L’analisi – Siria: un’infinita spirale di tensione e di violenza

Pubblicato il 07 agosto 2012 da redazione

I media di tutto il mondo riservano già da diverse settimane enorme attenzione a quanto sta accadendo in Siria. L’equilibrio nel Paese è infatti saltato da tempo. Sotto la lente di ingrandimento della Comunità Internazionale vi è in particolare la quotidiana mattanza di civili compiuta dai soldati del regime di Assad. La responsabilità dei massacri viene invece puntualmente scaricata sulle «bande di irregolari provenienti dall’estero». Evidentemente però, tale versione non convince nessuno.

Nel tentativo di arrestare, o quantomeno contenere, la spirale di violenza in atto, convertitasi ormai in una vera e propria guerra civile, la Francia ha recentemente ventilato l’ipotesi di una “no-fly zone” in stile libico. Tuttavia l’idea, dopo aver incassato alcuni illustri veti, ha avuto esclusivamente il demerito di innalzare la tensione attorno all’intera area. Proprio a seguito della proposta, infatti, è stata annunciata dal regime una fantomatica esercitazione congiunta, sul proprio territorio, fianco a fianco dell’alleato russo. Un messaggio chiaro ed allo stesso tempo minaccioso per i Paesi occidentali. Stati Uniti (CIA) e Francia (cui potrebbero presto aggiungersi altri Governi interessati agli sviluppi di questa vicenda) pare stiano lavorando all’invio di istruttori ed armi destinate ai ribelli al fine di bilanciare la consistente quantità di materiale bellico proveniente dall’Unione Sovietica prima, e dalla Russia poi, nonostante l’embargo che, ormai soltanto sul piano teorico, tiene sotto scacco la Siria.

Impossibile non allargare questa breve analisi alla vicina Turchia. Il confine tra i due Paesi è da settimane teatro di disordini. Il regime siriano accusa il Governo Erdogan di aver permesso l’ingresso di «stranieri» che destabilizzano la regione con l’intento di porre fine all’esperienza di Assad. Gli scontri tra irregolari si moltiplicano e la tensione, anche sul piano politico, continua a salire vertiginosamente, come testimoniano le parole del Ministro degli Esteri turco: «Deve essere chiaro che prenderemo qualsiasi misura che venga ritenuta appropriata. Cittadini siriani, che cercano rifugio dal regime di Assad in Turchia, sono sotto la protezione dello Stato turco».

La situazione siriana è di fronte ad uno stallo che, nel breve periodo, difficilmente potrà risolversi senza interventi esterni. Russia, Iran e Cina (quest’ultima in posizione più defilata) spalleggiano Assad. L’Occidente, in ordine sparso, ed alcuni paesi arabi (Arabia Saudita e Qatar su tutti) desiderano invece che il Paese volti pagina il prima possibile.

L’intervento militare esterno appare attualmente poco realistico (a meno di clamorose novità) per via degli altissimi rischi legati a qualsiasi possibile operazione. La diplomazia è in grossa difficoltà e non riesce a trovare un compromesso. L’unica via di uscita sembra pertanto essere la vittoria militare di qualcuna delle parti in causa in seno alla Siria stessa.

Luca Marfé
lucamarfe@yahoo.it

 

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora