Destro e Peluso risollevano l’Italia

Pubblicato il 11 settembre 2012 da redazione

MODENA – Né la goleada, né il bel gioco. Se sul primo punto l’Italia ha accontentato il suo ct Cesare Prandelli, evitando una valanga di gol che annacquasse il senso del gioco, sul secondo lo ha deluso per almeno un tempo.

Il 2-0 col quale gli azzurri chiudono la prima tornata di qualificazione ai Mondiali 2014 ha di buono soprattutto, anzi forse solo, i tre punti. La contemporanea vittoria della Bulgaria sull’Armenia proietta le due avversarie di venerdì a Sofia in testa al girone a 4 punti. Ma per dire che la nazionale ha ritrovato la sua identità, stile Europeo, la strada è ancora lungo.

A parte il gol all’esordio ufficiale di Destro in apertura – arrivato forse troppo presto, a illudere che la serata si mettesse liscia liscia – e il bel secondo tempo di Insigne, Prandelli ha più motivi di riflessione. Ne è riprova il fatto che dopo aver rivoltato la squadra rispetto a Sofia (cinque cambi e ritorno al trequartista), nel secondo tempo ha dovuto bocciare Diamanti e rimodellare ancora la squadra, con un 4-3-3. Chissà non sia questo l’approdo finale, visto il cambio di passo che ha portato. O chissà che il merito non sia di Insigne.

Certo Modena meritava qualcosa di più del brutto primo tempo e degli sprazzi del secondo. La città accoglie gli azzurri con uno stadio pieno e tanto entusiasmo, mentre la piccola delegazione dei tifosi ospiti rende omaggio alle popolazioni colpite dal terremoto con uno striscione (“forza e coraggio, da Malta un abbraccio”).

La festa apparecchiata comincia nel migliore dei modi, perché al primo affondo l’Italia va in gol. Lancio Marchisio, colpo di Destro che si infila tra i difensori centrali e dopo 5’ è già 1-0. Ma succede quel che Prandelli temeva, anzi anche peggio.
La facilità del gioco toglie voglia di giocare. Il cambio di modulo imposto dalla brutta serata di venerdì a Sofia, con Diamanti dietro due punte e il ritorno della difesa a quattro, non dà riscontri. Cassani e Peluso sono troppo fragili per offrire la spinta giusta sulle fasce, mentre il trequartista del Bologna galleggia tra le linee senza trovare tempi giusti. Unico apporto, la serie ininterrotta di punizioni che procura subendo fallo su fallo dai due centrocampisti maltesi piazzati da Ghedin davanti alla difesa. Malta fa il suo, occupando gli spazi con un 4-2-3-1 ordinato. Pirlo è marcato a uomo, a centrocampo gli azzurri giocano quasi da fermi, la circolazione di palla è una chimera. Solo Marchisio prova a vivacizzare la manovra, ma la percentuale di lanci lunghi dice che la missione bel gioco non è centrata.

La partita vive così di fiammate individuali, e gli attacchi azzurri ottengono solo una sfilza di calci d’angolo (sette nella prima frazione). Al 10’ ci prova Diamanti su punizione, due minuti più tardi Osvaldo di testa sfiora il raddoppio su angolo di Pirlo. Sprazzi di gioco al 16’, quando ancora Marchisio lancia in profondità Osvaldo che si infila bene, ma è anticipato una frazione prima della battuta a rete dall’italiano del Latina Ajus. Malta si merita applausi di incoraggiamento per il pallonetto da centrocampo col quale capitan Mifsud, unica punta, prova a beffare Buffon. Ma è attorno alla mezzora che il capitano è davvero impegnato da un tiro da fuori di Sciberras. Se anche Pirlo sparacchia alta una punizione, vuol dire che la serata è senza genio.

Così alla ripresa Prandelli cambia di nuovo. Fuori il deludente Diamanti, dentro Insigne, all’esordio azzurro.

L’Italia si veste di un 4-3-3, terzo modulo in due partite. Il piccolo attaccante Napoli ravviva l’azione, con un dribbling secco a sinistra in apertura crea la palla gol per Osvaldo. Sono soprattutto il piglio e il dinamismo azzurri ad essere diversi. Così nel primo quarto d’ora Nocerino si trova due volta da solo in area a destra, ma sul cross al centro c’é l’uscita del portiere Hogg.

Insigne incanta con doppi dribbling in area al 15’, peccato sull’ultimi si allunghi troppo il pallone. C’é anche lo spazio per un brivido difensivo, quando Osvaldo perde palla a centrocampo e il difensore Dimech è lasciato solo fino al tiro dal limite, alto. Ci prova allo stesso modo, al 23’, Marchisio e il suo sinistro teso meriterebbe miglior sorte. E’ comunque dal suo lato del campo che l’Italia si rende più pericolosa.

Insigne è un pericolo costante, gli manca solo la precisione dell’assist ma gli spazi se li crea sempre. Intanto il pubblico di Modena chiede Pazzini e Prandelli lo accontenta richiamando Osvaldo. E’ ancora Destro alla mezzora a rendersi pericoloso, sul lancio in profondità di Nocerino che Ajus e il portiere Hogg vanno a contrastare a due metri dal possibile raddoppio.

A questo punto l’Italia si specchia perfino troppo nella limpidezza delle sue azioni, come Pazzini che un attimo dopo di tacco prova il gol su assist di Insigne. Ci pensa Schembri con un dribbling in area azzurra che ne lascia tre di stucco a ricordare alla squadra di Prandelli che la partita non è per niente chiusa.

Scampoli di partita per Giovinco, che al posto di Destro si piazza dalla parte opposta di Insigne per aprire il gioco anche lui. Neanche le uscite a vuoto del portiere Hogg sembrano bastare per arrotondare il risultato, e quando al 2’ di recupero Pazzini lo scavalca in pallonetto ma si mangia il raddoppio a porta vuota sembra davvero finita. Fino alla girata di testa di Peluso all’ultima giocata, che decreta il 2-0 finale.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora