L’EX PRESIDENTE DELL’AN: Fernando Soto: “Garibaldi era un guerrigliero come me”

Pubblicato il 15 agosto 2012 da redazione

CARACAS – I rapporti tra l’Italia e il Venezuela sono – e sono sempre stati – buoni. Lo assicura alla ‘Voce’ l’ex Presidente dell’Assemblea Nazionale, il deputato socialista Fernando Soto Rojas, presente alla celebrazione della Giornata dell’Amicizia italo-venezuelana che si è svolta ieri mattina in Piazza Italia, a Caracas.

– Non abbiamo mai avuto nessuno scontro con il popolo o con il governo italiano – garantisce il parlamentare – e anche oggi le relazioni sono  buone, nonostante i nostri modelli ideologici siano diversi.

Soto ricorda come “la colonia europea, specialmente quella italiana, spagnola e portoghese” sia stata “sempre ben accolta” in Venezuela, anche se “alcuni hanno avuto paura e sono scappati dal fantasma del socialismo, del comunismo”. E sottolinea come oggi, con la debacle economica che pende come una spada di Damocle sull’eurozona, l’America latina e il Venezuela stiano tornando ad essere terra d’immigrazione.

– Poco tempo fa sono stato in Spagna – racconta il deputato del Psuv – e ho incontrato molti spagnoli-venezuelani che pensano di ritornare in Venezuela, soprattutto a causa della grave crisi strutturale che attraversa il vecchio Continente. Spero che le cose migliorino – dichiara – ma sono anche convinto che le misure fondomonetaristiche che si stanno adottando non risolveranno la situazione.

Poi qualche parola per l’Italia:

– Fin dagli anni ’50 c’è una grande presenza di italiani perché il Venezuela è una terra benedetta. Siano benvenuti – dice calorosamente – tutti coloro che vengono a lavorare con buona volontà.

Soto Rojas, classe 1933, è chiamato il “deputato guerrigliero” del Parlamento venezuelano. Ha militato nei movimenti studenteschi e nella resitenza contro la dittatura di Marcos Pérez Jiménez, per poi abbracciare la lotta armata negli anni Sessanta. È durante questa decada che si unisce all’esercito rivoluzionario di Fidel Castro e guida la brigata venezolano-cubana che invade clandestinamente il Venezuela con l’obiettivo di rovesciare il governo di Romulo Bethancourt, mentre nel ’77 lo troviamo in Medio Oriente combattendo per la resistenza palestinese tra le fila di ‘Causa Palestina’.

Con una traiettoria di questo tipo, capiamo perché Soto – che qualche anno fa inaugurava nel ‘revoluzionario 23 Enero’ (zona popolare di Caracas) una piazza dedicata al fondatore delle Farc, Manuel Marulanda Velez – si trovi tanto a suo agio all’ombra del busto di Giuseppe Garibaldi:

– Per tutta la sua vita Garibaldi è stato un combattente e un guerrillero, proprio come me. Quando ci hanno invitato alla celebrazione abbiamo subito accettato soprattutto per quello che ha significato la sua figura per la storia dell’Italia e dell’America latina. Credo che i venezolani – afferma – dovrebbero studiare di più la sua storia e conoscere più a fondo la collettività italiana. Se il Venezuela ha bisogno di una lunga stabilità, l’Italia ha bisogno del Venezuela e dell’America latina per alzare una zona di pace.

Ma come cambieranno le relazioni tra i due Paesi nell’ipotesi di un ribaltone politico il prossimo 7 ottobre, quando i venezuelani decideranno alle urne se riconfermare Hugo Chávez alla presidenza della Repubblica o optare per il candidato dell’opposizione, Henrique Capriles Radonski? Soto Rojas non ha dubbi: i rapporti con l’Italia non cambieranno perché il Venezuela non abbandonerà il “socialismo bolivariano” per “un passato che già conosce”:

– Ci sarà continuità politica perché passeremo dal Comandante Chávez al Presidente Chávez o viceversa – scherza il deputato -. ‘L’altro’ – dice riferendosi a Capriles – è un imponderabile che non si profila all’orizzonte. Analizziamo la situazione politica ogni giorno: il popolo sta avanzando molto seriamente in un processo di politicizzazione e questo è garanzia di spinta verso la realizzazione del sogno bolivariano.

  • Longo

    questo personaggio non si deve comparare mai con Giuseppe Garibaldi, il vero eroe di Italia.

Ultima ora

13:51Promoter uccisa: ottava versione indagato, sono stato io

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 13 DIC - "Ho fatto tutto da solo e non per denaro". Sarebbe questa l'ottava versione resa da Vito Clericó, 65 enne di Garbagnate Milanese (Milano) sulla morte di Marilena Rosa Re, la promoter di 58 anni di Castellanza (Varese), uccisa e decapitata lo scorso 30 luglio. Il 65enne, in carcere con l'accusa di aver commesso il delitto perché non aveva da restituire alla donna un ingente somma di denaro, e di aver anche occultato il suo cadavere decapitato nel suo orto di Garbagnate, dopo aver confessato e ritrattato più volte incolpando del delitto un "misterioso uomo corpulento", ha nuovamente ammesso le sue responsabilità. Per i suoi legali, sarebbe ora pronto a raccontare alla Procura la verità. "Abbiamo chiesto un nuovo interrogatorio e ci aspettiamo la convocazione per la prossima settimana" ha dichiarato il difensore Franco Rovetto che ha aggiunto che "inoltre sottoporremo Clericó a visita psichiatrica in carcere e valuteremo poi la richiesta di un eventuale incidente probatorio".

