E’ pazza Inter contro il Vaslui

Pubblicato il 30 agosto 2012 da redazione

MILANO – Alla fine pareggia e approda all’Europa League un’Inter pazzesca dove gli errori difensivi vanificano tutto il buono (e ce n’é tanto) che la squadra di Stramaccioni propone. Palacio e Guarin – che gioca una mezza partita stratosferica, mentre Zanetti ne gioca splendidamente una intera – recuperano gli sgorbi di Samuel e Castellazzi e la defaillance del giovane terzo portiere Belec.

L’Inter non vince ancora in casa, ma l’importante era superare il turno e i nerazzurri ci riescono. Mister Stramaccioni ha qualche ora per correggere dalla cintola in giù, prima che arrivi Zeman con la sua banda. Piange e fa piangere i 50.000 di San Siro Julio Cesar, in partenza per Londra, che legge un messaggio di saluto e di addio in cui ricorda Coppe e titoli, l’avventura meravigliosa dell’Inter del Triplete. E ha già salutato il presidente Moratti e i compagni Maicon che ai tifosi forse manderà una cartolina dall’Inghilterra dove si trova già stasera arruolato da Roberto Mancini e dal suo insaziabile ManCity.

Piange e fa fa piangere l’Inter che, dopo mezz’ora nella quale sembrava poter disporre a piacimento del Vaslui che va al passo, e che ha colpito una traversa al12’con Samuel, incappa in una topica difensiva coi centrali che sbagliano i tempi del fuorigioco e si spalancano di fronte a un lancio di Stranciu per Antel. L’attaccante tenta di aggirare Castellazzi che lo aggancia quando forse poteva anche farne a meno. Rigore ed espulsione. Stranciu batte Belec, subentrato a Cassano e la partita si mette in salita per i nerazzurri che tirano l’intervallo e che poi sono costretti a riorganizzarsi con Juan Jesus centrale, Nagatomo che torna terzino e Guarin che entra a centrocampo. Fuori Samuel, sfortunato nell’occasione del gol mancato, colpevole nell’episodio che ha rilanciato le speranze del Vaslui.

L’Inter del secondo tempo è sicuramente diversa: il centrocampo con Guarin ha ben altra autorità, pressa, recupera e ripropone l’azione, anche se Palacio non sempre riesce a fare con efficacia l’unica punta. L’inferiorità numerica sembra sparita e i nerazzurri attaccano con efficacia anche se devono lasciare qualche spazio in più ai romeni. Ma il contropiede vincente è quello nerazzurro: Coutinho strappa per 30 metri e poi regala d’esterno il pallone del pareggio a Palacio. Sospiro di sollievo, ma non è finita.

Altra topica e nuovo svantaggio. Stavolta è il povero Belec (paga pure l’emozione) a mancare l’uscita e a consentire a Varela il comodo gol di testa. Poi finisce bene perché Guarin mostra ai 50.000 di San Siro di essere un campione. Merita una grande ovazione e tanti replay il suo gol dopo uno slalom speciale tra i difensori avversari. Adesso Stramaccioni aspetta la fine del mercato domani sera: non arriverà certo un nuovo Maicon (tenterà di far crescere Jonathan che promette bene) ma almeno un vice Milito.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora