TENNIS: Italia di Davis in coro: “Dobbiamo restare in A”

ROMA – La sfida contro il Cile, valida come spareggio per restare nel World Group della Coppa Davis, in programma nel week-end a Napoli, sulla carta non presenta troppe insidie per gli azzurri. “Siamo favoriti, non c’è dubbio – ammette Andreas Seppi – ma siamo in Davis ed è sempre una partita da giocare. Ci stiamo allenando bene. Il campo è buono: in questi giorni è diventato un pò più secco e si scivola un pò vicino alle righe (oggi peraltro è attesa la pioggia) ma è uno stadio bellissimo. È un anno che siamo tornati in serie A, dopo undici anni di attesa, e ora dobbiamo fare di tutto per restarci. Se sento la responsabilità di essere il numero uno della squadra? Sinceramente no”.

Ottimista Simone Bolelli: “Siamo i più forti, e abbiamo anche il vantaggio di giocare in casa”. “Siamo favoriti perché giochiamo davanti al nostro pubblico ma in Davis non c’é mai niente di scontato – ribadisce Fabio Fognini – Certo è una situazione migliore rispetto alla trasferta di Santiago dello scorso anno”.

I complimenti alla location partenopea arrivano soprattutto da Corrado Barazzutti: “E’ un posto meraviglioso – dice il capitano azzurro – hanno costruito un bellissimo campo ad un passo dal mare. I ragazzi sono pronti e stanno tutti bene. Sono dei professionisti e sanno che i match si vincono sul campo. E che le classifiche in Davis non contano. Perdere in trasferta contro la Repubblica Ceca lo scorso marzo non è certo stato un disonore – aggiunge – siamo qui per restare nel World Group, poi il prossimo anno penseremo a puntare più in alto”.

Condividi: