Ecuador sfida Lonmdra: asilo al capo di Wikileaks

Pubblicato il 16 agosto 2012 da redazione

LONDRA – Quito sfida Londra e concede a Julian Assange l’asilo politico ma l’australiano di Wikileaks rischia l’arresto se osa mettere il naso fuori dall’ambasciata ecuadoregna a Londra. Cosa che intende fare puntualmente domenica prossima mentre il capo del suo collegio legale, l’ex giudice spagnolo Baltasar Garzon, minaccia il ricorso alla Corte Internazionale di Giustizia se al suo cliente sarà torto un capello.

Il braccio di ferro diplomatico si complica: Garzon ha chiesto per Assange un salvacondotto, ma il Foreign Office, dopo aver minacciato nella notte l’ambasciata ecuadoregna a Knightsbridge di un possibile raid per arrestare l’australiano (per poi fare dietrofront), ha ribadito la volontà di dar seguito all’estradizione in Svezia a dispetto della decisione di Quito annunciata dal ministro degli esteri Ricardo Patino all’insegna dell’orgoglio nazionale:

– Non siamo una colonia britannica.

Fuori dall’ambasciata a Knighstbridge, il mezzo migliaio di sostenitori di Assange hanno cantato vittoria: ”El Pueblo Unito Jamas Sera Vencido”. Alcuni avevano passato la notte sul marciapiede mentre Scotland Yard, rispondendo a un tam tam sui media internazionali, aveva rafforzato la presenza attorno alla sede diplomatica dove l’australiano si era rifugiato il 19 giugno scorso una volta esauriti i tentativi di appello contro l’estradizione in Svezia che lo vuole interrogare per reati sessuali.

Assange è ”in grave pericolo” per il suo lavoro con Wikileaks, ha detto Patino. Se dalla Svezia dovesse venir estradato in Usa, l’hacker del Cablegate rischia il boia. Pur rischiando la debacle diplomatica in Sudamerica dopo le tensioni con l’Argentina sulle Falkland, il governo britannico si è irrigidito.

– Nessun salvacondotto ma anche nessun raid e nessun accordo segreto con gli Usa – ha ribadito il ministro degli Esteri William Hague che in questi giorni è anche il numero uno del governo britannico mentre il premier David Cameron e il suo vice Nick Clegg sono in vacanza in Spagna.

Quanto a Julian, che ha appreso della decisione ecuadoregna nell’ufficetto-dormitorio che da due mesi è diventata la sua ‘cella’, ha salutato con soddisfazione la ”significativa vittoria”, ma messo in guardia i suoi sostenitori: ”Le difficoltà cominciano adesso”.

Il braccio di ferro con Londra potrebbe durare a lungo, le vie di uscita per Assange sono poche e hanno costretto gli esperti ad arrampicarsi sugli specchi: Quito potrebbe nominare l’australiano ambasciatore all’Onu, o chiuderlo in una valigia diplomatica accompagnata da corriere, oppure Assange potrebbe uscire dall’ambasciata mascherato, magari da donna, e dileguarsi nei vicini grandi magazzini Harrods.

Secondo Sir Christopher Meyer, ex ambasciatore britannico a Washington, l’Ecuador e il capo di Wikileaks ”si sono messi in un angolo”. Come il cardinale Jozesf Mindszenty nell’ambasciata Usa a Budapest, Assange potrebbe dover restare ”in eterno” nella stanzina al primo piano dell’ambasciata in cui è confinato da due mesi, ha detto Sir Christopher, e non è una buona soluzione per lui nè per i suoi ospiti.

– Lui e’ un nomade – ha detto la madre alla Bbc – e da 58 giorni non vede il sole…

Una vicenda complicata
L’asilo politico concesso dall’Ecuador a Julian Assange – che però si trova bloccato nell’ambasciata del Paese latinoamericano a Londra, dove il governo britannico non intende fargli lasciare la sede diplomatica da “uomo libero” – complica ulteriormente la già intricata e lunga vicenda diplomatico-giudiziaria dell’australiano cofondatore di Wikileaks. Assange si considera perseguitato per aver rivelato migliaia di documenti riservati della diplomazia statunitense, e non solo, su Wikileaks. L’australiano è inseguito dalla giustizia della Svezia, Paese dove ha vissuto e dove due donne lo accusano di delitti di natura sessuale, una pendenza giudiziaria che lui e i suoi sostenitori ritengono pretestuosa.

Nella loro accusa, presentata nell’agosto del 2010, entrambe hanno sostenuto di essere state vittime di abusi: interrogato dalla polizia, Assange ha negato ogni addebito, sostenendo di aver avuto rapporti sessuali consensuali con le due svedesi e di non aver compiuto alcun reato. Il 27 agosto del 2010 il fondatore di Wikileaks ha lasciato la Svezia per la Gran Bretagna e qualche giorno dopo una pm di Stoccolma, Marianne Ny, ha richiesto il suo arresto per poterlo interrogare. Dopo una serie di ricorsi legali, il 6 dicembre 2011 la polizia britannica ha comunicato al cofondatore di Wikileaks che era stato emesso un mandato europeo di arresto per i delitti di prevaricazione e abuso sessuale. Assange si è presentato alla polizia a Londra ed è stato arrestato, ma il 16 dicembre ha ottenuto la libertà su cauzione. I giudici gli hanno concesso gli arresti domiciliari nell’abitazione di un amico a Ellingham Hall, nel Norfolk, con l’obbligo di indossare un braccialetto elettronico.

Fra febbraio a giugno gli avvocati di Assange hanno presentato una serie di ricorsi presso le autorità giudiziarie britanniche, sostenendo che la sua estradizione in Svezia doveva essere negata per una lunga serie di ragioni. Il 30 maggio la Corte Suprema britannica ha respinto l’ennesimo ricorso dei suoi avvocati contro l’estradizione ed è quindi maturata la decisione di rifugiarsi, lo scorso 19 giugno, nella missione diplomatica dell’Ecuador a Londra, e di chiedere a Quito l’asilo politico. Assange si considera infatti perseguitato.

L’ex magistrato spagnolo Baltasar Garzon, che coordina la difesa di Assange, il 3 agosto ha dichiarato che l’australiano non teme l’estradizione verso la Svezia. Il suo vero timore – ha precisato – e che questa possa “rivelarsi una cortina fumogena per coprire la sua consegna agli Stati Uniti”, dove potrebbe essere processato per spionaggio e dove rischia pene molto severe.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora