fondo che ha avuto più successo di tutti, ha reso noto il ministro Riccardi, spiegando che dal 1 gennaio 2010 ad oggi le banche hanno erogato prestiti a 26 mila famiglie per un importo complessivo di 127 milioni di euro in venti regioni.

– Il prestito – ha precisato – viene concesso alle famiglie senza limiti di reddito o distinzione tra italiani e stranieri.
Ancora in ridiscussione, invece, gli accordi con l’Abi sul sostegno ai mutui per le giovani coppie con lavoro precario e il fondo per il credito ai giovani, il cosiddetto “prestito d’onore”, già inaugurati dal precedente Governo ma che sembrano non aver avuto lo stesso successo del Fondo nuovi nati, almeno nel recepimento da parte degli istituti bancari. Vanno dunque, ha spiegato Riccardi, rinegoziati. Il ministro ha auspicato un legame più stretto fra credito e famiglie.
– Penso a un credito agibile, lungimirante e amico della familia – ha spiegato, aggiungendo che “c’è una grande disponibilità da parte del mondo bancario che ha ora l’opportunità di configurarsi come alleato delle famiglie.

Queste misure rientrano in un più ampio spettro di iniziative dell’Abi, dal titolo “Percorso famiglia”, che in collaborazione con le associazioni dei consumatori intende sostenere i nuclei in difficoltà in tutte le fasi della vita.
– Dentro l’accordo con le associazioni – ha spiegato Mussari – c’è quello di dar corso al ‘Percorso famiglia’, che significa rimettere ordine negli strumenti che ci sono, verificare quelli che hanno funzionato un po’ peggio e renderli in grado di funzionare meglio. C’è la questione dello studio, c’è il ragionamento per l’acquisto della casa da parte di giovani coppie, di fatto o meno, che abbiano situazioni precarie dal punto di vista del lavoro e c’è il sostegno alle persone più anziane che si trovano in difficoltà nell’ultima parte della loro vita, che è l’aspetto più delicato perchè entra in gioco il loro bene patrimoniale, che tipo di rapporto possono instaurare con la banca a salvaguardia dei loro diritti e anche delle legittime aspettative degli eredi.

Tra le misure, anche la proroga al 31 gennaio 2013 della sospensione delle rate dei mutui per le famiglie in difficoltà con i pagamenti. Le rate vengono sospese per un anno in caso di perdita del posto di lavoro o cessazione del contratto a termine, entrata in cassa integrazione, morte o grave infortunio.

– Occorre ritrovare fiducia nel sistema bancario – hanno commentato le associazioni di consumatori – il momento è delicato e serve una rete di attori. Noi ci saremo, anche per informare, perchè se non si conoscono i diritti non si possono far valere.

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora