“Sovversivi ma non terroristi”: Cassazione conferma pene ridotte

Pubblicato il 11 settembre 2012 da redazione

ROMA – Confermate, dalla Cassazione, le condanne a pene ridotte inflitte nel processo d’appello bis a 11 neo-brigatisti accusati di avere in preparazione un attentato al giuslavorista e parlamentare Pietro Ichino: le cosiddette Nuove Br del Partito comunista politico-militare, secondo la Suprema corte, non possono essere considerate un’organizzazione terroristica.

La II Sezione Penale della Cassazione (presieduta da Stefano Agrò) ha infatti dichiarato inammissibile il ricorso con il quale la Procura Generale di Milano chiedeva il ripristino dell’accusa di terrorismo, che avrebbe ridato vigore alle pene più aspre inflitte nel primo processo di appello. Era stata la stessa Cassazione, il 23 febbraio scorso, con un verdetto della Quinta sezione penale, ad annullare con rinvio quelle condanne, ritenendo non configurabile la matrice terroristica dell’organizzazione neobrigatista. Il 28 maggio, la Corte d’assise d’appello di Milano, seguendo la stessa impostazione, ha fatto cadere l’accusa di associazione sovversiva con finalità terroristiche. Secondo i giudici di secondo grado, il gruppo – smantellato nell’operazione ‘Tramonto’ del 2007, coordinata dal pm Ilda Boccassini – aveva sì ‘in testa’ un ‘’disegno eversivo’’ e ‘’sovversivo’’ e stava progettando una serie di azioni, caratterizzate però ‘’da violenza generica e non terroristica’’.

I neobrigatisti, hanno scritto i giudici d’appello nelle motivazioni, hanno una ‘’aberrante visione ideologica’’ e non disdegnano ‘’affatto la violenza della guerra, che anzi rappresenterà’’ per loro ‘’il momento finale dello scontro di classe’’; volevano fare ‘’proseliti’’ attraverso la ‘’propaganda armata’’ e per questo stavano preparando ‘’plurimi attentati’’ e uno dei loro ‘’obiettivi politici’’ era proprio il giuslavorista Pietro Ichino. Malgrado ciò – ha stabilito la corte d’assise d’appello di Milano – non si può dire che le cosiddette Nuove Br del Partito comunista politico-militare abbiano agito con ‘’modalità terroristiche’’, perché i loro ‘bersagli’ erano mirati, ossia scelti e individuati con precisione, e i presunti brigatisti si ponevano ‘’il problema di evitare gli ‘effetti collaterali’ della loro azione eversiva e violenta’’, poiché non era loro intenzione ‘’generare panico o terrore’’.

Con la decisione di ieri la Cassazione ha definitivamente convalidato gli sconti di pena agli imputati, sanciti dal secondo processo d’appello. Alfredo Davanzo, l’ideologo del gruppo, è stato così condannato a 9 anni di reclusione; Davide Bortolato, considerato il leader padovano dell’organizzazione, a 11 anni e Claudio Latino, il capo della cellula milanese, a 11 anni e mezzo. Poi 5 anni e 3 mesi per Massimiliano Gaeta; 8 anni per Bruno Ghirardi; 10 anni per Vincenzo Sisi, che sarebbe stato a capo del nucleo torinese; 7 per Massimiliano Toschi; 2 anni e 2 mesi per Amarilli Caprio, Alfredo Mazzamauro e Davide Rotondi; 2 anni e 4 mesi per Andrea Scantamburlo. Assolto invece un dodicesimo imputato, Salvatore Scivoli.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora