Sequestro virtuale, se il web aiuta i criminali

Pubblicato il 10 agosto 2012 da redazione

CARACAS – Attraverso i social network si informano su una persona, poi quando questa è fuori casa fingono di averla sequestrata e telefonano alla famiglia per estorcerle denaro. Si tratta del ‘sequestro virtuale’, l’ultima moda in quanto a sequestri di persona, praticato soprattutto da detenuti che utilizzano in carcere cellulari con connessione a internet.

– Quello che chiamiamo ‘sequestro virtuale’ o ‘estorsione telefonica’ è un modo facile e veloce per commettere un crimine – ci spiega il Commissario Argenis Guillen, Direttore della Polizia Municipale di Los Salias -. È semplice perché al giorno d’oggi in molti rivelano su Facebook o su Twitter ogni tipo di informazione sul proprio conto: in che tipo di zona vivono e qual è il loro numero di telefono, dove studiano, dove lavorano, dove escono la sera, dove passano il fine settimana, cosa fanno i loro figli. Postano fotografie della loro casa, della loro automobile, dei loro viaggi. Qualsiasi delinquente che possieda un cellulare con connessione internet, può accedere a queste informazioni in modo semplice e decidere se la persona è una facile preda.

Prima di mettersi in contatto con la famiglia da estorcere, i criminali approfittano della temporanea assenza della vittima ‘virtuale’.

– Con la mole di informazioni disponibili sul web sono perfettamente in grado di sapere quando una persona è in metropolitana e il suo telefono non ha copertura, quando il suo cellulare è scarico, oppure quando è in spiaggia – spiega il Commissario -. Chiamano la vittima e, se hanno la conferma che questa non è raggiungibile, telefonano subito alla famiglia. Assicurano di averle rapito il familiare e per la sua ‘liberazione’ chiedono ricariche telefoniche o depositi in un conto corrente bancario. Oppure – continua ancora Guillen – fanno credere di esser parte di gruppi criminali o agenti di polizia e di gestire informazioni importanti sulla famiglia. Quindi minacciano di sequestrare o far del male ad un loro caro se non si soddisfano le loro richieste.

Il Commissario fornisce alcuni tips su come capire che si tratta solo di un sequestro simulato.

– Se qualcuno ha davvero realizzato un sequestro di persona non chiede certo soldi per il suo cellulare o depositi bancari – assicura – perché sarebbe facile per la polizia risalire a lui. Quando il rapimento è reale il criminale negozia la quantità di denaro da consegnare in contanti come riscatto, in un luogo ben determinato.

Quindi, qualche consiglio su come reagire una vittima di ‘sequestro virtuale’:
– Ci si deve immediatamente mettere in contatto con il Cicpc o con la polizia locale, che hanno i mezzi necessari per localizzare la provenienza della chiamata. Se il criminale non nasconde l’ip del telefono, memorizzare subito il numero de cellulare con cui sta telefonando. È importante anche prestare attenzione al tono di voce del delinquente, al suo accento, un contributo importante affinché le forze dell’ordine possano identificare le bande delittive. Se possibile, registrare la chiamata.

Come forma di prevenzione, il Commissario consiglia utilizzare le nuove tecnologie in modo intelligente: no a dati personali (quali indirizzo, numero di telefono, istituto scolastico frequentato dai figli) sui nostri profili web; no all’opzione ‘accesso libero’ su Facebook, che permette a chiunque informarsi su di noi; accettare come ‘amici’ solo persone conosciute e non lasciarsi ingannare da profili misteriosi di donne attraenti.

Los Salias si trova a San Antonio, nello stato Miranda, ed è una zona di classe medio-alta. Anche se la Polizia municipale riceve solo tre denuncie al mese per estorsione attraverso ‘sequestro virtuale’, il Commissario Guillen assicura che mensualmente le vittime sono 10-15 e che almeno 3-4 di queste cadono nell’inganno e finiscono per obbedire alle richieste dei criminali, finanziando in questo modo la delinquenza. L’agente consiglia quindi di aver fiducia nelle forze dell’ordine, di rivolgersi a loro per qualsiasi dubbio (anche all’Esperto antisequestri dell’Ambasciata d’Italia) e di non aver paura a sporgere denuncia. Questo, precisa, vale anche per i “molti commercianti italiani” della zona che – sotto la minaccia di un possibile sequestro – sono “obbligati dai criminali a pagare la ‘vacuna’”.

Monica Vistali

Ultima ora

13:01Giochi: in Lombardia spesa top per slot. 10 mld 5 nel Lazio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Sono 49 i miliardi spesi di slot machines e video lottery nel 2016, oltre la metà del totale del gioco d'azzardo. È un caso il piccolo comune di Caresanablot, poco più di mille abitanti attaccato a Vercelli, dove la giocata pro capite in slot machine è la più alta d'Italia, 24.228 euro. Un dato drogato dalla presenza di una enorme sala giochi che richiama migliaia di 'pendolari' del gioco. Ma è Prato la provincia italiana con la spesa più alta nelle 'macchinette', 2.377 euro a persona. E la Lombardia, con oltre 10 miliardi di raccolta, è la regione dove si spende di più, seguita dal Lazio con oltre 5. Sono alcuni dei dati raccolti ed elaborati dal Gruppo Gedi, editore dei giornali locali del gruppo Finegil, e dalla società di datajournalism Dataninja, nel data base 'L'Italia delle slot' che raccoglie le cifre del 2015 e del 2016 su Slot e video lottery in regioni, province e comuni.

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

Archivio Ultima ora