13:48M5s: Toninelli, Berlusconi? Anziano signore che fa battute

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dice che sente il bisogno di scendere in campo per salvare l'Italia dal Movimento Cinque Stelle? Mi fa quasi simpatia, alla fine è un anziano signore che fa battute, anche se gli consiglio di aggiornarle un po', visto che sono sempre le stesse". Così Danilo Toninelli (M5s) ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano. "Dai giorni in cui firmò il contratto con gli italiani, senza mantenerne nessun punto. Ma di cosa stiamo parlando? Ha approvato la legge Fornero. Berlusconi non ci tange minimamente, mi dispiace ci sia ancora qualcuno disposto a credergli, basterebbe andare su Google e guardare la sua carriera politica e le indagini giudiziarie che lo hanno riguardato. E' un condannato per una frode fiscale. Diciamo - aggiunge Toninelli - che il suo curriculum non è quello del salvatore della patria, ma del rovinatore della patria".

13:42M5S: Casaleggio, su orari negozi visione Calenda inadeguata

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il ministro Calenda ha criticato l'appello di Luigi Di Maio ad approvare la legge sulle chiusure festive (votata anche da partiti presenti nel suo stesso governo) dicendo che così si fa un regalo ad Amazon. È una visione molto semplicistica e inadeguata a comprendere il fenomeno. Non si può essere esperti di tutto". Lo afferma, in un post su facebook, Davide Casaleggio replicando alle dichiarazioni di ieri a Porta a Porta sulla proposta M5S di non tenere sempre aperti i negozi nelle festività. "E' proprio durante il suo mandato che il retail italiano ha continuato a perdere. Gli unici ad aver guadagnato sono le societa della grande distribuzione estera, in particolare francese e tedesca. Le regole che difende Calenda privilegiano solo la grande distribuzione, in particolare estera, che può permettersi i turni", attacca Casaleggio.

13:40Elezioni: Salvini, ok se 4 marzo ma anche election day

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Votare il 4 marzo? Ci va benissimo: prima si vota, meglio è". Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha commentato così l'ipotesi di convocazione delle elezioni politiche il 4 marzo. Contattato in proposito, Salvini ha aggiunto di essere pero' anche "favorevole all'election day: bisogna votare lo stesso giorno anche per le Regionali, non farlo sarebbe uno spreco di denaro, una follia".

13:37Assenteismo, indagato comandante vigili urbani Arzachena

(ANSA) - ARZACHENA, 13 DIC - Dovrà rispondere di truffa aggravata e continuata ai danni del Comune di Arzachena, in Gallura, e di una lunga serie di reati tra cui l'abuso di atti d'ufficio, peculato e omessa denuncia. Questa mattina gli uomini della Guardia di Finanza di Olbia, guidati dal comandante Marco Salvagno, hanno notificato l'obbligo di firma al comandante della polizia locale di Arzachena Andrea Becciu, in carica dal 2015. Secondo le indagini,coordinate dal procuratore della Repubblica di Tempio Pausania, Gianluigi Dettori, era solito assentarsi numerose ore al giorno dall'ufficio per motivi privati di varia natura, in molte occasioni anche fuori Arzachena, timbrando il cartellino in orari in cui non vi era la presenza dei suoi collaboratori, così che nessuno potesse rilevare eventuali irregolarità. Ma da diverso tempo gli spostamenti del comandante erano tenuti sotto controllo dai militari delle fiamme gialle anche attraverso telecamere e dispositivi Gps nascosti nelle automobili in uso al funzionario. In alcune occasioni, prevalentemente nei giorni festivi, Becciu, dopo aver timbrato il cartellino lasciava il Comando per raggiungere le spiagge della Costa Smeralda. (ANSA).

13:36Modella rapita: Corte, la vittima non sarà ascoltata in aula

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Non verrà sentita la modella inglese Chloe Ayling nel processo a carico di Lucasz Herba, il 30enne polacco di Birmingham che l'avrebbe sequestrata e poi liberata, per metterla all'asta e accreditarsi così sul 'deep web' come persona in grado di offrire servizi illegali. Per il rilascio i due avevano anche chiesto un riscatto, senza ottenerlo. La Corte d'Assise di Milano ha bocciato la richiesta avanzata dalla difesa dell'imputato, l'avvocato Katia Kolakowska, che ha chiesto di ascoltare in dibattimento la giovane, già sentita in incidente probatorio. Istanza a cui si è opposto anche il legale della parte civile, Francesco Pesce, che ha sostenuto che la ventenne "non vuole tornare in Italia e vedere ancora il viso del suo sequestratore". Da quanto riferito, la giovane risiede in Gran Bretagna, ma è tornata in Italia per un'intervista con la televisione australiana. I giudici d'Assise hanno aggiornato l'udienza al 7 febbraio per l'esame dei primi testi del pm e hanno ammesso l'interrogatorio dell'imputato.

13:34Maltempo: tamponamento su A12 dopo grandinata, 20 feriti

(ANSA) - LA SPEZIA, 13 DIC - Un tamponamento a catena, causato probabilmente dal manto stradale reso viscido da un'improvvisa grandinata, ha coinvolto stamani una decina di auto sull' autostrada A12 tra Deiva Marina e Carrodano provocando una ventina di feriti lievi. L'autostrada è rimasta chiusa per circa due ore. Una parte dei feriti sono stati trasportati in codice giallo o verde dalle ambulanze nei pronto soccorso degli ospedali della Spezia, Sarzana e Lavagna, mentre altre dieci persone sono state assistite sul posto. Sul luogo dell' incidente, oltre ai vigili del fuoco di Brugnato e di Chiavari, anche la Polizia stradale della Spezia. Prima della riapertura del tratto si sono formate code di circa cinque chilometri.

Archivio Ultima ora